Magazine - Fine Living People
Design of desire

Design of desire - 10/06/2019

A Londra questo è il mese del più grande festival di architettura

Billiter Street, 1 St Martins le Grand, West Smithfield rotunda sono stati ridisegnati da celebri designer. E poi un calendario fitto di eventi e installazioni in tutta la metropoli.

Il più grande festival annuale di architettura del mondo nella capitale del mondo per l’architettura. Il London Festival of Architecture si svolge a Londra questo giugno. Con un fantastico programma di eventi e attività, vengono aperte le porte a tour iconici, installazioni architettoniche e fantastiche creazioni in mattoni; dibattiti energici a Studio Lates; laboratori in spazi straordinari e tour di nuovi posti; mostre e commissioni artistiche su misura; discussioni politiche e molte nuove costruzioni: il London Festival of Architecture ha qualcosa per tutti con oltre 400 eventi per  democratizzare radicalmente il dibattito sull’architettura e sulla città.

TEMA – Il tema scelto per il fewstival 2019 è “confini”.

Vivere in città significa essere circondati da confini: confini, recinzioni, muri, zone e limiti di città. I confini ci fanno sentire a nostro agio. Ci definiscono: ci hanno messo al nostro posto. I buoni recinti fanno buoni vicini. Gli inglesi hanno sempre usato l’architettura per esprimere il loro amore per un buon confine: l’uomo ricco nel suo castello, il pover’uomo al cancello.

Forse la Brexit è un’estensione logica del desiderio britannico di ritirarsi all’interno di un confine nazionale: trovare una zona di comfort immaginata e mettere il resto del mondo al suo posto. Ma l’architettura in Gran Bretagna – e Londra in particolare – non è sempre così insulare. Gli architetti londinesi sono da tempo fuori dai confini nazionali per costruire in tutto il mondo, spingendo al contempo i confini di come dovrebbe essere un edificio e cosa può fare l’ingegneria moderna.

Londra si sviluppò come una città di villaggi. Ma chi sa davvero dove finisce Hoxton e inizia Shoreditch? Forse i confini sono fatti per essere sfocati? In una città in cui il codice postale o i confini sociali possono essere mortali, l’architettura dovrebbe essere utilizzata per dare forma a una città più sicura e più a suo agio con la sua diversità.

E i confini di Londra? Si applicano ancora i confini mentali e fisici del nord e del sud di Londra? Con il vasto effetto economico di Londra sentito in tutto il paese, che ruolo ha la Green Belt nel limitare i confini di Londra? Dov’è il confine di Londra? La città che si liberò dal suo muro romano esplose dalla M25?

Consapevolmente o inconsciamente, forse vivere in città significa davvero rompere i confini. Proprio come l’architettura può essere usata per vincolarci e definirci, così può anche livellarci o liberarci. Gli uffici open space della City sono un paradiso egualitario rispetto agli spazi rigidamente gerarchici che ci sono stati prima. Il miglior nuovo alloggiamento è il tenore cieco. Professionalmente, una nuova generazione di architetti si scaglia contro confini e soffitti di vetro che legano i loro predecessori.

E i confini personali? Una mano qui o un commento sgradito lì? Cosa è accettabile in questi giorni? Parlando di confini personali, cosa è successo alle nozioni di spazio personale? Qualcosa su cui riflettere quando stipati sul Tube. Non ci sono più confini?

POLIFORM A KINGS ROAD – Prendendo parte alla 15 ° edizione del London Festival of Architecture, che ritorna nella capitale britannica dall’1 al 30 giugno 2019, Poliform continua il suo viaggio di esplorazione, attraverso il quale l’azienda cerca nuove ed entusiasmanti fonti di ispirazione.

Considerato il più grande festival di architettura in Europa, installazioni, dibattiti, tour e spettacoli teatrali si svolgeranno in tutta la città. Tutto ruota intorno al tema “Confini” di quest’anno, che sarà esplorato da molti punti di vista e attraverso una vasta gamma di aree tematiche.

Poliform interpreta il tema dell’evento all’interno del suo King’s Road Showroom attraverso un’installazione creata in collaborazione con Rich Stapleton, direttore creativo dell’artista e fotografo di Cereal Magazine.

Utilizzando una serie di immagini dell’architettura di Londra scattate dallo stesso Stapleton, questa installazione cerca di definire i “confini” che inevitabilmente creano gli edifici di ogni città. Oggi le città sono luoghi privilegiati in cui possiamo guardare e prendere in considerazione i significativi cambiamenti politici, economici, sociali e culturali che stanno rimodellando il mondo in cui viviamo. In questo contesto, gli edifici giocano un ruolo chiave quando si tratta dello scopo dei confini , che stabiliscono aree definite con influenze successive sui rapporti sociali e fungono da punto di transizione tra stile moderno e tradizione classica.

 

SULLE DOCKLANDS – A est verso i Royal Docks il Tamigi offre un’intrigante passeggiata per vedere Londra diversamente. Il percorso porta lungo il bordo settentrionale del Royal Docks – dal Royal Albert Wharf, il punto in cui le banchine incontrano il Tamigi, verso Royal Victoria con il suo sfondo di Canary Wharf. Negli ultimi 40 anni ci sono stati oltre 70 masterplan per questo lotto di terreno molto dibattuto e lo sviluppo attuale sta cambiando drasticamente il volto delle banchine.

Questo grande specchio d’acqua, una volta le più grandi banchine chiuse al mondo, offre l’opportunità di abbracciare veramente il senso di spazio aperto. La passeggiata porta attraverso la storia dei moli industriali, il sito di un concerto degli anni ’80 con laser e fuochi d’artificio che ha attirato 200.000 persone, tanti musei e posti da visitare.

La passeggiata è poco meno di 3 miglia e dovrebbe durare circa un’ora a passo lento. Ci sono luoghi dove acquistare i rinfreschi lungo la strada e il DLR corre parallelo al percorso.

La tua guida illustrata può essere raccolta dall’estremità est o ovest delle banchine nelle seguenti posizioni, tutte a pochi passi dal DLR.

ROYAL VICTORIA:
The Good Hotel: aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 17:00

ROYAL ALBERT WHARF:
RAW Labs: aperto venerdì e sabato dalle 12:00 alle 22:00, domenica dalle 10:00 alle 16:00
Cucina Lockside – aperta da lunedì a venerdì dalle 8:00 alle 16:00



Leisure - 15/05/2018

L’amore “pizzicato” di Giuseppe Vivace

L'amore "Pizzicato" è al centro di un bel libro che esce in questi giorni ad opera di uno scrittore [...]

Fashion - 16/01/2018

Miguel Vieira ritorna all’uomo rock

La collezione Uomo Autunno/Inverno 2018-19 di Miguel Vieira viaggia a suon di rock & roll. Lo st [...]

Society - 26/01/2019

BBC Radio a Milano per testimoniare la rinascita della città

L'appeal di Milano in questi ultimi anni del dopo-Expo 2015 ha travalicato i confini nazionali e ini [...]

Top