Bona Fide Biz - 05/12/2020

Un docufilm per divertirsi con la testa

Le richieste: conformità degli spazi, salubrità dell’ambiente, sicurezza, programmazione consapevole, collaborazione con le forze dell’ordine.

Co.GE.U., l’associazione che si è costituita dopo i fatti di Corinaldo e della Lanterna Azzurra dove persero la vita una mamma e alcuni adolescenti in attesa dell’inizio di un concerto, lancia un film per non dimenticare.

La sera dell’8 dicembre 2018 una mamma e cinque ragazzi rimangono vittime della calca creata da un gesto assurdo, lo spruzzo di una bomboletta di spray urticante, mentre la folla attende l’inizio di un concerto, alla Lanterna Azzurra di Corinaldo, Ancona. Il panico si crea in un attimo, una delle porte di sicurezza è bloccata e l’unica via d’uscita è su un ponticello a cui cedono i supporti laterali facendo precipitare le prime persone uscite nel fossato sottostante a causa della pressione del resto della gente. Sei vittime, circa 149 feriti e un locale fuori norma.

In questi giorni è in lancio il docufilm “Parlare nel silenzio, nascita di un manifesto” voluto appunto dall’associazione CO.GE.U per raccontare quello che è accaduto dopo quel tragico 8 dicembre 2018.

L’associazione è fatta da un comitato di genitori che si è costituito a Senigallia a seguito di quella tragedia e che ha poi aperto anche ai ragazzi, dove giovani e adulti collaborano per un unico scopo: un divertimento più sicuro per fare sì che un fatto simile a quello di Corinaldo non accada mai più.

Teaser del docufilm che racconta come è nato e come si è sviluppato il patto di corresponsabilità fra gestori dei locali e minori che li frequentano, dopo la tragedia della Lanterna Azzurra.

A seguito di quel fatto, genitori e ragazzi presenti quella sera o amici dei ragazzi tragicamente scomparsi hanno costituito l’associazione e in due anni hanno elaborato con diversi tavoli di discussione con le istituzioni marchigiane  il “MANIFESTO DEL DIVERTIMENTO IN SICUREZZA” per far sì che tutti i locali di intrattenimento che organizzano eventi per minori possano diventare luoghi sicuri affinché la tragedia di Corinaldo non si verifichi più.

Il docufilm racconta in maniera positiva tutto questo percorso attraverso le interviste ai ragazzi, molti potragonisti di quella brutta notte. Sia il docufilm sia  il Manifesto  verranno lanciati l’8 dicembre 2020 a distanza di due anni esatti da quel terribile giorno anche in memoria di chi non c’è più.

Luigina Bucci, Presidente CO.GE.U ha dichiarato: L’idea che ci ha orientati alla realizzazione del docufilm è stata quella di non lasciare che il lockdown occupasse tutti gli spazi ed eliminasse la forza positiva che era emersa dal ricordo della tragedia della Lanterna Azzurra di Corinaldo, nella giornata dell’8 PER IL FUTURO – DA UN CONCERTO SI ESCE SENZA VOCE E NON SENZA VITA – a Senigallia nel 2019. Abbiamo collaborato con l’Università Politecnica di Ancona alla firma di un protocollo di intesa per l’istituzione di sei premi di laurea dedicati ad Asia, Benedetta, Daniele, Emma, Eleonora e Mattia. Con l’Università degli Studi di Urbino stiamo avviando un percorso di studio per una comunicazione di lancio del docufilm e del Manifesto più immediata e vicina ai giovani. Il messaggio che vorremmo lanciare è il grande impegno profuso nelle attività del CO.GE.U, dai ragazzi della nostra comunità, molti dei quali presenti quella maledetta sera o amici dei giovani deceduti. Hanno lavorato per i loro coetanei, in collaborazione con OneDay e ScuolaZoo , alla realizzazione del Manifesto del Divertimento in Sicurezza per far sì che tutti i locali di intrattenimento che organizzano eventi per minori possano diventare luoghi sicuri per un divertimento consapevole, che impegni sia i gestori e sia i ragazzi ad un patto di corresponsabilità affinché la tragedia di Corinaldo non si verifichi più. “



Luxury - 18/02/2021

Villa Sa’ Contissa in Costa Smeralda, la veduta sull’infinito mare

Italy Sotheby’s International Realty, tra le più importanti realtà di intermediazione immobilia [...]

Leisure - 08/04/2020

Restiamo a casa: le performance della pianista Elisa Marzorati

Pianista veneziana, figlia d'arte, Elisa Marzorati si esibisce principalmente a Venezia in formazion [...]

Design of desire - 08/10/2018

Gusci Handmade, le nuove frontiere degli accessori

Dall'illustrazione non convenzionale ad accessori di gran gusto e peculiarità. GUSCI è illustr [...]

Top
Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e sezioni extra che stiamo sviluppando. Obbiettivo: sorprendere i nostri lettori nel corso del 2021!