Magazine - Fine Living People
Travel

Travel - 09/04/2018

Ci sono 100 ristoranti con stelle Michelin nelle Fiandre

Una regione grande la metà della Lombardia è al centro d'Europa. Con 6 città d'arte e la mitica qualità di vita belga. Scopriamola.

Dimenticatevi solo birra e cozze. L’amore per il cibo e il sapore è nel sangue dei fiamminghi, i belgi che vivono a nord di Brussel e che sono il vero cuore d’Europa. A poche ore da Londra, Amsterdam, Parigi e le metropoli tedesche. Hanno il mare, città d’arte, una pianura incontaminata e ben 6 città d’arte: Anversa, Bruges, Brussel, Gent, Leuven e Mechelen. In più, tutti i comfort e il progresso di una nazione civile in pieno boom.

E ora scopriamo che anche il gusto fa parte della bella vita fiamminga. Nelle Fiandre ci sono elementi food ben riconoscibili: patatine fritte, birra e cioccolata, ma c’è molto altro da scoprire. Emergono piccoli microbirrifici, i giovani chef stanno innovando in cucina con le ultime “ratio” eco-friendly sperimentando ingredienti locali. I cioccolatieri stanno ridefinendo la classica pralina e lo street food sta prendendo il sopravvento nelle strade, complice un’orgogliosa riscoperta delle tradizioni perdute.

Competenza e know-how vengono tramandati da genitore a figlio. Una giovane generazione creativa sta vivendo una nuova vita e così si contano 97 ristoranti con stelle Michelin, con una delle densità più elevate al mondo di ristoranti di alta classe. Quindi, chiunque voglia mangiare al più alto livello nelle Fiandre non avrà difficoltà.

Il Salsifis di Anversa. Stile anche nell’accoglienza.

I GRANDI – Per oltre 30 anni lo chef Peter Goossens è stato il capostipite della gastronomia fiamminga con il suo ristorante con tre stelle Michelin Hof van Cleve. Si trova nel countryside belga ed è al top del mondo con altri nomi grandi della cucina mondiale. Si tratta di uno dei luoghi più raffinati della nazione e ha come enfasi l’utilizzo di prodotti locali come bandiera per l’esportazione della cucina di questa regione nel mondo.

In Belgio sono successe delle cose negli ultimi anni che hanno portato in avanti la società e le abitudini dei locals. Più di 10 anni fa Gert De Mangeleer e il suo socio, il sommelier Joachim Boudens, hanno dato il via al ristorante Hertog Jan, nella cittadina pittoresca di Zedelgem, non lontano da Bruges. Oggi hanno tre stelle Michelin e un’intera fattoria da cui attingere prodotti e sapori.

Segnatevi questo nome: Dennis Broeckx, uno dei ribelli del cibo di Anversa non-ortodosso. O per meglio dire una delle punte di diamante del movimento di cui tutti parlano, i Flanders Kitchen Rebels, un collettivo che rappresenta i nuovi chef fiamminghi che cucinano a zero rifiuti con teorie “sharing”.

Questi cuochi usano solo prodotti del territorio e cucinano piatti creativi ma senza orpelli con un focus sulla sostenibilità e ciclicità degli ingredienti. Questa nuova generazione di creativi in cucina è anche molto giovane: i suoi top chef hanno non più di 35 anni.

Dennis Broeckx ha due ristoranti nella zona sud di Anversa: L’épicerie du Cirque (Volkstraat 23) e Comptoir (Volkstraat 27).
DINNER IN THE SKY – Un’occasione unica è l’alta cucina di Brussel. Alta nel vero senso della parola visto che a giugno nella capitale belga si può cenare in cielo, su un braccio di una gru che sospende nell’aria un ristorante volante. CI sono 22 posti ogni sera per due turni e uno chef stellato per dare vita a questa esperienza unica.
Si tratta di un’esperienza che con cibi rari e vini pregiati ha già fatto il giro del mondo (Sydney, Toronto, Rio, Monaco…) con protagonisti illustri (Joël Robuchon, Pierre Gagnaire, Alain Passard…). Per info qui.



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Fashion - 27/09/2016

Massimo Rebecchi, il glam dei colori sorbetto

Massimo Rebecchi punta al glamour e alle sovrapposizioni di stili per la donna estiva 2017. Lo stili [...]

Fashion - 15/11/2016

Salvatore Santoro raffinato brand di pelle made in Naples

Le collezioni Salvatore Santoro raccontano una storia tutta italiana, fatta di passione, [...]

Leisure - 21/06/2017

Vhelade, AfroSarda con lo stile nell’anima

https://www.youtube.com/watch?v=4BYr85k7g2U L'imprinting modaiolo per Vhelade, ex modella e ora a [...]

Top