Magazine - Fine Living People
Design of desire

Design of desire - 27/02/2020

“Come vivremo insieme?”: la Biennale di Architettura di Venezia torna a maggio

I vantaggi sociali di una disciplina che richiede riflessioni su spazio. Ma anche politica e società. Ecco cosa vedremo.

La Biennale di Venezia annuncia il tema della 17a Esposizione Internazionale di Architettura che sarà “Come vivremo insieme?”. La manifestazione Biennale di architettura si svolgerà a Venezia presso i Giardini e Arsenale dal 23 maggio al 29 novembre 2020.

La domanda che “dirige” il titolo della manifestazione, riecheggia in ogni studio di architettura. È tanto una questione sociale e politica quanto una spaziale. Aristotele l’ha posta quando stava definendo la politica, ed è tornato a proporre il modello della città. Ogni generazione lo chiede e risponde in modo diverso. Dicono gli organizzatori: “Più recentemente le norme sociali in rapida evoluzione, la crescente polarizzazione politica, i cambiamenti climatici e le grandi disuguaglianze globali ci stanno facendo porre questa domanda più urgentemente e su scale diverse rispetto a prima. In parallelo, la debolezza dei modelli politici proposti oggi ci obbliga a mettere lo spazio al primo posto”.

Michael Maltzan Architecture: il nuovo viadotto della sesta strada di Los Angeles è un progetto di infrastruttura trasformativa per la città di Los Angeles. Sostituirà il ponte originale del 1932 e unirà la comunità di Boyle Heights a est e l’Arts District e Downtown a ovest. Il design è il prodotto di un concorso internazionale di design guidato dal Bureau of Engineering della città di Los Angeles. La decisione di condurre un concorso di design, un approccio insolito a un progetto infrastrutturale di questa portata, sottolinea l’impegno collettivo della città nel rendere il nuovo viadotto della sesta strada un punto di riferimento iconico e duraturo per Los Angeles.

“Nel corso degli anni c’è stato un tema costante – ha affermato Paolo Baratta – i vantaggi sociali che l’architettura può catalizzare. Come abbiamo spesso detto, l’architettura ci rende individui più consapevoli; ci aiuta a diventare cittadini, non solo consumatori; ci stimola a considerare gli effetti indiretti delle nostre azioni; ci aiuta a comprendere meglio l’importanza dei beni pubblici e dei beni gratuiti. Ci aiuta a sviluppare una visione più completa del benessere. Tra le molte edizioni passate, vorrei ricordare quella a cura del presidente della giuria dell’Esposizione di quest’anno, Kazuyo Sejima (ricordate “People meet in Architecture”, Biennale Architettura 2010). Infine, l’architettura ci aiuta a conservare le risorse e a regalarci un briciolo di felicità”.

New Households di Atelier Rita.

“Nel suo sguardo ad ampio raggio, la Mostra curata da Hashim Sarkis coglie i problemi strutturali della società contemporanea. Osserva – e noi con lui – che, in ogni angolo del mondo, sono in atto fenomeni di intenso cambiamento; tutti differiscono ma ciò che condividono è la necessità di importanti “adattamenti” delle condizioni di vita. Pertanto, lo sguardo del curatore e dell’Esposizione si spinge ancora più lontano. L’architettura diventa il punto di riferimento di un vasto impegno interdisciplinare e di un vasto impegno culturale e politico “.

“Viviamo in un tempo caratterizzato da una potenziale sensazione di non essere più sicuri di un progresso sempre più diffuso ma, invece, di essere vittime dei cambiamenti che comporta. Questo è un momento in cui molti potrebbero trarre vantaggio dalle conseguenti paure, preoccupazioni e modifiche per promuovere campagne ultra difensive. Troviamo utile se una Biennale può ricordare a tutti che l’identità di una società o di una comunità risiede nella qualità dei progetti che formula per il suo futuro, per correggere distorsioni e valorizzare le risorse. , come si può vedere dai molti fenomeni che stanno colpendo il mondo proprio ora, questi progetti possono nascere solo da una vasta consapevolezza e collaborazione diffusa “.

 

“Emerging Communities” di Tumo Studios.

“E ancora una volta – conclude Paolo Baratta – ci chiediamo quali siano gli obiettivi di una mostra come la Biennale. A chi si rivolge? Abbiamo spesso affermato che la mostra si sforza di essere uno strumento di conoscenza e dialogo per gli addetti ai lavori del mondo dell’architettura Ma una mostra è anche una “chiamata” al pubblico. Una chiamata a diventare visitatori, a diventare visitatori attenti, a diventare testimoni diretti, testimoni oculari. Una mostra chiede ai suoi visitatori di essere disposti ad allargare lo sguardo, chiede al curatore diventare sia scienziato che drammaturgo. Non è sufficiente propagare la conoscenza; dobbiamo contribuire a favorire la consapevolezza; non è sufficiente per rivelare problemi, dobbiamo alimentare un desiderio di Architettura attraverso esempi di proposte, progetti e risultati “.

“Across Borders” di DOGMA.

“Abbiamo bisogno di un nuovo contratto spaziale – ha affermato Hashim Sarkis  – . Nel contesto dell’ampliamento delle divisioni politiche e delle crescenti disuguaglianze economiche, chiediamo agli architetti di immaginare spazi in cui possiamo generosamente vivere insieme. Gli architetti invitati a partecipare alla Biennale Architettura 2020 sono incoraggiato a includere altre professioni e collegi elettorali – artisti, costruttori e artigiani, ma anche politici, giornalisti, scienziati sociali e cittadini di tutti i giorni. In effetti, la Biennale Architettura 2020 afferma il ruolo vitale dell’architetto come convocatore cordiale e custode del contratto spaziale”.

“Parallelamente, la 17a Mostra sostiene anche che è nella sua specificità materiale, spaziale e culturale che l’architettura ispira i modi in cui viviamo insieme. A tale proposito, chiediamo ai partecipanti di evidenziare quegli aspetti del tema principale che sono unicamente architettonici”.

Un progetto di Raumlabor.

Per tutta la durata della Biennale Architettura 2020 si svolgeranno le seguenti manifestazioni legate a tutti gli altri settori della Biennale:

14. Festival Internazionale di Danza Contemporanea 5 giugno – 14 giugno 2020 diretto da Marie Chouinard #BiennaleDanza2020

48. Festival Internazionale del Teatro 29 giugno – 13 luglio 2020 diretto da Antonio Latella #BiennaleTeatro2020

77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica 2 settembre – 12 settembre 2020 diretta da Alberto Barbera #BiennaleCinema2020

64. Festival Internazionale di Musica Contemporanea 25 settembre – 4 ottobre 2020 diretto da Ivan Fedele #BiennaleMusica2020

Leong Leong Studio di New York presenterà questa soluzione edilizia per il LGBT Center di Hollywood.

Le attività di Biennale College sono previste in tutti questi settori, ma con una novità rivolta a giovani laureati che vogliano cimentarsi con l’arte dello “scrivere”. Il programma prevede per ciascuno dei settori, e per un dato numero di ammessi, un percorso di lavoro di ricerca e scrittura assistito da un tutor, sotto la sorveglianza dei direttori artistici che danno il “tema” della ricerca. Per gli aspiranti “giovani studiosi in residenza” il lavoro si sviluppa a cavallo tra la partecipazione al Festival e la frequentazione dell’Archivio Storico della Biennale di Venezia.

Foto d’apertura: il progetto di SOM, Skidmore, Owings and Merrill LLP, uno studio di ingegneria, architettura e pianificazione urbanistica statunitense.



Luxury - 05/06/2019

Monaco Solar & Energy Boat Challenge, in gara solo imbarcazioni green

La 6a edizione di Monaco Solar & Energy Boat Challenge dal 2 al 6 luglio vede 33 squadre al Prin [...]

Travel - 01/05/2018

I Rolli di Genova, palazzi patrimonio mondiale

Tra i caruggi genovesi, intendiamoci, non è che splende pulizia e aria di rinnovamento. Quell'atmos [...]

Fashion - 26/03/2018

London Bridal Week, c’è anche l’italiana Valentini

Londra, la città dove si coronerà uno dei sogni d’amore più attesi, il matrimonio del principe [...]

Top