Magazine - Fine Living People
18/11/2018 - “Sotto la pelle del progetto” – Redesco a Bookcity Milano
Targets

Targets - 24/10/2018
THE HATE U GIVE

“The Hate U Give” è un film di denuncia dall’America. Che va bene anche qui.

Per una curiosa coincidenza, da quando questa tredicesima edizione della Festa del Cinema è iniziata si è notato un particolare: il cinema americano si è presentato con più film in cui vengono trattate, stranamente, solo due tematiche sociali ma non di poco conto: l’omosessualità ed il razzismo. Su quest’ultima tematica fa piacere segnalare ‘The Hate U Give’, tradotto in italiano e non in maniera letterale ‘La strada della giustizia’. Ma è più comprensibile il titolo originale.

Il lungometraggio, tratto dall’omonimo romanzo di Angie Thomas, è incentrato sul dramma dei neri uccisi dalla polizia ma, è proprio questa la novità, visto attraverso la prospettiva degli afro-americani. Il regista George Tillman Jr, supportato anche dalla sceneggiatura di Audrey Wells, sviluppa la trama attraverso la presenza preponderante del pregiudizio che si insinua nella società e, come conseguenza, provoca paura ed alimentando avversioni ingiustificate. Non solo tra bianchi e neri ma anche all’interno della medesima comunità afro-americana.

La scelta da parte della scrittrice di scegliere come protagonista, scelta poi confermata anche dal regista, di far analizzare la vicenda attraverso gli occhi di una ragazzina rende ancor tutto più crudo e drammatico ma, al tempo stesso, è un modo per far aprire gli occhi su un problema ancora non risolto negli States.

Tutto ruota intorno nel modo in cui l’odio stesso si insinua in alcuni insegnamenti o nel modo di pensare nella società americana e che, purtroppo, finiscono di intaccare le giovani generazioni. Questo concetto è espresso in un verso citato, durante il film, del rapper afro-americano Tupac Shakur.

Ogni personaggio rappresenta una posizione nella società della comunità nera, anche il poliziotto afro-americano è stato pensato appositamente per far capire quale sia la vera mentalità della polizia americana distorta, purtroppo, da alcuni vigliacchi che si nascondono dietro il distintivo.

Si vocifera che ‘The hate you give’ sarà, forse, protagonista agli Oscar del 2019. Non è un errore pensarlo ma un vero ‘pregiudizio’ semmai non entrasse almeno nella cinquina finale.

 

Testo a cura di Vincenzo Pepe, corrispondente The Way Magazine da Roma



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Design of desire - 15/12/2016

Eleonora Fiori e l’arte retrò della carta da parati

Riservata ed elegante, Eleonora Fiori è una giovane designer e artista di Piacenza che ha fatto del [...]

Fashion - 13/06/2018

Occhialeria Artigiana partita dalla finanza, arriva alla moda

Occhialeria Artigiana è un brand che partendo dalla passione ha travalicato i confini di finanza e [...]

Leisure - 05/10/2018

La linea d’acqua di Milano, alla Permanente la mostra fotografica

Per i 90 anni di Gruppo CAP le foto di Lorenzo Maccotta e le immagini vincitrici del contest su Inst [...]

Top