Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 15/06/2018
RISTORAZIONE

Terraferma, un pezzo di Mediterraneo a Milano

Il Ristorante TERRAFERMA si trova ai confini del quartiere dei grattacieli di Milano, quella Porta Nuova che è decantata su tutti i media del mondo.

E non poteva esserci posto migliore per respirare aria internazionale e sapori di Mediterraneo nel cuore dell’area in svilippo della dinamica capitale del Nord Italia. Soffitto in legno e travi a vista, luce, a sfiorare arredi dalla sobria eleganza e ariose nicchie con vini di pregio. Mentre il ghiaccio accoglie una distesa di pesce freschissimo, l’acquario ospita gli astici e il fuoco del forno a legna accarezza una pizza fragrante. Incarna tutti gli elementi il ristorante Terraferma, il cui nome fa chiaro riferimento a una cucina solida e sincera, schietta e genuina, le cui radici affondano nella mediterranea cultura.

Vivacizzata da leggerissime influenze calabro-lucane. Uno spazio contemporaneo e di classe, aperto tutto agosto e orchestrato con passione dai fratelli Massimo e Franco (dalle origini calabresi) e dallo chef Giovanni (proveniente dalla bella Basilicata). Un appetitoso approdo per un pranzo o una cena, da assaporare nel dehors o nella sala raffinata. Preziosa di salottieri e conviviali divani, illuminati da moderne lampade dalle curvilinee forme.

 

MEDITERRANEO VERACE – Terra e mare. Pesce e carne. Pasta fatta in casa e pizze variegate. Sono loro i veri attori di un menu che attinge dalla tradizione non rinunciando a un tocco d’estro. Ecco allora gli scialatielli dello chef con n’duja calabrese, salume dal colore rosso acceso, dalla morbida texture e dal sapore piccante, vista la presenza del peperoncino. Per un primo piatto di carattere, in cui la suina prelibatezza viene saltata in padella con un poco di salsa di pomodoro. Intanto, il filetto di branzino lascia il palato delicato. Spinato, coperto da sfoglie di patate, arricchito da pangrattato, olio, sale e prezzemolo e poi passato al forno. Mentre il baccalà fritto sposa i lucani peperoni cruschi.

E per chi preferisse la carne? La parola d’ordine è Chateaubriand: 500-600 grammi di tenerezza (per due persone) grigliata su pietra lavica con corredo di verdure (melanzane, zucchine, radicchio e carote). Una bontà che poi viene tagliata, scaloppata, adagiata sugli ortaggi, scottata in forno e presentata sul piatto da portata. Per una delizia da acquolina in bocca. A completare il tutto? I dolci della casa nonché una lista dei vini capace di contemplare circa 150 etichette di bianchi e rossi.

ORARIO – Il ristorante è aperto tutti i giorni dalle 12 alle 15 e dalle 19 all’una di notte.

Ristorante Terraferma

Via Melchiorre Gioia, 63 – Via Melchiorre Gioia, 63 – 20124 Milano 20124 Milano Tel. 02.67382378 – Fax 02.67077107

info@ristoranteterraferma.it www.ristoranteterraferma.it



Design of desire - 10/03/2018

Il designer Giovannoni all’Unes

"Il Design nella Grande Distribuzione: Unes apre le corsie a prodotti emozionali belli e buo [...]

Society - 27/10/2016

Altri tempi, altri miti è il tema della Quadriennale di Roma

La Quadriennale d’arte di Roma è arrivata alla 16esima edizione. Nata nel 1927 su organizzazi [...]

Leisure - 23/03/2018

L’audace rilettura di Spoon River a firma Enzo Moscato

Debutta, al Teatro Nuovo di Napoli, Raccogliere & Bruciare scritto, diretto e interpretato da En [...]

Top