Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 20/05/2017
NOTE

Vito Lo Re compositore per il cinema omaggia in musica la settima arte

VITO LO RE, compositore e direttore d’orchestra milanese, sta per uscire con l’album d’esordio “35mm” (il 26 maggio per Stradivarius). Già il titolo dell’album rivela una sua propensione per il cinema; nella sua carriera infatti, oltre ad essere autore di commedie musicali e musical, ha scritto moltissime colonne sonore per cortometraggi e documentari, film e trasmissioni televisive.

“35mm” contiene 23 brani composti, orchestrati e diretti dal maestro,  che nascono dalla suggestione di un’immagine, di un’atmosfera che proviene dal mondo del cinema: può essere un grande kolossal (come “Brave Heart” o “Il Signore degli Anelli”), una brillante commedia italiana (come “Notte prima degli esami”), o una produzione indipendente (come i brani scritti per il film “Lacrime di San Lorenzo”).

«Io ho sempre avuto una forte predisposizione a scrivere musica per commentare immagini – racconta – mi è sempre venuto naturale. Che cosa è quindi “35mm”? Si potrebbe forse definirlo una library con diversi mood, ma perché trovare a tutti i costi una definizione? “35mm” è il mio omaggio al cinema, la mia dichiarazione d’amore per la settima arte”.

Vito Lo Re è anche autore di commedie musicali, musical, musiche per cortometraggi e documentari, film e trasmissioni televisive nonché orchestratore e arrangiatore. All’attività di direttore d’orchestra affianca da sempre importanti collaborazioni in ambito pop e rock. Come direttore d’orchestra o arrangiatore ha lavorato con: Arisa, Edoardo Bennato, Mario Biondi, Max Gazzè, Gilberto Gil, Bobby Kimball (Toto), John Mahon e Nigel Olsson, (Elton John Band), Massimo Ranieri, Rhapsody of Fire, Toquinho, Davide Van de Sfroos, Amii Stewart.

 

Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Design of desire - 07/11/2016

Gabriele Zago: “I miei Geocarpets per vedere il mondo dall’alto”

Gabriele Zago, da artista giovane e curioso delle sperimentazioni, ha fatto dei viaggi che è riusci [...]

Leisure - 02/02/2017

Mauro Balletti ci fa vedere anche Mina che si nasconde

Due sono le cose che probabilmente accomunano Mina a Mario Balletti. L'ironia e l'essere schivi. Per [...]

Trends - 31/01/2016

Indossiamo la Primavera di Botticelli

Trovandosi davanti la Primavera di Botticelli agli uffizi di Firenze sono tante le emozioni e i pens [...]

Top