7 Aprile 2022

Emmanuel De Stefano: un modello che richiama l’arte classica

In giro per Milano con il ragazzo calabrese di 25 anni. Vive a Milano e ha già fatto esperienze in serie tv. Sogna la moda e un ideale di bellezza con valori di un tempo.

7 Aprile 2022

Emmanuel De Stefano: un modello che richiama l’arte classica

In giro per Milano con il ragazzo calabrese di 25 anni. Vive a Milano e ha già fatto esperienze in serie tv. Sogna la moda e un ideale di bellezza con valori di un tempo.

7 Aprile 2022

Emmanuel De Stefano: un modello che richiama l’arte classica

In giro per Milano con il ragazzo calabrese di 25 anni. Vive a Milano e ha già fatto esperienze in serie tv. Sogna la moda e un ideale di bellezza con valori di un tempo.

Si può traslare l’amore per i valori di un tempo anche nel proprio stile e nel proprio ideale di bellezza? Per Emmanuel De Stefano, giovane modello calabrese da poco a Milano, questa ambizione è già una realtà. Ha studiato arte, ha fatto piccole esperienze cinematografiche principalmente a Roma e ora a Milano si sta facendo largo tra studi fotografici e lavori come modello, avendo un nutrito following su Instagram di migliaia di persone. Abbiamo trascorso qualche ora in città con lui nei posti che predilige.

Emmanuel De Stefano ritratto davanti a palazzi storici di NoLo, Milano, aprile 2022.

Emmanuel da dove arrivi e come ti descriveresti?

Sono nato sotto il segno del Cancro il 18 luglio 1996 a Reggio Calabria. Sottolineo il segno zodiacale perché i tratti li riconosco in pieno. C’è questo lato caratteriale che aderisce ai tratti del Cancro: sono sensibile, a volte nostalgico ma è un lato riflessivo che mi piace, mi aiuta a capire gli obiettivi che voglio raggiungere.

Che esperienze hai avuto dal punto di vista professionale?

Dalla Calabria mi spostavo per lavoro nel campo della moda e recitazione. Ho studiato dapprima al Teatro Zanotti Bianco a Reggio Calabria e da lì ho fatto comparse in Skam Italia, la serie su Netflix nel 2019 dove recitavo come amico del protagonista. Era una scena di festa e divertimento. Per me è stato un inizio anche se mi sarei divertito di più in un ruolo più ampio. Ho fatto amicizia con attori che erano lì, particolarmente con Rocco Fasano e ne serbo un buon ricordo.

Poi ancora cinema…

Ho recitato in The Hunt, un film tedesco, in Colline d’Aspromonte, un film girato in Calabria e andato in onda su Sky e poi Sandrino, prossimamente al cinema. La cosa che mi piace di più del cinema è che ci si può immedesimare in vari ruoli come se si vivessero diverse vite. Quando mi arriva una proposta mi chiedo sempre: mi piacerebbe vedere me stesso nell’interpretazione del personaggio? E da lì so se faccio la scelta giusta e se a lavoro concluso ho perfettamente centrato il segno. Il mio sogno è sempre stato apparire in un film Fantasy, anche se mi piacciono molto anche le serie, come Elite, il racconto di un liceo frequentato dai rampolli delle più ricche famiglie della Spagna.

Come ti descriveresti a chi non ti conosce?

Sono una persona ambiziosa, sognatrice, determinata. Penso che alla fine dei conti riesci a ottenere quello che vuoi se credi negli obiettivi e contemporaneamente riesci ad agire in modo onesto nella vita.

Cosa pensano invece gli altri di te?

Ho un aspetto un po’ serioso che può trarre in inganno. Non sto sempre sulle mie ma sono guardingo, quindi all’inizio risulto più chiuso di quello che realmente sono. Se qualcuno sente distanza, poi si ricrede. Sono pulito, ragiono. La cosa buffa è che ogni persona che mi incontra vede in me un lato che appariene al suo carattere.

Un tuo tratto distintivo?

Pondero bene le parole, vado nel dettaglio, non tollero le persone che prendono molta confidenza subito. E poi la fiducia: se mi cade qualcuno, non c’è possibilità di ripresa.

Siamo a Milano in alcuni dei punti più singolari dal punto di vista architettonico.  Cosa ti ha portato qui?

Milano è la città che mi ha accolto, ho dovuto capire molte cose dell’ambiente dello spettacolo qui da solo. Sono cresciuto con dei valori, ho dovuto imparare a saper gestire delle relazioni. Ho imparato ad auto-dirigermi a Milano. Penso che mi aiuti molto percepire le altre prospettive di vita, anche se ho avuto la fortuna di trovare persone con cui vado d’accordo. Cristina Isac, make-up artist, con la quale abbiamo un rapporto di zia e nipote, Lollo, hair stylist e il fotografo Mario Gramegna. Mi sono sentito accudito da loro sin da subito.

Con che prospettive sei arrivato in città?

A Milano mi piace lavorare nel mondo del modelling, frequentare il mio ambiente, ma anche fare un po’ di vita cosmopolita. Mi piace uscire la sera, mi piace ballare. Frequento luoghi di cultura nel tempo libero, mi piace vedere arte in un mood più riflessivo. Gli eventi dove si conoscono personaggi importanti sono anche divertenti. È la città delle opportunità ma non è facile, si deve stare attenti a piccole insidie come nelle altre città.

Ci sono luoghi che ti stanno più a cuore in una metropoli come Milano che non è il tuo luogo di origine?

Sono vissuto in un posto completamente diverso e per questo mi affascina. Mi piacciono i canali e l’ambiente naturale a pochi passi dal centro. Mi piacciono molto gli street artist, la creatività ha bisogno di espressione, ed è anche un gesto di bella condivisione. Uscendo da un liceo artistico dove ho studiato arte figurativa, modellato, disegno figurativo so anche apprezzarli.

Rimpiangi non aver intrapreso una strada più artistica?

No perché ho un mio sogno da realizzare e mi batto per questo. Negli artisti ammiro soprattutto la caparbietà e l’indipendenza delle forze. Se li conosco privatamente scopro che hanno cercato di raggiungere gli obiettivi con la loro forma di espressione, è una cosa affascinante da cui imparo molto.

Vuoi affermarti nella moda. Ma tu di che stile sei? In base alle diverse esigenze della giornata, come descriveresti il tuo look personale?

Cambio molto. Per l’allenamento scelgo un stile comodo e sportivo. Se esco di sera con amici opto più su tendenze casual, mi piacciono i jeans scuri con un taglio slim fit. Per presentarmi a un evento importante serale prediligo colori scuri ma il mood deve essere elegante, così mi sento a mio agio.

E il lato estetico che preferisci di te?

Penso che siano le labbra e lo sguardo a colpire maggiormente. A scuola mi dicevano i docenti che avevo le labbra delle statue greche ben definite e carnose. E questo credo abbia influenzato il mio ideale di bellezza, che torna sempre alla classicità.

Hai viaggiato molto nella tua giovane vita?

Scelgo le destinazioni di viaggio in compagnia con gli amici o con la persona a cui tengo ed è molto importante per farle diventare mete memorabili. Il prossimo viaggio vorrei farlo in Grecia, mi piace il clima mitologico e vedere scavi e spiagge nella stessa vacanza. A breve farò invece la mia prima esperienza su uno yacht a Ibiza. Non so stare senza mare sono stato abituato così, il mare è sentimento.

Come ti immagini il tuo futuro?

Vorrei essere realizzato dal punto di vista professionale, per moda e cinema. Vorrei aiutare la mia famiglia col mio lavoro. Dal punto di vista personale, ti confesso che vorrei essere più leggero al posto di prendermela sul personale troppo spesso. Le basi caratteriali sono queste ma magari accumulando esperienza mi farò più forza.

Read in:

English English Italian Italian
Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?