Magazine - Fine Living People
18/11/2018 - “Sotto la pelle del progetto” – Redesco a Bookcity Milano
Travel

Travel - 18/10/2018

Un convento a picco sul mare, Hotel Luna d’Amalfi

Vi anticipiamo il progetto fotografico sulla costiera famosa nel mondo a cura di The Way Magazine e del fotografo Gianni Foraboschi.

Poter dire di aver dormito in un convento del 1200 a picco sul mare nella più bella costa del mondo è un privilegio per pochi. L’Hotel Luna ex convento di Amalfi sorge sulla strada tra Atrani e Amalfi, domina la curva che separa il resto della costa dalla grande insenatura della repubblica marinara più antica d’Italia. E soprattutto obbedisce all’origine della sua fondazione, che si fa risalire a San Francesco 800 anni fa.

Un’emozione speciale affacciarsi sul golfo di Salerno da queste finestre sospese nella roccia, come dimostrano le straordinarie foto di Gianni Foraboschi. Fanno parte di un progetto fotografico dedicato ad Amalfi che il fotoreporter farà uscire, curato da The Way Magazine, nel 2019.

L’albergo Luna dispone di camere vista mare e una cappella per celebrare matrimoni, oltre al celebre chiostro antico, una costante da queste parti per tutte le residenze di grande importanza e dal passato nobiliare o religioso, perfetto esempio di architettura moresca. Da 200 anni è stato riconvertito da convento francescano, prima in locanda e poi in albergo storico, gestito da cinque generazioni dalla famiglia Barbaro.

L’hotel Luna Convento di Amalfi visto dal mare (foto di Gianni Foraboschi per The Way Magazine)

Le camere, ognuna diversa dall’altra, godono tutte di una vista spettacolare sul mare dell’Antica Repubblica Marinara. Le decorazioni e l’arredo in stile mediterraneo contribuisco a ricreare quell’atmosfera calda e confortevole che da sempre contraddistingue l’Hotel Luna Convento. Nonostante la sua posizione appartata, l’albergo dista cinque minuti dal centro di Amalfi e ancora meno dalla spiaggia principale della località. A pochi passi, l’imbarco per Positano, Sorrento, Capri e Ischia.

In questo luogo, nell’antico chiostro, sono state collocate due gigantografie artistiche realizzate da Angelo Tajani per la ricerca storica e dal fratello Claudio per la parte grafica e fotografica, che illustrano il percorso del turismo dall’epoca dei viaggiatori del “Gran Tour” fino ai nostri giorni.

I pannelli evidenziano la provenienza dai cinque continenti dei visitatori attraverso una selezione di autografi, giudizi, carmi ed immagini estratti dai “Libri d’oro” degli ospiti dell’Albergo. I viaggiatori, tra i quali spiccano personalità internazionali del clero, della cultura, dell’arte, della politica e dell’aristocrazia, venivano richiamati in questi luoghi dalle bellezze della costa, dalla storia dell’antica Repubblica Marinara e dalle spoglie dell’apostolo Andrea tumulate nella cripta della cattedrale di Amalfi, che è raggiungibile con un percorso a piedi proprio da qui.

On 80 scalini appena si attraversa la strada ci si addentra in una torre saracena e si scende a livello del mare. Non c’è spiaggia ma la roccia stessa diventa scenario incantevole per un bagno in piscina che sfiora la costa più bella del mondo. Da un lato, in posizione privilegiata, Atrani, dall’altro l’antica repubblica marinara di Amalfi. La splendida piscina con acqua di mare, il solarium e la discesa a mare: luoghi ideali in cui trascorrere momenti di puro relax, lasciandosi cullare dal rumore delle onde e baciare la pelle dai caldi raggi del sole.

LA TORRE – L’albergo ha il Ristorante Torre Saracena situato in un’antica torre costiera di avvistamento, un tempo facente parte del complesso sistema difensivo organizzato dal Ducato Amalfitano per difendere la popolazione dalle frequenti incursioni dei pirati.

Si tratta di una terrazza panoramica, aggrappata alla nuda roccia, da cui si domina il meraviglioso panorama della baia di Amalfi.

Con un cocktail sulla terrazza della torre e un menù di pesce al Ristorante Torre Saracena, uno dei primi nella storia di Amalfi, si possono gustare i sapori e ricette tradizionali della gastronomia napoletana, che utilizzano materie prime locali e di altissima qualità.

L’EREMO – Oltre all’accomodation nel plesso centrale, l’offerta si è allargata con una villa privata lungo gli antichi percorsi collinari della costa. Dall’hotel si accede con una stradina a un eremo immerso nei colori sgargianti ed i profumi inebrianti di un rigoglioso limoneto. La vegetazione e i viali nascosti preservano la quiete e la privacy dell’Eremo di San Francesco, una luxury villa situata a pochi passi dal centro storico di Amalfi, in posizione assolutamente privilegiata, con una vista incantevole della costa e di quella che fu la prima delle quattro Repubbliche Marinare.

Foto dell’eremo di proprietà della struttura.

Realizzata nel XIII secolo da alcuni monaci francescani, oggi l’Eremo di San Francesco è una splendida location dotata di tutti i più moderni comfort, ideale per ospitare e rendere indimenticabile eventi importanti (matrimoni, meeting), il tutto lasciando inalterata l’architettura originaria della struttura che, anzi, si è arricchita nei secoli di preziose ed eleganti decorazioni.

La villa è composta da dodici camere doppie, con soffitto a volta o controsoffitto affrescato, finemente decorate in ceramica vietrese e dotate di TV LCD satellitare, telefono, connessione ad internet, aria condizionata e riscaldamento.

Anche la zona living, ampia e confortevole, è impreziosita da volte affrescate; la cucina, realizzata in muratura e ceramica vietrese, secondo i dettami della tradizione napoletana, è completamente accessoriata per lo chef personale di turno.

L’Eremo di San Francesco è prenotabile solo in esclusiva e partendo da in minimo di 8 camere.

Fotoreport per The Way Magazine: Gianni Foraboschi



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Society - 10/11/2016

Al premio Owenscorp per Artissima trionfano i galleristi brasiliani

L’iQOS Embassy di Torino ha ospitato in occasione di Artissima la prima edizione del  premio Owen [...]

Leisure - 10/12/2016

Villa Necchi alla Portalupa, le feste nel Pavese

Villa Necchi alla Portalupa, meravigliosa dimora storica a Gambolò, in provincia di Pavia, a due pa [...]

Leisure - 15/05/2017

Arnaldo Pomodoro sbarca all’Università Milano Bicocca

The Pietrarubbia Group di Arnaldo Pomodoro è stata inaugurata stamattina presso l'Università degl [...]

Top