Magazine - Fine Living People
Design of desire

Design of desire - 26/05/2020

Poggesi riprogetta gli ambienti esterni: distanza, verde e sicurezza

Un’idea di outdoor nuova e destagionalizzata per locali pubblici, cinema, teatri e attività di hospitality, cura e benessere della persona.

Privilegiare il verde urbano come vero e proprio ripensamento del modo di progettare questi spazi e la mobilità, vivere nuove esperienze in spazi outdoor accuratamente studiati, ampi ed eleganti, ma anche accoglienti e confortevoli. Punteremo sempre più sugli spazi esterni intermedi. Cortili, corti, logge, giardini, balconi e terrazze assumeranno nuove funzioni: potranno diventare nuovi luoghi di aggregazione e socializzazione, di sport e movimento fisico, e addirittura accogliere forme innovative di lavoro e spettacolo.

Poggesi, che è un’azienda di Figline Valdarno, in provincia di Firenze, attiva dagli anni Quaranta nella produzione di ombrelli, è pronta a cavalvare l’onda del rinnovamento. Dal 1964 un simbolo sinonimo di funzionalità, resistenza, bellezza e praticità, in oltre 50 anni di attività, l’Ombrellificio Poggesi è riuscito a innovare e rendere più fruibili i sistemi di ombreggiatura per privati e luoghi pubblici.

Una trasformazione in chiave ecologica e eco-sostenibile degli spazi semi-privati ci aspetta per il futuro immediato. Si tratta di luoghi di passaggio spesso poco utilizzato, che potranno diventare in piccoli orti urbani, superfici per la raccolta dell’acqua o per l’auto produzione di energia pulita, veri e propri polmoni verdi per contrastare CO2 e polveri sottili.

Più spazi all’aperto anche per la convivialità. Mangiare, bere, prendere un caffè, andare al ristorante o al cinema, ma anche shopping e benessere: sono tutte attività che sono state sospese per molte settimane, interazioni umane in genere, di cui non possiamo però fare a meno. Ecco quindi l’importanza di ripensare lo spazio esterno pubblico, per conciliare le esigenze di distanziamento sociale con la routine dei centri urbani, a vantaggio anche di quei settori più toccati dalla crisi, come i locali pubblici, cinema, teatri e attività di hospitality, cura e benessere della persona.

(Party, ombrellone a palo centrale di Poggesi per una realizzazione commerciale).

L’outdoor diventerà parte integrante del nostro modo di vivere, non solo durante la bella stagione, ma anche in situazioni più o meno estreme. Per farlo le aziende, esercizi commerciali e contraact dovranno puntare su soluzioni tecniche evolute e “destagionalizzate”, offrendo un’idea di esterno nuova e attuale, diversa dal concetto di outdoor legato all’estate e alla primavera, strutture dotate di durevolezza e garanzia ottimali, che vadano oltre al periodo standard, che indicativamente va da aprile a ottobre”. Occorrerà investire su prodotti resistenti, realizzati su misura e sicuri in termini fisici, sanitari e ovviamente emozionali.

Un’idea di outdoor nuova e destagionalizzata, grazie a strutture dotate di durevolezza e garanzia ottimali, per conciliare le esigenze di distanziamento sociale con la routine dei centri urbani, a vantaggio anche di quei settori più toccati dalla crisi, come i locali pubblici, cinema, teatri e attività di hospitality, cura e benessere della persona.



Leisure - 29/07/2017

Le radio personality invitano alla lettura con #djforbooks

Anche le radio personality più famose del panorama dell'etere italiano invogliano alla lettura. Lo [...]

Leisure - 04/09/2018

RTL e gli ascoltatori hanno deciso: hit estiva 2018 è “Non ti dico no”

"Non ti dico no" di BommDaBash e Loredana Bertè è la hit dell'estate 2018. In una cornice molto si [...]

Trends - 15/12/2019

Perché dilaga il “Comfort food” e cosa c’è dietro la nostalgia dei gusti

Quando su Channel 4 in Gran Bretagna arrivò uno show specifico sul comfort food ("cibo dell'anima" [...]

Top