Magazine - Fine Living People
Design of desire

Design of desire - 03/06/2019

L’architettura del Sukhothai a Bangkok, sogno dei tempi

Generoso uso di teak, granito, specchi, vetro, ceramica, metallo e seta per decorare i salotti. La visione del designer americano Ed Tuttle per il regno del lusso thailandese.

Con l’interior design del prestigioso Edward Tuttle e l’impianto architettonico di Kerry Hill Architects sin dal novembre 1991 il Sukhothai hotel di Bangkok è apparso da subito il regno della suprema eleganza e il massimo lusso e comfort nella capitale thailandese.

Conosciuta come una delle destinazioni più amate dalla clientela top del mondo, la città è da qui vista in maniera radicalmente opposta rispetto ai grandi hotel dei grattacieli circostanti. Un grande giardino antico e le costruzioni basse rispecchiano il significato intrinseco della parola “Sukhothai” che significa “alba della felicità”: l’ispirazione simbolica per The Hotel Sukhothai Bangkok per portare felicità agli ospiti.
Sukhothai era il nome della prima capitale della Thailandia in posizione nord di Bangkok (1238-1378). Questo è uno dei periodi più importanti della storia tailandese, considerato un’età dell’oro dell’arte, dell’architettura, della cultura e della lingua raffinate. L’hotel Sukhothai Bangkok con 2010 stanze è una struttura pluripremiata che si trova a Sathorn, la zona delle ambasciate della capitale.
Considerata come una delle esperienze di alloggio più lussuose della Thailandia, le sue strutture accessorie, i ristoranti premiati, la Spa Botanica, una flotta di limousine, palestra e piscina vista giardino spazi di incontro e cucina leggendaria sono oggi la ragione del successo di uno dei marchi di ospitalità più raffinati nel Sud Est asiatico.

L’INGRESSO – Ci si arriva attraversando  il viale alberato e sei acri di giardini fioriti e gli stagni di loto che riprendono l’eleganza tradizionale e la serenità del periodo Sukhothai, da cui l’hotel prende non solo il suo nome, ma anche la sua ispirazione architettonica.

I templi del periodo Sukhothai enfatizzavano il “Chedi”, noto anche come a pagoda o stupa, come caratteristica principale del design. Il Chedi rappresenta l’essenza di calma e pace, qualità che definiscono l’atmosfera piacevole dell’hotel. Tutto porta alla calda ospitalità tailandese del personale e di tutti servizio che comprende.

La disposizione degli edifici di Sukhothai, la bassa altezza e la ricca vegetazione rende l’hotel un’oasi nel centro di Bangkok. Come i palazzi del periodo storico a cui si riferisce, il design dell’hotel è basato sulla simmetria, cortili lussureggianti, riflettenti stagni e gallerie all’aperto. I bassi edifici dell’hotel sono addolciti da giardini tropicali e stagni di loto nel cortile centrale e intorno al graziosi padiglioni di Celadon, uno dei ristoranti tailandesi più squisiti a Bangkok.
Il design degli interni degli spazi pubblici e delle stanze, unisce raffinatezza e dettagli con tessuti thailandesi ricchi di lusso, legno di teak, mobili in teak pesante, marmo e specchi. Ogni camera e suite mantiene il design di alta qualità e lo stile distinto che riprendono l’architettura esterna con influenze della tradizione e l’essenza della semplicità moderna.

Nella sua visione iniziale per l’hotel, l’architetto e interior designer americano Ed Tuttle lo ha intriso dell’essenza dell’era Sukhothai del XIII secolo, creando un hotel contemporaneo che ha reso omaggio alla grazia, all’eleganza e al fascino di quell’era gloriosa. Eppure celebrava lo status di Bangkok come città cosmopolita e moderna. Il designer ha fatto generoso uso di teak, granito, specchi, vetro, ceramica, metallo e la migliore seta a marchio Jim Thompson per evocare i salotti sontuosi dell’antica capitale.

E tra i simmetrici colonnati e le sculture in stile Sukhothai, ancora oggi, con la Club Wing appena aperta, si respira quell’atmosfera di lusso senza tempo.

The Sukhothai Bangkok 13/3 S Sathorn Rd, Khwaeng Thung Maha Mek, Khet Sathon, Krung Thep Maha Nakhon 10120, Thailandia

Luxury hotel in the heart of Bangkok



Design of desire - 20/04/2016

Affreschi & Affreschi ci porta l’arte fatta a mano in casa

Affreschi & Affreschi è uno di quei miracoli del made in Italy che coniuga l'antico e il modern [...]

Fashion - 20/09/2018

Tanita Tikaram, sempre sobria (e dosata) da Labo.Art

In occasione della Fashion Week milanese, per celebrare le emozioni della collezione spring summer 2 [...]

Society - 25/03/2017

Incontro con Debora Caprioglio: “L’amore è arrivato tardi ma è forte”

Se si pensa a Debora Caprioglio viene subito in mente il film Paprika del '91, di Tinto Brass dove u [...]

Top