Magazine - Fine Living People
18/11/2018 - “Sotto la pelle del progetto” – Redesco a Bookcity Milano
Targets

Targets - 31/01/2018
PERSONALE

TIno Sehgal alle Officine di Torino

OGR – Officine Grandi Riparazioni di Torino portano in Italia una personale dell’artista Tino Sehgal (Londra, 1976), la prima di una serie di mostre individuali che occuperanno il Binario 1 delle Officine Nord dell’edificio.

Per gli ampi spazi delle OGR Sehgal – già Leone d’Oro alla Biennale di Venezia 2013, di ritorno per la prima volta in Italia con un progetto personale dopo aver realizzato la mostra nel 2008 con la Fondazione Nicola Trussardi e aver rappresentato la Germania alla Biennale di Venezia del 2005 – ha ideato una complessa coreografia che vedrà la partecipazione di cinquanta interpreti, pensata come un unico grande movimento in continua mutazione durante il corso della settimana.

Da quello che Sehgal definisce come uno “sciame” di corpi, da una coreografia che presenta movimenti pensati appositamente per questa occasione, avranno origine, infatti, una serie di specifiche “situazioni”. In questa presentazione le singole opere dell’artista – considerate come entità discrete che possono essere separate tra di loro e dal processo della loro produzione – diventeranno scene o momenti, elementi che prendono forma temporaneamente in un gioco d’incontri che risponde a circostanze specifiche: il numero degli spettatori, il loro modo di interagire, o il periodo del giorno in cui questi incontri avverranno.

Tino Sehgal è unanimemente riconosciuto come uno degli artisti più importanti della sua generazione. La sua formazione, che unisce studi di danza (Essen) e scienze economiche (Berlino) si riflette profondamente nella sua ricerca. Criticando il modello basato sulla trasformazione delle materie prime in beni di consumo, Sehgal vede in linguaggi come la danza e la musica paradigmi alternativi ai modelli produttivi vigenti. Il movimento del corpo umano e il canto diventano qui gli unici materiali espressivi di una pratica che non produce alcun resto oggettuale. Attraverso queste forme “immateriali” ed evitando di documentare le sue opere, l’artista veicola una profonda riflessione sulla produzione e distribuzione dei beni di consumo.

Il 2 febbraio la mostra di Tino Sehgal e Trasnatural Shop saranno aperti al pubblico dalle 11.00 alle 21.00

 



Society - 04/11/2018

Grapes in town la Vendemmia di Torino

Le eccellenze vitivinicole piemontesi si sono avvicinate al pubblico  in una vetrina “in the city [...]

Design of desire - 13/06/2018

Print Italia, la tecnologia rende bella l’immagine

Stampati editoriali, libri fotografici e soluzioni luminose. Sono tante le fotografie realizzate da [...]

Leisure - 20/11/2017

Quando Modena era Mutina

Sono passati 2200 anni dalla fondazioni di una delle capitali della cultura italiana, Modena. Si chi [...]

Top