Magazine - Fine Living People
Design of desire

Design of desire - 22/04/2018

Le architetture anni 30 in mostra a Montenapoleone a Milano

Si chiama Mi[x(xx)]ing Architecture – “Milano: radici e sintomi della città moderna”, la mostra diffusa organizzata da MonteNapoleone District nel cuore dell’eleganza di Milano in occasione della design week 2018.

Patrocinata dal Comune di Milano, sponsorizzata da BNP Paribas Real Estate e curata da Alessandro Cocchieri, la mostra è dedicata alle architetture degli anni trenta e pone l’attenzione su alcuni edifici identificativi di un decennio che, non ascrivibili ad un unico stile, hanno reso distinguibili le intuizioni geniali e le cifre stilistiche dei loro creatori.

Accompagnate da opere grafiche dello Studio Job, lungo via Montenapoleone si potranno scoprire le dieci vedute prospettiche di una città che ha precorso i tempi di altrettanti celebri architetti: Emilio Lancia, Gio Ponti, Giuseppe De Min, Piero Portaluppi, Luigi Figini, Gino Pollini, Giuseppe Terragni, Giovanni Muzio, Alessandro Rimini e Pietro Lingeri.

Passeggiando si ppuò scoprire le dieci vedute prospettiche di una città che ha precorso i tempi di altrettanti celebri architetti: Emilio Lancia, Gio Ponti, Giuseppe De Min, Piero Portaluppi, Luigi Figini, Gino Pollini, Giuseppe Terragni, Giovanni Muzio, Alessandro Rimini e Pietro Lingeri. Patrocinata dal Comune di Milano, sponsorizzata da BNP Paribas Real Estate e curata da Alessandro Cocchieri, la mostra è dedicata alle architetture degli anni trenta e pone l’attenzione su alcuni edifici identificativi di un decennio che, non ascrivibili ad un unico stile, hanno reso distinguibili le intuizioni geniali e le cifre stilistiche dei loro creatori.

Una delle foto su via Montenapoleone a Milano che rappresentano la storia dell’architettura.

Per il fuorisalone la “MonteNapoleone Design Experience 2018” interessa anche le altre vie del distretto: Verri, Sant’Andrea, Santo Spirito, Gesù, Borgospesso e Bagutta. Così MonteNapoleone District viene per una settimana ribattezzato “Quadrilatero del design” e celebra il connubio tra i due pilastri del Made in Italy riconosciuti in tutto il mondo moda-design. Non più quindi solo tempio dello shopping ma, con il passaggio dello scettro dalla moda regina incontrastata, le strade storiche del centro di Milano si animano con una serie di iniziative di alto livello, oltre alle attività collaterali previste dalle singole Boutique, per celebrare Milano, il design e lo stile di vita italiano.



Uncategorized - 17/01/2020

Nel 2020 il designer dell’anno è Virgil Abloh: lavora a vestiti e musei

Quando l'anno scorso ha presentato al museo d'arte contemporanea di Chicago, la sua città, una most [...]

Leisure - 24/06/2018

“Sogno di una notte di mezza estate” nella Londra punk

Le vie del teatro sono infinite e capita anche che un classico di Shakespeare, in mano a un giovane [...]

Leisure - 22/01/2018

Jonathan Redavid, unico italiano in The Greatest Showman

I fenomeni da baraccone dell'800 trovavano fortuna oltreoceano in spettacolari messe in scena. Oggi [...]

Top