Magazine - Fine Living People
Travel

Travel - 17/10/2016

Lago di Como, CastaDiva Resort e Il Sereno aprono al design di lusso

Due nuovi hotel d'eccellenza sulle rive del Lago più famoso: CastaDiva Resort & Spa e Il Sereno. Vi mostriamo come sono.

Al Lago di Como gli arrivi di turisti negli ultimi 10 anni sono incrementati del 40% e molta di questa affluenza è dovuta alle straordinarie capacità ricettive della zona. Oltre alle ville di Berlusconi e Clooney (con relativo viavai di star e amici famosi), qui si incontrano reali, imprenditori, magnati, provenienti da ogni parte del mondo che arrivano per gustare il relax simbolo d’eccellenza delle vacanze italiane.

Abbiamo visitato il CastaDiva Resort & Spa, struttura 5* lusso sulla sponda orientale del Lago di Como, in uno scenario incantato, con suite e camere con la suggestiva vista sul lago, caratterizzate da eccellenti rifiniture e comfort di ogni genere per offrire agli ospiti un’esperienza irripetibile. Accanto all’hotel, è possibile prenotare anche soggiorni in due esclusive ville (Villa Anima e Villa Norma) differenziate per ambienti e atmosfere, ma non per servizi eccellenti.

Gli ospiti possono usufruire di tutti i servizi e comfort del Resort, avvolti dalla privacy ed esclusività della “loro villa” sul lago di Como. Maggiordomo e Chef privato sono a disposizione degli ospiti delle Ville, su richiesta.
Gli interni (curati dagli architetti Alice Fratti Lucini ed Erasmo Figini) privilegiano materiali ed eccellenze locali: la seta di Como, i materiali di pregio come il cotto lombardo o i pavimenti in legni pregiati sono elementi che insieme creano un’atmosfera calda e accogliente.

CastaDiva floating Lago di Como

Sul Lago di Como, la piscina galleggiante del CastaDiva Resort & Spa.

C’è una piscina galleggiante sul lago con jacuzzi, sundeck, pool bar. La piscina, tra le più grandi del nord Italia ha il doppio fondo a pantografo che la trasforma in una piattaforma, sfruttabile per aperitivi e feste, ha fontane perimetrali e una capienza di 180 persone. Il general manager Andrea Luri dice che “riservatezza e comfort sono le due parole chiave per chi frequenta la nostra struttura”. Altro punto caratterizzantesecondo il direttore marketing Miriana Verg è la presenza della Spa che si estende per 1300 metri quadrati, in cui l’attenzione per il proprio corpo è importante non solo per il benessere fisico, ma soprattutto per quello psichico, scegliendo con cura i prodotti per i nostri trattamenti tutti senza componenti chimici al loro interno”.

Il ristorante Orangerie, ristrutturato nel febbraio 2016, è supervisionato dallo chef  pluristellato Gennaro Esposito, con i piatti ricercati della tradizione italiana. C’è anche la possibilità di fare una giornata nella Spa o il giro turistico del Lago di Como a bordo della nuova barca completamente ristrutturata e messa a disposizione dei clienti (ospita fino a 28 persone).

A Torno invece inaugurato da poco Il Sereno, il primo investimento in Italia di Sereno Hotels, progettato dall’architetto e designer Patricia Urquiola. Primo e unico nuovo hotel inaugurato nella destinazione dopo decenni , Il Sereno è anche il primo nuovo hotel della catena (affiliato a Leading Hotels Of The World) a essere aperto dopo 10 anni.

Il Sereno ha un design d’autore nelle 30 suite di generose dimensioni, ognuna con la propria terrazza vista lago, tutte decorate con sobri colori caldi. Al nuovo 5 stelle si mangia coccolati dalle prelibatezze dello chef Andrea Berton, alla guida del ristorante Berton Al Lago. Patrick Blanc, l’acclamato botanico che firma i giardini verticali in tutta la proprietà. Seguendo il trend mondiale delle decorazioni green a parete, Blanc ci mette del suo realizzando tre distinti pezzi d’arte: due giardini verticali (Le Mirroir Vert du Lac e Le Canyon) e una scultura verde (Les Racines Echasees). Ogni opera si compone di migliaia di diversi tipi di piante.

Il sereno scalone Lago di Como

Patricia Urquiola, designer spagnola con studio a Milano, ha progettato gli interni ed esterni de Il Sereno.

Tra i Sereno Hotels già esistenti (Le Sereno, St. Barths e Villa Pliniana, storica residenza posizionata sempre a Torno, a circa 1 km da Il Sereno), questo è quello che ha puntato di più sul design, sempre in linea con il lusso della discrezione che caratterizza il brand dell’hotellerie. Si è accolti in camera da ambiente raffinato e minimal, con mobili su misura, tappeti, rivestimenti, lampade e vasche da bagno. Al centro della struttura svetta il sorprendente scalone disegnato da Urquiola come punto focale dello spazio. La designer ha firmato anche una linea di sciarpe e foulard realizzati localmente per le divise del personale dell’hotel. Una collezione personalizzata sarà invece a disposizione degli ospiti. Attraverso il giardino si arriva alla piscina da 18 metri a sfioro sul lago, una piccola spiaggia privata e il pontile per arrivare alle tre imbarcazioni create ad hoc dal Cantiere Ernesto Riva, eccellenza locale dal 1771. I due Jetto e la grande Vaporina, con interni firmati sempre Patricia Urquiola.

Per info su CastaDiva Resort qui

Per info su Il Sereno qui



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Society - 20/05/2018

Ecco tutti i vincitori del Festival di Cannes 71

L'Italia torna a casa dalla Croisette con un bel bilancio per questo Festival di Cannes 71. Nel [...]

Travel - 25/07/2017

Estate in città, il lusso della storia italiana rivive ai Due Torri Hotels

Il lusso italiano in dimore d'arte senza tempo: le città della penisola d'estate sono prese d'assal [...]

Design of desire - 18/09/2017

La Galleria Giordani porta il ricamo nell’arredo per yacht

Esiste un sottile confine tra arte e design che Galleria Giordani sta da qualche anno studiando e ap [...]

Top