Magazine - Fine Living People

Il trend dello storytelling contagia Isaia

Le spassose t-shirt date come gadget all’anteprima del film di Isaia Napoli non lasciano dubbi. Lo storytelling delle aziende di moda, anche attraverso scritte vintage che si rifanno ai polizieschi anni 70, è il trend più innovativo e creativo del momento.

Isaia non ha certo bisogno di affermazioni sul mercato. La scuola napoletana di alta sartoria su misura, specie da uomo, è conosciuta in tutto il mondo. C’è semmai bisogno di attualizzazione e di ricerca, anche per attrarre nuovi mercati. Insomma, il mondo non si ferma a chi arriva a Napoli e cerca un posto dove vestirsi bene.

E questo i fratelli Isaia l’hanno capito bene e ce l’hanno raccontato in un’esclusiva serata alla Triennale di Milano dove siamo stati accolti da un cocktail e da un ricco buffet partenopeo in mezzo ai modelli sui piedistalli. Nel mezzo, però, c’è stata la proiezione di un film, Tailor Made Crime, che è una dichiarazione di intenti per l’azienda.

Anzitutto perché é ironico, fatto bene e non appesantisce il messaggio di eleganza esclusiva che si vuole veicolare. Che sono poi i punti base da cui è partito con successo l’iperbole mondiale del marchio di Casalnuovo, la vecchia alcova dei sarti napoletani. La Savile Row del Sud Italia, insomma.

“A Tailor-Made Crime – ‘O stile chiamma, Napule risponne”, firmato dal regista Gianluca Migliarotti, è un thriller che presto si rivela parodia, più chic delle web series, meno pesante delle fiction da Rai Uno. La storia si ambienta nella sede storica della maison. L’escamotage è il binomio Napoli-Malaffare (sì, avete letto bene, si scherza su questo). Esilaranti equivoci da teatro napoletano e sequenze serrate si snodano in realtà in un racconto mai logoro ma interessante su cosa c’è dietro le creazioni di Isaia.

Isaia è l’eredità stilistica della Napoli bene che dal 1957 racchiude nel marchio “a forma di corallo” l’espressione più discreta e meno gridata dell’eleganza maschile. Ora che se ne sono accorti gli americani (shop in apertura a Los Angeles e New York) è tempo per noi di esaltarne le virtù.

Foto di: Christian D’Antonio


Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Society - 04/03/2016

Da MasterChef lo stile Joe Bastianich e Bruno Barbieri ora fa scuola

MasterChef fa tendenza in Italia e due dei suoi protagonisti, Joe Bastianich e Bruno Barbieri, sembr [...]

Society - 20/06/2018

Jalisse: “L’abbraccio con Patty Pravo e quello col nostro pubblico”

Hanno due figlie, Angelica e Aurora, ormai teen-ager e sono tornati per la prima volta a esibirsi da [...]

Travel - 03/03/2017

Con il Progetto per la Bellezza Brunello Cucinelli ha salvato la valle di Solomeo

Il Progetto per la Bellezza di Brunello Cucinelli ci ricorda di quanto bene la moda italiana possa f [...]

Top