13 Ottobre 2022

Cersaie 2022, progresso e bellezza della ceramica

Le collezioni più innovative: 41zero42, ABK, Alice Ceramica, Alpi Rubinetterie, Ceramica Sant'Agostino, Flaminia, Gypsum, Hidrobox, Lea Ceramica, Mobilduenne, Simas.

13 Ottobre 2022

Cersaie 2022, progresso e bellezza della ceramica

Le collezioni più innovative: 41zero42, ABK, Alice Ceramica, Alpi Rubinetterie, Ceramica Sant'Agostino, Flaminia, Gypsum, Hidrobox, Lea Ceramica, Mobilduenne, Simas.

13 Ottobre 2022

Cersaie 2022, progresso e bellezza della ceramica

Le collezioni più innovative: 41zero42, ABK, Alice Ceramica, Alpi Rubinetterie, Ceramica Sant'Agostino, Flaminia, Gypsum, Hidrobox, Lea Ceramica, Mobilduenne, Simas.

Multifunzionalità e ricerca dei materiali innovativi hanno monopolizzato l’attenzione alla 39esima edizione del CERSAIE, Salone internazionale della ceramica per l’architettura e dell’arredo bagno, che si è tenuta a Bologna lo scorso settembre.
Più di 90.000 i visitatori registrati, di cui circa la metà stranieri, raddoppiato il numero degli ingressi rispetto all’anno scorso dunque, e raggiunti quasi gli stessi numeri del pre pandemia.
Tra i 15 padiglioni e le 624 aziende presenti in fiera, tanta innovazione made in Italy degna di nota. Ed è anche il motivo per cui questa fiera continua a interessare e ispirare compratori e produttori nel mondo.

Le collezioni Mobilduenne viste a Cersaie si distinguono per la ricerca continua di soluzioni originali e dal design innovativo in grado di coniugare funzionalità avanzamento tecnologico.


Mobilduenne a Cersaie ha esposto la serie di lavabi Déjà Vu in diverse finiture in abbinamento con specchi tondi in un efficace allestimento che comprendeva anche mobili dai bacini integrati in diverse tonalità, e perfino un intero sistema lavanderia che è il sogno di ogni desperate housewife che si rispetti. La collaborazione col brand Nucci e col designer Roberto Cicchinè ha dato i suoi frutti.

Alice Ceramica 100% made in Italy da Civita Castellana, in provincia di Viterbo.


Accattivante anche l’allestimento di Alice Ceramica. L’azienda è stata una delle poche ad osare montando i lavabi Equilibrium come se fossero un’installazione svincolandoli dal loro consueto utilizzo. L’art direction di Massimiliano Braconi si fa notare.

Flaminia è sul mercato delle ceramiche e sanitari dagli anni Novanta. Questa soluzione si chiama Go Silent e prevede lo sciacquone silenzioso in un arredo di design made in Italy. L’allestimento della foto di apertura servizio, invece, si chiama Flaminia Lake.


Da CeramicaFlaminia invece, i sanitari galleggiavano come ninfee nel Lake Flaminia. La capacità di creare mondi, atmosfere, suggestioni negli spazi espositivi, è sicuramente quel plus che fa apprezzare maggiormente i prodotti e l’azienda perché ne veicola in qualche modo il messaggio, o quanto meno lo spirito. Onore al merito a direzione artistica di Giulio Cappellini, a cui proprio quest’anno è stato assegnato il compasso d’oro alla carriera. Ma il Cersaie è comunque una fiera commerciale di prodotti d’uso e nello stand anche una delle cose più singolari viste quest’anno: il nuovo sistema di scarico GoSilent.

Alpi Rubinetterie, dalla provincia di Novara al Cersaie di Bologna. I prodotti Alpi invitano al piacere e trasformano i gesti legati all’igiene personale in una esperienza di benessere.


Tra i prodotti maggiormente innovativi in esposizione, i soffioni doccia che diventano tutt’uno con la superficie in cui sono inseriti, ideati da Odo Fioravanti, uno dei più dotati designer italiani della sua generazione, per Alpi Rubinetterie. Scommettiamo che diventeranno una vera e propria tipologia che darà vita a numerose “reinterpretazioni”?

ABK produce pavimenti, rivestimenti, lastre di grande formato in gres porcellanato e ceramica per interni ed esterni, piani di lavoro e arredamento.
Ceramica Simas: collezioni di sanitari bagno, lavabi e arredo bagno made in Italy.


Tra le novità più apprezzate al Cersaie 2022 anche i lavabi PO·MO di Terri Pecora per Simas e i piatti doccia di Hidrobox. Finalmente viene riservato un posto d’onore ai piatti doccia, probabilmente i più trascurati dei nostri bagni, che qui invece riescono a catturare l’attenzione grazie allo studio sui colori e i dettagli applicati.
Belle le superfici ceramiche di Ornamenta, la serie Mirabilia color jungle di Marca Corona che faceva da sfondo allo spazio cafè, le particolarissime piastrelle in cemento di Merendi e Vencato per Gypsum, le novità di ABK firmate da Paola Navone che ha applicato alla ceramica i segni grafici che contraddistinguono i suoi lavori da designer.

Hidrobox by Absara: è un composto compatto, senza porosità in superficie e all’interno, a base di resine e svariate cariche minerali.
Gypsum Arte realizza a Bergamo prodotti per l’architettura e il design realizzati in gesso, polistirolo nobilitato, cemento ad alte prestazioni.
41zero42 di Fiorano Modenese: la semplicità di un codice d’avviamento postale per identificare un luogo d’appartenenza e tutti i valori che ad esso sono legati. Azienda alfiera dell’eccellenza del materiale ceramico, con ricerca e contenuti.


Anche quest’anno lo stand che ha avuto maggiore impatto su di me è stato quello di 41zero42, coloratissimo come sempre, ma con accenti “architetturali” dati dalle colonne rivestite con le piastrelle rettangolari Kappa.

Lea Ceramiche realizza pavimenti e rivestimenti in gres porcellanato dalla personalità definita e dalle straordinarie prestazioni tecniche.


Molto elegante lo stand di Lea Ceramiche curato da Ferruccio Laviani. Tutti i prodotti presentati non solo erano in una studiatissima composizione, ma facevano venire anche una gran voglia di testarli accarezzandoli.

Ceramica Sant’Agostino produce nella zona di Ferrara piastrelle in molteplici formati, effetti, progettate per ogni ambiente.


A Ceramica Sant’Agostino sono stati destinati i soliti spazi generosi in cui è riuscita a creare diverse scenografie, da quelle museali a quelle maggiormente casalinghe, per mettere in risalto le numerose collezioni che produce.
Senza dubbio lo stand più “audace” mi è sembrato quello di Rubinetterie Treemme che riproduceva una festa di paese con tanto di luminarie collocando al centro tavolacci da sagra e food track carichi di cibo e lungo i bordi le collezioni di rubinetterie assolutamente dissonanti dal folk di questa ambientazione colorata e caciarona, e anzi molto tecniche. La linea W 70 ad esempio, ricorda gli stereo di una volta con le manopole che invece di regolare il volume o scegliere una stazione radio, permettono di regolare il getto d’acqua la cui temperatura si può leggere su display.
Tanti i prodotti nuovi o rivisitati e gli allestimenti che hanno avuto, come è giusto che sia, un gran peso specifico nel presentarli, ma un unico metro di giudizio nel valutarli: la qualità.
E questa, se non è immediatamente leggibile nei materiali adoperati, è invece assolutamente evidente quando si parla di progettazione.
Se si fa ricerca, se si adoperano designer di indubbie capacità, se si coinvolgono professionalità capaci di veicolare il lavoro aziendale attraverso una comunicazione efficace in termini di immagine e di contenuto, i risultati sono assicurati.
Le cose migliori si trovano proprio lì dove è palese il coinvolgimento di una progettazione di qualità, sia in termine di prodotto che di presentazione dello stesso.
Calato il sipario su questa edizione, speriamo che l’anno prossimo siano finalmente finitii tempi del gres porcellanato effetto legno.

Fotoservizio da Cersaie 2022: Francesco Rotondale Studio 74Ram

Read in:

English English Italian Italian
Emilia Abate

Emilia Abate

Emilia Abate, architetto, si laurea col massimo dei voti presso l’Università Federico II di Napoli, ma solo negli anni successivi scopre che la sua vera vocazione è il progetto. Con Francesco Rotondale e lo STUDIO74RAM si occupa di progettare case, uffici, chiese, negozi, arredi, prodotti. Alcuni lavori sono stati oggetto di mostre, pubblicazioni, premi in concorsi nazionali e internazionali. Dal 2016 fa parte del direttivo di Radicity, un’associazione che si occupa di rigenerazioni urbane ecosostenibili. Dal 2020 ha deciso di condividere con i lettori di The Way Magazine le sue riflessioni su design, architettura e urbanistica. Vive e lavora a Napoli.
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?