Magazine - Fine Living People
Design of desire

Design of desire - 12/02/2018

Il Compasso d’Oro avrà nuova sede

Partiti oggi i lavori di un'ex centrale elettrica che ospiterà il museo. E tutta la collezione ADI. Anche la piazza verrà creata dal nulla.

Uno degli orgogli del made in Italy è il premio Compasso d’Oro, la competition di creatività che ogni anno ha lanciato nel mondo le idee e le realizzazioni dei designer più meritevoli.

Questa mattina a Milano sono partiti i lavori per la realizzazione della nuova sede dell’Associazione per il Disegno Industriale (ADI) e della sua Fondazione, che ha in dotazione la storica collezione del Compasso d’Oro. L’intervento è eseguito da Immobiliare Porta Volta S.r.l, nell’ambito del Programma Integrato di Intervento insistente sulle aree tra via Ceresio, via Bramante e via Procaccini.

L'interno della sede ADI da ristrutturare a Milano, ora si presenta così.

L’interno della sede ADI da ristrutturare a Milano, ora si presenta così.

La futura sede ADI viene realizzata recuperando l’edificio in stile liberty denominato “Tram a Cavalli”, realizzato nel 1884 come Centrale Elettrica Edison su un’area precedentemente occupata dalla stazione dei tram a cavallo di Porta Volta. Il complesso insiste su una piazza di circa 8mila mq, di cui 5.988 ad uso pubblico, accessibile sia da piazzale Cimitero Monumentale, sia da via Ceresio, sia da via Bramante.

L'estero come è attualmente dell'ex centrale Edison che è stata disegnata sede per la fondazione ADI.

L’estero come è attualmente dell’ex centrale Edison che è stata disegnata sede per la fondazione ADI.

Il progetto della piazza, realizzato dall’architetto Alessandro Sassi, risultato vincitore di un concorso ad inviti promosso dall’operatore, prevede che l’area antistante l’edificio liberty abbia la funzione di punto di ristoro, con panchine, aiuole e una grande fontana. Nell’area che si allunga verso piazzale Cimitero Monumentale, invece, sarà realizzato un terrapieno a verde con la posa di alberature, mentre il parcheggio privato su tre livelli interrati avrà accesso da via Ceresio 7/9.

Secondo la convenzione firmata con l’Amministrazione, il soggetto attuatore metterà a disposizione gratuitamente parte degli spazi della porzione nord dell’edificio per attività organizzate del Comune, dal Municipio 8 o da enti ed organismi partecipati dal Comune per l’organizzazione di eventi ed incontri aperti al quartiere e manifestazioni per la promozione e la diffusione della cultura del design e della grafica.

L’intervento, che avrà una durata di circa a un anno e mezzo, consentirà di ampliare gli spazi a disposizione della sede dell’ADI, attualmente localizzata in via Bramante 29 in aree insufficienti a contenere le molte attività della fondazione, e in particolare i 2mila pezzi della Collezione Storica del Compasso d’oro collocati in diverse sedi inaccessibili al pubblico e agli studiosi. La nuova sede,  anche grazie ai collegamenti garantiti dalla M5 e da numerose linee tranviarie presenti lungo le vie Procaccini, Bramante e Ceresio, consentirà di realizzare al meglio l’attività no profit svolta da più di 50 anni dall’ADI e dalla sua Fondazione.

L’iniziativa consentirà inoltre di recuperare un manufatto di grande interesse storico e ambientale, nell’ambito del profondo rinnovamento dell’area di Porta Volta, in un contesto che vede la presenza di importanti luoghi di interesse pubblico, dal completo recupero della ex “Fabbrica del Vapore” di via Procaccini, al progetto della Fondazione Feltrinelli in via Pasubio, alla costituzione dell’Isola Ambientale delle aree gravitanti su via Paolo Sarpi.

 



Leisure - 20/06/2016

La Land Art di Christo: italiani in cammino sulle acque del Lago d’Iseo

Christo voleva proprio quello che si sta verificando in queste ore. Gli italiani hanno risposto in m [...]

Design of desire - 10/10/2017

Gli illustratori italiani a BASE Milano

Gli illustratori a raccolta a Milano Il 14 e 15 ottobre 2017 per presentare i nuovi lavori e sopratt [...]

Design of desire - 04/10/2017

Utagawa Kuniyoshi, la mostra per capire da dove arrivano i manga

Nell'800 sfidava anche la censura del governo giapponese sulle sue stampe. Utagawa Kuniyoshi è davv [...]

Top