Magazine - Fine Living People
Travel

Travel - 01/05/2018

I Rolli di Genova, palazzi patrimonio mondiale

In vista della partenza del primo Festival del Mare abbiamo visitato l'antica repubblica marinara. Che oggi in Italia vive un rinnovato splendore.

Tra i caruggi genovesi, intendiamoci, non è che splende pulizia e aria di rinnovamento. Quell’atmosfera sinistra e di tensione culturale tipica dei luoghi di incontro resta vivace anche nella Genova del 2018. Ma l’aria di questi tempi è davvero diversa, complice un’ondata di turismo di cui l’Italia sta beneficiando da un paio d’estati a questa parte.

E l’antica repubblica marinara italiana (che nel 1100 regnava tra i traffici internazionali e batteva moneta) ritrova lo splendore anche grazie al rinnovato interesse culturale. C’è una mostra di Picasso (al Palazzo Ducale fino al 6 maggio) e ci sono i palazzi dei Rolli patrimonio dell’Unesco. Si tratta di un gruppo di palazzi nobiliari nel cuore del centro storico che degrada sul porto, che al tempo dell’antica Repubblica ospitavano le personalità in visita alla città. Si chiamano dei Rolli perché tra le liste (rolli) degli alloggi pubblici erano sorteggiati per dare ospitalità. E hanno mantenuto questa funzione fino al tempo del Grand Tour per tutto l’800, tanto che oggi sono in ottimo stato e ricchi di arredi preziosi.

Il 19 e 20 maggio 2018 torna la manifestazione Rolli Days che ne celebra l’apertura straordinaria continua. Poi si ripeterà a ottobre.

Abbiamo visitato il Palazzo Rosso, il Palazzo Bianco e il Palazzo Doria-Tursi. In tutto, i palazzi genovesi inseriti nel patrimonio Unesco dal 2006 sono 42. Per questo meritano una visita dedicata.

I pavimenti dei palazzi storici di Genova creano uno stile a parte: marmo dalle cave di Liguria e Massa Carrara, che seguono gusti estetici dei vari secoli con pietre spesso policrome.

Dato l’intricato tessuto urbano dei caruggi, questi palazzi sovente rivelano giardini sopraelevati, scale nascoste e cortili sospesi con viste mozzafiato su tutto il golfo ligure.

Secondo la targa posta in via Garibaldi a memoria dell’inclusione nel patrimonio Unesco “la bellezza di questi palazzi esprime una singolare identità sociale ed economica che inaugura l’architettura urbana di età moderna in Europa”.

Capita anche di imbattersi in location esclusive, come The Cook, il famoso ristorante di recente apertura dello chef star Ivan Ricchebono, all’interno del Palazzo Branca Doria, nel centro della città, con la sala da pranzo in un salone affrescato nel 1618 da Bernardo Strozzi.

Ivan Ricchebono, con il sous chef Marco Primiceri, ha lasciato il Grand Hotel di Arenzano, poco fuori Genova, per insediarsi in questa location storica. Cucina da febbraio 2018 Cavo di vico Falamonica, ristorante di Alessandro Cavo, l’ultimo erede degli Amaretti di Voltaggio.

Il palazzo è del 1200 con rifacimenti esterni visibili databili tra il 1400-500 ed è ancora più affascinante perché tuttora “vissuto”. Come del resto tutta l’area genovese che vedete nelle nostre foto, che alterna scrigni culturali di assoluta importanza a zone più proibite che da secoli compongono il mosaico ammaliante della città della Lanterna.

Su VisitGenoa le info per il festifal del mare (10-12 maggio) con riferimenti alle mostre, tra cui una di dipinti sul mar ligure provenienti da collezioni private genovesi, che si inaugura il 10 maggio al Galata Museo del Mare.



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Design of desire - 01/06/2018

Immagine, le affissioni creative che incantano il mondo

Vi siete mai chiesti chi si cura delle affissioni creative e gigantesche, come quella che troviamo n [...]

Design of desire - 10/04/2018

Il gioiello è un “dramatic luxury” per Atelier Jen

Li abbiamo scoperti nell'ultima tornata di fashion show a New York per Helen Anthony e ce ne siamo r [...]

Trends - 29/07/2018

I chav e l’utility vest sono la moda che verrà

Potrebbe essere vista come emergenza stile ma forse è soltanto un modo per sdrammatizzare i trend d [...]

Top