29 Luglio 2020

Davide Groppi: come si illumina l’arte

Illuminare un'opera o un ambiente tenendo conto delle migliori soluzioni. E della volontà dell'autore in origine.

29 Luglio 2020

Davide Groppi: come si illumina l’arte

Illuminare un'opera o un ambiente tenendo conto delle migliori soluzioni. E della volontà dell'autore in origine.

29 Luglio 2020

Davide Groppi: come si illumina l’arte

Illuminare un'opera o un ambiente tenendo conto delle migliori soluzioni. E della volontà dell'autore in origine.

I percorsi luminosi di Davide Groppi lsi fondano tutti sulla luce sartoriale scelta ogni volta tenendo conto dell’opera, degli intenti dell’artista, del contesto in cui è immersa.

“Vestire di luce” un’opera d’arte in occasione di mostre o eventi è una grande responsabilità.
Grande è il rischio di falsificare, snaturare, alterare la giusta percezione dell’opera.

Una luce rispettosa dell’arte, che sappia far vibrare le corde più potenti dell’emozione. Un obiettivo da raggiungere attraverso l’equilibrio tra luce diretta e luce indiretta, la stretta relazione tra l’opera e il suo ambiente, la ricerca dell’essenziale, l’arte della sottrazione.

Dalla fine degli anni Ottanta, partendo da un piccolissimo laboratorio nel centro storico di Piacenza, Davide Groppi inventa e produce lampade con il marchio omonimo.

Una scommessa particolare è stata l’illuminazione dell’appartamento di Vittorio Emanuele II al Castello di Moncalieri nel 2017, dopo il gravissimo incendio che l’aveva gravemente danneggiato. Grazie a un sistema dinamico, con speciali lampade e totem per ambienti, si è cercato di raccontare la storia del luogo svelando al contempo sia il passato che il presente.

Quest’anno a St. Moritz per il progetto Nomad Circle, la fiera di design di gennaio, i visitatori sono stati accolti dalla luce di cinque ORIGINE che hanno illuminato il prospetto del palazzo in modo delicato e affascinante.
Le lampade ORIGINE sono idealmente dei sottilissimi fili d’erba che appaiono come figure misteriose e sofisticate nel paesaggio di St. Moritz.
È un progetto volutamente non invasivo, ma nello stesso tempo carico di personalità, sia di giorno che di notte.

Da Giugno 2019, Sampei illumina lo Studio alla Vetrata del Presidente della Repubblica, nell’ambito del progetto “Quirinale Contemporaneo”.
Il lavoro di Davide Groppi (qui per Nomad a St Moritz) è riconosciuto a livello globale. Da Giugno 2019, Sampei illumina lo Studio alla Vetrata del Presidente della Repubblica, nell’ambito del progetto “Quirinale Contemporaneo”.


Il progetto inedito Chlorophyll, lavoro dell’artista Simone Crestani in collaborazione con Davide Groppi, è stato presentato ed esposto dalla Galleria Volumnia tra gli spazi barocchi dell’edificio. La purezza della luce di Nulla farà vibrare la natura di vetro di Simone Crestani, generando un meraviglioso ed emozionante effetto.
La luce di una grande Moon introduce le persone all’interno della mostra tra gli accenti delle Nulla e delle TeTaTeT.

Photo credits: Fausto Mazza

Read in:

Picture of admin

admin

Siamo una testata giornalistica di lifestyle maschile e femminile. Ci rivolgiamo a persone interessate alle novità anche di lusso, non solo di prodotto ma anche di tendenza e lifestyle. La nostra mission: celebrare l’ambizione puntando all’eleganza dei potenziali lettori “Millennial” (età 18-34).
Ti potrebbe interessare:

La pizza si sforna anche su Tik Tok

Pizzaiolo e Tiktoker, passione e professione. In una settimana, Giuseppe Villani, raggiunge le 20 mila visualizzazioni per ogni video che

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”