8 Luglio 2019

Se la politica è spettacolo becero tv c’è da starci male

8 Luglio 2019

Se la politica è spettacolo becero tv c’è da starci male

8 Luglio 2019

Se la politica è spettacolo becero tv c’è da starci male

Che Mario Giordano faccia share del 10% su Rete 4 è un segno da non sottovalutare in questa afosa estate debuttante, che il mare lo cita, sfortunatamente, non per vicende vacanziere. Il mare e l’accoglienza sono strettamente interconnessi nel dibattito politico, soprattutto televisivo. Ma è un pericolo e un effetto brainwash che soprattutto per il pubblico di Rete 4 (detto senza snobberia) porta all’esasperazione.

Alzi la mano chi non ha dovuto rassicurare la nonna o lo zio che sì, la pensione resta uguale e non ci sono minacce di guerra tali da indurci a dover fare la spesa preventiva. “Ma l’ho sentito a Rete 4”: su questo gli urlatori dei pur ben congegnati talk show televisivi dovrebbero farsi un esame di coscienza. Procurato allarme, a dir poco. Notti insonni per alcuni, nervi che saltano per molti. Questa non è informazione, forse è anche meta-spettacolo nel senso che dalla comunicazione si potrebbe passare all’analisi psicologica di cosa produce questo fiume di rancore propinato a stanchi e soli pensionati ogni sacrosanto giorno. Meglio imbottirli di quiz come succedeva un tempo.

O meglio sperare in fratture interne che eliminino presenze fuori luogo. Come è successo proprio nel finale di stagione a Bianca Berlinguer e al suo opinionista Mauro Corona.

Purtroppo di questi tempi, le armi di distrazione di massa sono due: se non è Mark Caltagirone, è Giordano, insomma. Ma non è che sull’altra sponda ideologica vada meglio. Gli applausi alla disoccupazione che schizza, al Reddito di cittadinanza che non decolla e ai rifiuti di Roma durante i lanci de “L’aria Che Tira” di Myrta Merlino al mattino sono agghiaccianti. La7 è stata baluardo di un’informazione seria e puntuale, ma i sensazionalismi a cui si abbandona il direttore Enrico Mentana a volte (“giornata campale”) sono nulla a confronto dell’eccitazione collettiva di un talk-show che spettacolarizza dati economici da pianto e penitenze.

Come successo con la nostalgia per i vinili, si riaffacciano prepotentemente le immagini composte delle tribune politiche di un tempo.

 

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Read in:

English English Italian Italian
admin

admin

Siamo una testata giornalistica di lifestyle maschile e femminile. Ci rivolgiamo a persone interessate alle novità anche di lusso, non solo di prodotto ma anche di tendenza e lifestyle. La nostra mission: celebrare l’ambizione puntando all’eleganza dei potenziali lettori “Millennial” (età 18-34).
Ti potrebbe interessare:

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?