7 Ottobre 2023

Edit Napoli 2023, innovazione con vista

Splendide location storiche con design d'avanguardia. La kermesse partenopea ha quest'anno il plus di vedute straordinarie su un autunno mite.

7 Ottobre 2023

Edit Napoli 2023, innovazione con vista

Splendide location storiche con design d'avanguardia. La kermesse partenopea ha quest'anno il plus di vedute straordinarie su un autunno mite.

7 Ottobre 2023

Edit Napoli 2023, innovazione con vista

Splendide location storiche con design d'avanguardia. La kermesse partenopea ha quest'anno il plus di vedute straordinarie su un autunno mite.

Quinta edizione per Edit, fiera del design editoriale e d’autore a Napoli, e una nuova sede.
Si svolge infatti per la prima volta all’Archivio di Stato di Napoli la tre giorni dedicata ai designer indipendenti, autori ed editori di design, creatori e produttori.
Dal 6 all’8 ottobre 100 espositori con prodotti che spaziano dalle ceramiche ai tessili, dagli arredi ai rivestimenti, dai complementi alle luci.
Nella splendida cornice dell’Archivio di Stato, ospitato nel complesso monumentale dei SS. Severino e Sossio, anche la sezione Seminario, con gli espositori under 30, le società costituite da non più di tre anni, gli olandesi selezionati grazie alla call Young Dutch Titans, e gli spagnoli coinvolti attraverso il bando España Diseño Mediterráneo.

L’ingresso all’Archivio di Stato di Napoli e un particolare dei tesori custoditi al suo interno. L’entità dal 1845 ha sede nel complesso monumentale dei Santi Severino e Sossio. Con i suoi quattro piani e i suoi depositi di oltre settanta chilometri lineari di documenti, l’Archivio napoletano rappresenta un punto di riferimento imprescindibile per la ricerca nel settore della storia medievale, moderna e contemporanea d’Italia e d’Europa.


Nei giorni della fiera saranno annunciati i vincitori del bando Rèenchanter la Villa Médicis, progetto di ristrutturazione dell’Accademia di Francia a Roma, e sarà lanciato il nuovo bando.
Alla fine dei tre giorni invece, una giuria composta da designer italiani e internazionali, esperti, addetti ai lavori e giornalisti di settore, decreterà i progetti più meritevoli tra quelli esposti, dando la possibilità ai creativi premiati di tornare a esporre gratuitamente l’anno successivo.
Anche quest’anno molto interessante è il programma EDIT CULT, ovvero le esposizioni diffuse in alcuni tra i luoghi più iconici della città.
Le installazioni site specific vedono il coinvolgimento di aziende, designer, architetti, artisti di fama internazionale.
La Fondazione Santobono Pausilipon, situata a palazzo Ravaschieri, ospiterà infatti Casa Mangiarotti, un’esposizione, progettata dall’architetto Camilla Benedini, di arredi disegnati da Angelo Mangiarotti, rieditati da Agapecasa.
Lo studio di architettura Altromodo curerà invece l’installazione nata dalla collaborazione tra galleria Elena e PSLab denominata Materia Prima.
Nella splendida location di Palazzo Donn’Anna, a picco sul mare, si potrà ammirare The Cobalt House frutto della collaborazione tra Sabine Marcelis e La Praire.
Quest’anno anche la Sanità, quartiere in riscatto del centro città, entra a far parte del circuito EDIT, aprendo le porte a Fabio Novembre che, col sostegno della cantina Feudi di San Gregorio, tributerà un omaggio all’indimenticato Riccardo Dalisi all’interno della Basilica di Santa Maria della Sanità (Tribute to Riccardo Dalisi).

Edit Napoli 2023: il design arriva dal saper fare. A destra, le fondatrici e curatrici di Edit Domitilla Dardi ed Emilia Petruccelli alla press preview.
Da sinistra, Chiostro del Platano e Chiostro Piccoli, tra gli ambienti suggestivi dell’Archivio di Stato a Napoli.
Sala Catasti all’Archivio storico di Napoli. La meraviglia del luogo è l’affresco di Belisario Corenzio risalente agli inizi del ’600 con parabole, figure allegoriche e scene del Vangelo.
Sala Filangieri all’Archivio Storico di Napoli con gli elementi di design contemporaneo in esposizione. L’affresco della moltiplicazione dei pani e dei pesci e l’allegoria della fondazione dell’Ordine benedettino risale all’epoca in cui questo luogo era il refettorio del monastero.


Concentrati nel centro storico infine, i progetti Lava degli architetti Francesco Meda e David Lopez Quincoces con l’azienda Ranieri all’interno della chiesa monumentale di Santa Maria la Nova; Unico, realizzato da Pedrali in collaborazione con DWA Design Studio nello spazio Riot di Palazzo Marigliano; Lucielle di Allegra Hicks, l’artista di casa a Edit, che quest’anno esporrà le sue ceramiche realizzate in collaborazione con l’Istituto Caselli Real Fabbrica di Capodimonte all’interno dell’affascinante Chiesa Museo di Santa Luciella.
L’intuizione delle fondatrici e curatrici Domitilla Dardi, storica e curatrice indipendente, ed Emilia Petruccelli, imprenditrice, di portare a Napoli una fiera del tutto nuova, basata su un concetto di design più legato al territorio, alla sostenibilità e alla qualità, che alla quantità, è risultata vincente.
Napoli grazie a EDIT si va configurando come un altro polo, non antitetico rispetto a Milano e alla sua famosa design week, quanto piuttosto parallelo.
Qui l’accento è tutto su processi produttivi che coniugano l’artigianato al design in pezzi sì replicabili, ma con la cura tipica di un progetto unico.
Qui in tre giorni ci si può davvero godere l’intera esperienza, il programma, la fiera, il fuori fiera e anche la città.
Qui venire ad ammirare lo slow design significa trascorrere un fine settimana slow dal quale tornare a casa senza quella spiacevole sensazione di essersi lasciati sfuggire almeno la metà delle cose da vedere, stanchi fisicamente e anche mentalmente per le troppe sollecitazioni ricevute.

In foto di apertura: l’installazione “Unfolding Partenope” Un playground contemporaneo progetto site specific a cura di Thirtyone Design + Mangment

Read in:

Picture of Emilia Abate

Emilia Abate

Emilia Abate, architetto, si laurea col massimo dei voti presso l’Università Federico II di Napoli, ma solo negli anni successivi scopre che la sua vera vocazione è il progetto. Con Francesco Rotondale e lo STUDIO74RAM si occupa di progettare case, uffici, chiese, negozi, arredi, prodotti. Alcuni lavori sono stati oggetto di mostre, pubblicazioni, premi in concorsi nazionali e internazionali. Dal 2016 fa parte del direttivo di Radicity, un’associazione che si occupa di rigenerazioni urbane ecosostenibili. Dal 2020 ha deciso di condividere con i lettori di The Way Magazine le sue riflessioni su design, architettura e urbanistica. Vive e lavora a Napoli.
Ti potrebbe interessare:

24Bottles diventa carbon neutral

24Bottles, brand di design sostenibile nato nel 2013 dall’estro di Giovanni Randazzo e Matteo Melotti, ha raggiunto un nuovo traguardo

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”