Magazine - Fine Living People
Travel

Travel - 04/02/2019

Festa per Vilnius, la capitale lituana ha 696 anni

Una città nella città: le luci e il distretto artistico della capitale baltica. Con sempre nuove iniziative per deliziare i turisti.

Non era per una cifra tonda ma i festeggiamenti di Vilnius sono stati davvero grandi quest’anno. È stato un weekend da ricordare nella capitale della Lituania, in quanto residenti e visitatori della città si sono riuniti per celebrare il 696 ° anniversario di Vilnius. Nonostante l’età relativamente antica della città, la celebrazione lunga un fine settimana è stata piena di esuberanza giovanile. Tra le attività previste per la festa di compleanno c’era uno spettacolare Festival delle luci, che si è svolto per l’intero weekend.

Lo spettacolo è stato un dono della città: artisti provenienti da otto paesi diversi sono venuti a Vilnius e hanno collaborato a 22 installazioni luminose uniche, dando a tutti l’opportunità di vedere molti dei monumenti della città vestiti con colori abbaglianti e vibranti. Questi punti di riferimento comprendevano edifici storici e iconici, ponti, chiese e piazze all’interno e intorno al centro storico della città, dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

Una delle installazioni più intriganti è stata quella che illumina uno dei punti di riferimento più notevoli della città: la collina delle tre croci, che si trova sopra la piazza della cattedrale. L’installazione ha utilizzato sensori posizionati attorno alla città per misurare gli stati emotivi e fisiologici delle persone, nonché i loro livelli di coinvolgimento, e ha utilizzato questi dati per proiettare i colori che rappresentano le emozioni più comuni sulle croci. Unica al mondo, questa installazione interattiva ha visto le croci cambiare colore ogni tre secondi, a seconda dell’atmosfera e dell’umore generale in tutta la città.

Il compleanno ufficiale di Vilnius, il 25 gennaio, segna il giorno nel 1323 quando Gediminas, il Granduca di Lituania, inviò una delle sue lettere più famose che portava notizie di Vilnius in altri paesi europei. Come tale, questo giorno segna il punto nella storia quando Vilnius divenne parte della mappa dell’Europa. Quasi sette secoli dopo, la città continua a onorare l’intento iniziale di Gediminas: costruire una comunità aperta e inclusiva che inviti pensatori innovativi e idee brillanti per contribuire alla sua crescita continua. Vilnius oggi, per esempio, è la capitale europea degli open data.

Vilnius Light Festival Fluxus Bridge Installation (foto di Saulius Ziura)

Le tre croci di Vilnius (foto di Saulius Ziura)

Trovare i luoghi bizzarri e nascosti in una città potrebbe non essere sempre un compito facile quando si viaggia. Ad esempio, come si fa a sapere che c’è un pianoforte lungo il fiume che puoi suonare, o che puoi ottenere un timbro speciale sul passaporto a Vilnius?

Il quartiere bohémien di Užupis è sicuramente una di quelle gemme, e ora è più facile che mai trovare i suoi angoli più intriganti. Questo perché la singolare e un po’ eccentrica Repubblica indipendente di Užupis ha un nuovo percorso turistico, mentre scrittori e giornalisti amano le visioni cinematografiche e l’atmosfera liberale del distretto. La Lonely Planet ha anche individuato Užupis come un’area di particolare interesse quando dichiara che Vilnius è una delle destinazioni di viaggio più raccomandate in Europa.

L’idea di creare una finta repubblica, nata all’interno della comunità locale di Užupis, è diventata una delle aree chiave di Vilnius da visitare: il nuovo percorso e la mappa del tour apriranno il distretto fino ai turisti, che saranno in grado di esploralo da solo, scopri di più sulla repubblica e sentiti come la gente del posto”, dice Inga Romanovskienė, direttrice di Go Vilnius, l’agenzia ufficiale per lo sviluppo del turismo e del turismo della città.

Užupis ha un’atmosfera e una storia distinte, ma è anche eccezionalmente aperta e attira i visitatori nel suo ambiente giocoso quasi senza sforzo. “Puoi suonare il pianoforte lungo il fiume, fare un giro sul Destino del destino, che pende dal ponte principale del distretto, o leggere la Costituzione Užupis nella tua lingua.I turisti torneranno a casa con alcuni ricordi incredibili di questa meravigliosa esperienza”.

Il distretto dichiarò l’indipendenza il 1 aprile 1997, probabilmente scegliendo quella data specifica per sottolineare la natura umoristica dell’intera faccenda. Il distretto ha il suo presidente, la sua costituzione, la valuta, l’inno, l’attraversamento del confine e i cittadini onorari. I visitatori possono uscire sotto la famosa scultura di angelo a guardia del distretto o inviare una cartolina con un francobollo speciale a Magnets & Miracles, che funge da Užupis Information Centre e Post Office.

Il quartiere artistico di Vilnius,Užupis.

Esiste una nuova mappa del percorso e scopri qualcosa di nuovo dietro ogni angolo. Installazioni d’arte nell’incubatrice d’arte Užupis, panorami mozzafiato dalle colline del distretto, o la piccola chiesa di San Bartolomeo sulla riva del fiume Vilnelė. È anche possibile seguire lo storico sentiero del patrimonio ebraico o cercare un’architettura in legno unica.

Vilnius è anche stata selezionata come uno dei 34 siti Patrimonio dell’Umanità presenti nell’UE nella piattaforma web di viaggi sostenibili “World Heritage Journeys”.



Luxury - 27/07/2017

Champagne e design, benvenuti al Twiga

Al Twiga Beach Club design e champagne sono all'ordine del giorno (e della notte). Uno dei punti di [...]

Fashion - 27/12/2018

Josè Lombardi: “Nella mia moda la passione del Brasile e l’eleganza dell’Italia”

Lo stilista Josè Lombardi, 36 anni, brasiliano di nascita, originario di Morcone in provincia di Be [...]

Travel - 21/06/2017

I Sandals Resort di St Lucia, sogno sull’acqua

L'esclusiva esperienza pieds-dans-l'eau è ora disponibile per gli ospiti del Sandals Grande St. Luc [...]

Top