6 Aprile 2017

La Casa Conviviale, da Eddy Monetti i vincitori del concorso

Il tema della seconda edizione del concorso per la valorizzazione delle tradizioni made in Italy: una porta tecnologica.

6 Aprile 2017

La Casa Conviviale, da Eddy Monetti i vincitori del concorso

Il tema della seconda edizione del concorso per la valorizzazione delle tradizioni made in Italy: una porta tecnologica.

6 Aprile 2017

La Casa Conviviale, da Eddy Monetti i vincitori del concorso

Il tema della seconda edizione del concorso per la valorizzazione delle tradizioni made in Italy: una porta tecnologica.

Oggi si saprà quale degli oltre 50 progetti selezionati da La Casa Conviviale sarà premiato per l’edizione 2017 del concorso.

L’iniziativa che esalta la creatività made in Italy, promossa e ideata dalla nostra firma Grazia Torre, architetto e membro della Fondazione dell’Ordine degli Architetti di Napoli, è organizzata in partnership con i brand di moda Eddy Monetti, e di arredamento Amato1926. La casa è il luogo della memoria, la nostra identità, ma anche il luogo dove l’io sociale trova la sua realizzazione. Oggi in casa ognuno ha i suoi spazi, ma spesso manca il calore del “fuoco” intorno al quale sviluppare relazioni sociali che danno senso e arricchimento alla vita del singolo individuo. Per noi la casa, come il luogo di lavoro, deve invece favorire una connessione tra i mondi sia di chi la vive che di chi viene in visita, predisponendosi così alla magnifica arte del convivio.

Per la seconda edizione di questo concorso il tema da sviluppare è stato la progettazione di una porta basata sulla tecnologia brevettata dall’azienda Amato1926 e che miri, lavorando attraverso disegni e finiture, a valorizzare le tradizioni e la cultura dei territori di tutta Italia.

La giuria formata da Andrea e Mario Amato, Alba Cappellieri, Lorenzo Capobianco, Paolo Giardiello, Marina Parente, Gennaro Polichetti, Marco Petroni e la stessa Grazia Torre, ha selezionato assieme al pubblico del web, 20 tra i 53 progetti in gara per esporli presso la boutique Eddy Monetti, in P.zza S. Babila durante tutta la settimana del Fuorisalone.

Assieme ai progetti è in esposizione anche una selezione di lavori di Andrea Anastasio, Bianco e Valente e Vittorio Venezia curata dal critico Marco Petroni dal titolo “WHERE ARE YOU?”, un’analisi sulla natura del nostro quotidiano per indagare il modo in cui ciò investe il corpo sociale. Le opere in mostra sono esempi di una visione del design come un campo allargato, transdisciplinare, che si apre in direzione di nuovi equilibri e verso la definizione di valori più condivisi. Sul sito di Casa Conviviale tutti i progetti.

Presso EDDY MONETTI, P.zza S. Babila 4/A, 20122 Milano

Da mercoledì 05 a Domenica 09 Aprile 2017, ore 10 – 20

Read in:

Picture of Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Christian D’Antonio (Salerno,1974) è direttore responsabile della testata online di lifestyle thewaymagazine.it. Iscritto all’albo dei giornalisti professionisti dal 2004, ha scritto due libri sulla musica pop, partecipato come speaker a eventi e convegni su argomenti di tendenza e luxury. Ha creato con The Way Magazine e il supporto del team di FD Media Group format di incontri pubblici su innovazione e design per la Milano Digital Week e la Milano Design Week. Ha curato per diversi anni eventi pubblici durante la Milano Music Week. È attualmente ospite tv nei talk show di Damiano Gallo di Discovery Italia. Ha curato per il quartiere NoLo a Milano rassegne di moda, arte e spettacolo dal 2017. In qualità di giudice, ha presenziato alle manifestazioni Sannolo Milano, Positive Business Awards, Accademia pizza doc, Cooking is real, Positano fashion day, Milan Legal Week.
Ti potrebbe interessare:

Marc Didou. Pars Oculi

Marc Didou. Pars Oculi a cura di Philippe Daverio, Elena Maria Gregori Daverio e Marco Teseo 19 – 25 gennaio

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”