Magazine - Fine Living People
Design of desire

Design of desire - 14/10/2017

Targa Rodolfo Bonetto, vincono le scarpe che cambiano calore

Vincono le Db-shoes tecnologiche. L'edizione 2017 tra inventiva e innovazione per i giovani designer.

Un premio alla creatività dei giovani quello pensato per Targa Rodlfo Bonetto, rivolto agli studenti di università e scuole di design e architettura.

La premiazione è intitolata a Rodolfo Bonetto uno dei padri fondatori del design italiano, vero innovatore del design industriale. Autodidatta, premiato otto volte con il Compasso d’Oro, autore di oggetti iconici che sono entrati nella vita quotidiana degli ultimi decenni del ‘900 e nella storia del design (dal telefono pubblico Rotor al centro di lavorazione Horizon 2 per Olivetti), Rodolfo Bonetto è stato docente alla Hochschule für Gestaltung di Ulm e all’Isia di Roma e si è sempre interessato alle sperimentazioni dei giovani designer “perché  – diceva – creano nuove idee che esercitano una grande influenza sullo stile di vita e sul design”.

VINCITRICE – A vincere la 22esima Targa Rodolfo Bonetto è stata Carmen Ianiro con il progetto DB Shoes, ISIA di Pescara. Carmen Ianiro si aggiudica anche la Vespa Piaggio personalizzata da Garage Italia Customs di Lapo Elkann. Motivazione giuria : L’istanza che rappresenta il progetto Db Shoes è quella di attivare una configurazione adeguata e un artefatto che appartiene a un contesto normalmente poco frequentato dal design, come quello protesico e sanitario. Il progetto risolve questa istanza sia dal punto di vista tecnico/tecnologico sia da quello formale in modo decisamente brillante.

La menzione speciale al progetto ILDY, di Antonio Ynca e Riccardo Storchi dello IAAD Istituto d’Arte Applicata e Design è per un progetto di utensileria food. Come vedete nell’illustrazione, il dolce si taglia e si serve con lo stesso oggetto.

Gli studenti che hanno vinto la menzione speciale al Premio Targa Rodolfo Benetto 2017.

Gli studenti che hanno vinto la menzione speciale al Premio Targa Rodolfo Benetto 2017.

La “Targa Rodolfo Bonetto” (www.targabonetto.it), giunta alla 21° edizione, con il patrocinio di ADI Associazione per il Disegno Industriale e Fondazione ADI Collezione Compasso d’Oro, è un premio rivolto a studenti delle Università e scuole di design di tutto il mondo. E in ossequio a questa linea, un’altra menzione è stata attribuita a EVOLVE di Simone Bertolino (IAAD Istituto d’Arte Applicata e Design) che è un pratico metodo per non disperdere le briciole.

La pochette che non fa cadere le briciole.

La pochette tovaglietta Evolve che non fa cadere le briciole.

Menzione anche per Salvo, di Valeria Marchionni dell’ISIA di Pescara. Si tratta di uno zaino per il primo soccorso in spiaggia che all’occorrenza, essendo rigido, diventa anche tavolino.

Il concept dello zaino Salvo ha avuto menzione speciale.

Il concept dello zaino Salvo ha avuto menzione speciale.

 

Menzione speciale anche al progetto MACRA (Luca Cecchinè, Naima Annoni, Matteo Russo – Accademia di Brera Milano) che utilizza vari materiali per realizzare imballaggi.

Macra resine naturali al Premio Tarda Bonetto 2017.

Macra resine naturali al Premio Tarda Bonetto 2017.

Menzione speciale al progetto PITAGORA (Rita Lombardi e Lucia Caron dello IAAD Istituto d’Arte Applicata e Design). La chitarra per dj: suona e sfrutta la tensione diversa degli elastici. Si tratta di un ibrido tra chitarra, monocordo e dj booth.

pitagora

Premio della Critica della 22^ Targa Rodolfo Bonetto per la studentessa Handsee di Francesca Abbatantuono del Politecnico di Milano cona la seguente motivazione della giuria. Particolare l’interesse dimostrato nel progetto al comportamento,alla ricerca,da parte del bambino,della tana dove dar luogo al gioco. La vincitrice si aggiudica un viaggio a Basilea in Private Jet ed una giornata al Vitra Museum.

Handsee, premio della critica.

Handsee, premio della critica.

 

Alla Targa Bonetto 2017 hanno partecipato oltre 150 progetti di studenti provenienti dalle scuole italiane e di vari paesi.

1° Premio:

Db-shoes, progetto di Carmen Ianiro, ISIA di Pescara. Si tratta di una scarpa tecnologica ma leggera e smart, pensata per chi soffre di piede diabetico e ha bisogno di regolarne la temperatura. Prevede una suola tecnologica fissa e una tomaia intercambiabile, contiene i sensori di temperatura, del pH e dell’idratazione che permettono di monitorare lo stato di salute del piede. I sensori sono collegati a una batteria ricaricabile posta nella suola, e a un sistema Bluetooth che invierà i dati ad un’App sullo smartphone.

Primo Premio Shoes

Primo Premio DB-Shoes

2° Premio:

Koi, progetto di Iryna Kuchere e Luisa Eckert, ISIA di Roma (sede di Pordenone). È un sacco a pelo realizzato con un tessuto ricavato della fibra di legno. Resistente, con capacità di termoregolazione, quindi caldo d’inverno e fresco d’estate, e traspirante, il tessuto ha le stesse caratteristiche dei tessuti tecnici, ma a basso impatto ambientale. Polivalente, grazie d un sistema di zip reversibili e impermeabili l’oggetto si trasforma da gilet a sacco in modo facile e veloce.

Il secondo premio è andato a Koi: design da indossare.

Il secondo premio è andato a Koi: design da indossare.

 

3 Premio:

il progetto SEI dello studente Francesco Claudio Lindo, IAAD Istituto d’Arte Applicata Torino vince per efficace ed estetica rappresentazione di una funzione multipla dell’oggetto mensola, in aderenza ai principi compresi nel bando di concorso.

Terzo premio

Terzo premio: Sei di Francesco Claudio Lindo.



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Society - 15/02/2018

Una generazione invecchia d’un colpo: Simon Le Bon diventa nonno

Simon Le Bon diventa nonno. Basta di questi tempi un post su Instagram (nel caso specifico, della fi [...]

Design of desire - 22/07/2016

Citco ad Art Basel ha riportato il genio di Zaha Hadid

Citco e Zaha Hadid, un binomio che resiste oltre la vita. L'azienda veronese di lavorazione di m [...]

Leisure - 17/02/2016

Klaus Münch presenta le “Gocce di spazi paralleli”

Klaus Münch, l'artista tedesco formatosi in Italia, espone da oggi alla Fabbrica del Vapore di Mila [...]

Top