3 Giugno 2019

L’architettura del Sukhothai a Bangkok, sogno dei tempi

Generoso uso di teak, granito, specchi, vetro, ceramica, metallo e seta per decorare i salotti. La visione del designer americano Ed Tuttle per il regno del lusso thailandese.

3 Giugno 2019

L’architettura del Sukhothai a Bangkok, sogno dei tempi

Generoso uso di teak, granito, specchi, vetro, ceramica, metallo e seta per decorare i salotti. La visione del designer americano Ed Tuttle per il regno del lusso thailandese.

3 Giugno 2019

L’architettura del Sukhothai a Bangkok, sogno dei tempi

Generoso uso di teak, granito, specchi, vetro, ceramica, metallo e seta per decorare i salotti. La visione del designer americano Ed Tuttle per il regno del lusso thailandese.

Con l’interior design del prestigioso Edward Tuttle e l’impianto architettonico di Kerry Hill Architects sin dal novembre 1991 il Sukhothai hotel di Bangkok è apparso da subito il regno della suprema eleganza e il massimo lusso e comfort nella capitale thailandese.

Conosciuta come una delle destinazioni più amate dalla clientela top del mondo, la città è da qui vista in maniera radicalmente opposta rispetto ai grandi hotel dei grattacieli circostanti. Un grande giardino antico e le costruzioni basse rispecchiano il significato intrinseco della parola “Sukhothai” che significa “alba della felicità”: l’ispirazione simbolica per The Hotel Sukhothai Bangkok per portare felicità agli ospiti.
Sukhothai era il nome della prima capitale della Thailandia in posizione nord di Bangkok (1238-1378). Questo è uno dei periodi più importanti della storia tailandese, considerato un’età dell’oro dell’arte, dell’architettura, della cultura e della lingua raffinate. L’hotel Sukhothai Bangkok con 2010 stanze è una struttura pluripremiata che si trova a Sathorn, la zona delle ambasciate della capitale.
Considerata come una delle esperienze di alloggio più lussuose della Thailandia, le sue strutture accessorie, i ristoranti premiati, la Spa Botanica, una flotta di limousine, palestra e piscina vista giardino spazi di incontro e cucina leggendaria sono oggi la ragione del successo di uno dei marchi di ospitalità più raffinati nel Sud Est asiatico.

L’INGRESSO – Ci si arriva attraversando  il viale alberato e sei acri di giardini fioriti e gli stagni di loto che riprendono l’eleganza tradizionale e la serenità del periodo Sukhothai, da cui l’hotel prende non solo il suo nome, ma anche la sua ispirazione architettonica.

I templi del periodo Sukhothai enfatizzavano il “Chedi”, noto anche come a pagoda o stupa, come caratteristica principale del design. Il Chedi rappresenta l’essenza di calma e pace, qualità che definiscono l’atmosfera piacevole dell’hotel. Tutto porta alla calda ospitalità tailandese del personale e di tutti servizio che comprende.

La disposizione degli edifici di Sukhothai, la bassa altezza e la ricca vegetazione rende l’hotel un’oasi nel centro di Bangkok. Come i palazzi del periodo storico a cui si riferisce, il design dell’hotel è basato sulla simmetria, cortili lussureggianti, riflettenti stagni e gallerie all’aperto. I bassi edifici dell’hotel sono addolciti da giardini tropicali e stagni di loto nel cortile centrale e intorno al graziosi padiglioni di Celadon, uno dei ristoranti tailandesi più squisiti a Bangkok.
Il design degli interni degli spazi pubblici e delle stanze, unisce raffinatezza e dettagli con tessuti thailandesi ricchi di lusso, legno di teak, mobili in teak pesante, marmo e specchi. Ogni camera e suite mantiene il design di alta qualità e lo stile distinto che riprendono l’architettura esterna con influenze della tradizione e l’essenza della semplicità moderna.

Nella sua visione iniziale per l’hotel, l’architetto e interior designer americano Ed Tuttle lo ha intriso dell’essenza dell’era Sukhothai del XIII secolo, creando un hotel contemporaneo che ha reso omaggio alla grazia, all’eleganza e al fascino di quell’era gloriosa. Eppure celebrava lo status di Bangkok come città cosmopolita e moderna. Il designer ha fatto generoso uso di teak, granito, specchi, vetro, ceramica, metallo e la migliore seta a marchio Jim Thompson per evocare i salotti sontuosi dell’antica capitale.

E tra i simmetrici colonnati e le sculture in stile Sukhothai, ancora oggi, con la Club Wing appena aperta, si respira quell’atmosfera di lusso senza tempo.

The Sukhothai Bangkok 13/3 S Sathorn Rd, Khwaeng Thung Maha Mek, Khet Sathon, Krung Thep Maha Nakhon 10120, Thailandia

Luxury hotel in the heart of Bangkok

Read in:

Picture of Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Christian D’Antonio (Salerno,1974) è direttore responsabile della testata online di lifestyle thewaymagazine.it. Iscritto all’albo dei giornalisti professionisti dal 2004, ha scritto due libri sulla musica pop, partecipato come speaker a eventi e convegni su argomenti di tendenza e luxury. Ha creato con The Way Magazine e il supporto del team di FD Media Group format di incontri pubblici su innovazione e design per la Milano Digital Week e la Milano Design Week. Ha curato per diversi anni eventi pubblici durante la Milano Music Week. È attualmente ospite tv nei talk show di Damiano Gallo di Discovery Italia. Ha curato per il quartiere NoLo a Milano rassegne di moda, arte e spettacolo dal 2017. In qualità di giudice, ha presenziato alle manifestazioni Sannolo Milano, Positive Business Awards, Accademia pizza doc, Cooking is real, Positano fashion day, Milan Legal Week.
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”