Magazine - Fine Living People
Design of desire

Design of desire - 15/04/2018

Michael Anastassiades, luci d’artista per Flos come gioielli

Alla vip lounge di MiArt nel ristorante tre stelle Michelin Da Vittorio. Protagonista del progetto è Arrangements, di Michael Anastassiades.

Al MiArt c’è stato anche design d’autore. Flos, brand italiano di illuminazione di design, lampade iconiche e innovative per la casa, ha realizzato un’installazione luminosa site-specific all’interno della Vip Lounge della mostra, nell’area riservata al ristorante tre stelle Michelin Da Vittorio.

Protagonista del progetto è Arrangements, di Michael Anastassiades. Posizionato sulla linea sottile che divide e fa dialogare l’arte figurativa con il design di ricerca, Arrangements è un sistema modulare di elementi geometrici di luce a LED combinabili tra loro in composizioni multiple di singoli chandelier, come pendenti di catene luminose.

Michael Anastassiades collabora con successo con Flos dal 2013. I prodotti da lui firmati in questi anni, come String Lights, IC Lights, Copycat, Extra, Captain Flint, hanno ottenuto i più importanti riconoscimenti del settore e un’accoglienza straordinaria da parte del pubblico internazionale. Il carattere poetico del suo design, unito all’uso sapiente delle più innovative soluzioni tecnologiche di luce, rende ogni sua opera unica e sorprendentemente emozionale.

Il designer si è perfezionato in  industrial design e ingegneria alla London’s Royal College of Art e all’Imperial College. Ha fondato a Londra il suo studio nel 1994 e ha lanciato collaborazioni prestigiose come quella con Studio Mumbai.

In questo caso, Arrangements è un sistema modulare di elementi luminosi geometrici con posizioni multiple che rendono l’installazione un candelabro personalizzato.

Michael Anastassiades dice: “Dieci anni fa ho iniziato a voler produrre i miei design senza comrpomessi e dopo poco ho iniziato a collaborare con Flos. Non mi sarei mai aspettato di poter avere la stessa libertà con qualcun altro. Sono stato sempre affascinato dalle similitudini tra illuminazioni e gioielli. Anche il pendente ha un doppio significato, può essere sia indossato al collo che illuminato in un tetto per dare luce a un ambiente”.



Leisure - 24/10/2018

Subsonica: “Otto è l’infinito e l’equilibrio”

I Subsonica alla Feltrinelli di Napoli hanno raccontano di magie e di come nascono i cd. Ieri 23 ott [...]

Leisure - 31/10/2018

Paul Klee alle origini del primitivismo

La mostra Paul Klee. Alle origini dell’arte, a cura di Michele Dantini e Raffaella Resch, [...]

Travel - 22/10/2016

La Mamounia a Marrakesh: mostra d’arte di Hassan Hajjaj

La Mamounia ospita la mostra fotografica Suite 280 presso La Galerie de La Mamounia, con le immagini [...]

Top