5 Aprile 2016

La paura non ferma il turismo ma l’Italia spreca le chance

5 Aprile 2016

La paura non ferma il turismo ma l’Italia spreca le chance

5 Aprile 2016

La paura non ferma il turismo ma l’Italia spreca le chance

D’accordo per l’efficienza, riconosciamo la correttezza e l’ordine, ma la bellezza no, eh. La Germania non può (scherziamo, ovviamente) intaccare pure il primato turistico italiano, l’unica certezza che c’era rimasta. Eppure succede (secondo il rapporto di Confturismo presentato di recente a Cernobbio) che dice che gli spostamenti globali dal 2001 al 2015 sono aumentati, ma l’Italia non se ne è avvantaggiata particolarmente. Con un patrimonio di siti protetti record (i famigerati “siti Unesco” arrivano a 52) non ce la facciamo a guadagnarci su come si deve. La Germania ne trae l’80% di profitto in più. E la Gran Bretagna ci supera in addetti al turismo (ma è mai possibile?): da noi sono 1,2 milioni, oltremanica circa 2 milioni.

Basta piangersi addosso e facciamo i propositivi. Il periodo preso in esame da queste elaborazioni è cruciale. Sono i 15 anni che hanno sconvolto il mondo, in bene (globalizzazione ed era digitale) e in male (attacchi terroristici). La voglia di viaggiare non si è fermata né davanti alle distrazioni web né davanti alle bombe. E per l’Italia, noi di The Way Magazine, azzardiamo un decalogo “a 5 punti” per risalire e far capire come si può essere primi. Proprio partendo dai temi a noi cari che trovate ogni giorno sul nostro sito.

1 – Accogliere non vuol dire spennare: se vogliamo avere continuità di arrivi non dobbiamo fare i furbi, gli stranieri se ne accorgono. E scappano (restano sempre meno, in media 3 giorni).

2 – Il made in Italy è l’attrazione principale. Lo si evince dalla voglia di scoprire realtà imprenditoriali nascoste che emerge in Toscana o nelle Marche. Valorizziamola.

3 – Siamo percepiti imbattibili su cibo e moda. Ne siamo coscienti? Non proprio, se tutto quello che riusciamo a offrire sono solo negozi. Lo straniero vuole “l’esperienza Italia”. Diamogli stile, allora.

4 – “Vengo qui perché mi piace come vivete”. Questo è quello che ci si sente dire più spesso dai vacanzieri. Teniamone conto e facciamo bella figura.

5 – L’eleganza: l’abbiamo talmente dentro che spesso i turisti si vestono meglio per omaggiarci. Perché non mettere a frutto questo desiderio di emulazione?

Read in:

Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Christian D’Antonio (Salerno,1974) è direttore responsabile della testata online di lifestyle thewaymagazine.it. Iscritto all’albo dei giornalisti professionisti dal 2004, ha scritto due libri sulla musica pop, partecipato come speaker a eventi e convegni su argomenti di tendenza e luxury. Ha creato con The Way Magazine e il supporto del team di FD Media Group format di incontri pubblici su innovazione e design per la Milano Digital Week e la Milano Design Week. Ha curato per diversi anni eventi pubblici durante la Milano Music Week. È attualmente ospite tv nei talk show di Damiano Gallo di Discovery Italia. Ha curato per il quartiere NoLo a Milano rassegne di moda, arte e spettacolo dal 2017. In qualità di giudice, ha presenziato alle manifestazioni Sannolo Milano, Positive Business Awards, Accademia pizza doc, Cooking is real, Positano fashion day, Milan Legal Week.
Ti potrebbe interessare:

E Ultimo rischia di arrivar primo

Domani, 6 febbraio, uscirà “I TUOI PARTICOLARI” (Honiro, distribuzione Believe) il brano inedito che Ultimo, nome d’arte del ventitreenne cantautore

Il fascino “pacifico” di Monterey

Dagli spettacolari panorami della costa del Big Sur ai cottage da favola di Carmel-by-the-Sea, la Contea di Monterey è un rifugio californiano davvero inedito e accattivante.

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”