26 Settembre 2023

Prism, stile sostenibile e missione sociale

Presentato all'ultimo White Milano 2023, The Heaven's Kingdom è la collezione estiva 2024 con l'ispirazione da uno stato dell'Africa Meridionale: il Lesotho.

26 Settembre 2023

Prism, stile sostenibile e missione sociale

Presentato all'ultimo White Milano 2023, The Heaven's Kingdom è la collezione estiva 2024 con l'ispirazione da uno stato dell'Africa Meridionale: il Lesotho.

26 Settembre 2023

Prism, stile sostenibile e missione sociale

Presentato all'ultimo White Milano 2023, The Heaven's Kingdom è la collezione estiva 2024 con l'ispirazione da uno stato dell'Africa Meridionale: il Lesotho.

Prism è il primo laboratorio sociale in Lombardia che punta su multiculturalità, inclusione e sostenibilità ambientale. Per la moda, attraverso l’upcycling e la solidarietà, sono stati coinvolti nel progetto rifugiati e migranti provenienti da 14 Paesi dell’Africa e dell’Asia.

Presentata all’ultimo White Milano 2023, The Heaven’s Kingdom è la collezione estiva 2024 di Prism con l’ispirazione da uno stato dell’Africa Meridionale: il Lesotho. Il Paese, oltre che per il design e la palette cromatica, ricopre un ruolo primario nella scelta del nome della collezione. Si celebrare il fatto che sia il Paese il cui punto più basso di altitudine risulta essere comunque il più alto al mondo. Al centro della collezione un design creativo che rispecchia appieno le idee e i valori fondamentali del Paese. Una boccata d’aria fresca in cui i tessuti, realizzati utilizzando materiali di rimanenza che vengono nobilitati tramite il lavoro delle sartorie di PRISM, permettono al brand di aiutare a ridurre l’impatto dell’industria tessile nell’ambiente.

Le donne che vestono PRISM sono donne legate all’essenza di uno stile sostenibile e sofisticato arricchito dal fascino senza tempo per dare valore a tagli classici evergreen.

Il brand italiano di moda etica, nasce con l’aspirazione di coniugare due mondi: moda e sostenibilità. I capi d’alta moda del marchio vengono realizzati da persone che arrivano dalle fasce più vulnerabili della società, principalmente rifugiati e migranti provenienti da 14 Paesi di Africa e Asia, attraverso un processo sartoriale basato sul riciclo e l’upcycling dei tessuti spesso provenienti dalle rimanenze della produzione di alcune grandi griffe internazionali, per ridurre al minimo ogni scarto e rifiuto in un’ottica di circolarità. Il progetto nasce nel 2023 dall’idea di Giovanni Mario Lucchesi, laureato in Relazioni Internazionali e da sempre legato ad un forte sentimento di equità che coltiva nel corso degli anni con esperienze di volontariato. Dopo importanti ed arricchenti viaggi all’estero in contesti di estrema fragilità, decide di tornare in Italia e riportare nel mondo della moda i colori, i costumi ma, soprattutto, le conoscenze e la consapevolezza maturate in anni di volontariato in Africa e Asia. Al fianco di Giovanni Mario Lucchesi nella realizzazione del progetto, la Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore.

Giovanni Mario Lucchesi, CEO PRISM. All’esperienza nel sociale di Giovanni, si uniscono la creatività e la conoscenza del mondo del fashion e dell’arte di Fabio Sasso e Juan Caro fondatori e direttori creativi di LeitMotiv che oggi si occupano di accompagnare PRISM nella creazione della sua brand identity oltre che nell’ideazione e nel design dei capi.

Multiculturalità, inclusione sociale e sostenibilità ambientale sono i core values del brand in cui la coesistenza di origini, tradizioni e culture differenti provenienti da ogni angolo del mondo si fondono con le caratteristiche chiave dello stile Made in Italy, per dare luce a capi unici nella loro originalità. I capi firmati PRISM non sono solo abiti, ma intrecci di storie fatte di luoghi e di persone che hanno lo sguardo puntato verso il futuro. Il White Milano è stata una vetrina importante per PRISM e per le sue creazioni che sono un vero viaggio intorno al mondo; ogni collezione racconta una nuova realtà: è attraverso gli abiti che si crea il collegamento tra culture e Paesi distanti.

Read in:

Ti potrebbe interessare:

Art Work, come salvare l’arte contemporanea

Open Care, insieme a Michelangelo Foundation e alla Fondazione Cologni (promotore della collana “Mestieri d’Arte”) presentano l’edizione inglese della pubblicazione “Art

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”