23 Aprile 2022

Tempo di biofilia anche nel design

Come usare correttamente le acque, l'energia, il raffreddamento urbano e l'incorporazione nel verde nelle costruzioni. Lo studio di Ronald Lu & Partners.

23 Aprile 2022

Tempo di biofilia anche nel design

Come usare correttamente le acque, l'energia, il raffreddamento urbano e l'incorporazione nel verde nelle costruzioni. Lo studio di Ronald Lu & Partners.

23 Aprile 2022

Tempo di biofilia anche nel design

Come usare correttamente le acque, l'energia, il raffreddamento urbano e l'incorporazione nel verde nelle costruzioni. Lo studio di Ronald Lu & Partners.

Il design aiuta a curare, a sentirsi meglio. Sempre più spesso si sente parlare di architetturia biofilica, di design biofilo, quelle discipline che si fondano sulla biofilia. Che per definizione è l’affinità innata e biologica dell’uomo con il mondo naturale. Gli esseri umani hanno il desiderio inconscio di connettersi al verde e agli scenari che li circondano. Ronald Lu & Partners (RLP), lo studio di architettura pluripremiato a Hong Kong noto per i suoi progetti per il futuro, ha individuato alcuni modi in cui gli architetti stanno rimodellando l’ambiente costruito a beneficio sia delle persone che del pianeta nei climi subtropicali ad alta densità.

Dall’incorporazione del mondo naturale negli spazi urbani allo sviluppo di strategie sostenibili di gestione dell’acqua, questi metodi che riducono lo stress aumentando la creatività evidenziano come le pratiche architettoniche possono migliorare il nostro rapporto con la Terra.
Il design biofilo è un concetto che collega gli edifici all’ambiente naturale attraverso usi diretti e indiretti della natura. Ormai imperativi per la progettazione di architetture in aree urbane ad alta densità, i vantaggi della progettazione biofila sono numerosi, dal raffreddamento delle città e dalla riduzione dei picchi di acqua piovana alla filtrazione del particolato.

The Treehouse Skygarden by Ronald Lu & Partners. Il grattacielo biofilico disegnato da Ronald Lu &Partners è stato il progetto vincitore dell’Advancing Net Zero Ideas Competition (ANZ) promosso dal World Green Building Council a inizio 2022.

Il nuovo concetto di ambiente di lavoro di RLP, Treehouse, è un sistema biofilo integrato eco-consapevole che mira a ricollegare il sacro rapporto tra umanità e natura. Si tratta di un luogo di lavoro incentrato sul benessere e sul benessere, caratterizzato da elementi biofili visivi e spaziali, come pareti e coperture verdi interne, facciate, giochi d’acqua e materiali e arredi a tema naturale. Lo spazio è arioso e accogliente, con ampia luce naturale e una morbida brezza marina proveniente dalla costa orientale, che riaccende l’affinità con la natura.

La necessità di rilanciare l’approccio biofilo nelle megalopoli, dove la biodiversità è in rapido declino, è fondamentale. Dopo la pandemia, le città di tutto il mondo stanno iniziando a riconoscere l’importanza di fornire habitat urbani in grado di supportare la biodiversità e riallineare gli interessi umani con la natura. Il Victoria Dockside di Hong Kong è uno sviluppo di ristrutturazione dell’ex New World Center, progettato come una “collina attiva” di terrazze verdi e un’ampia vegetazione urbana. Il verde copre oltre il 30% degli 11.500 mq. sviluppo, fornendo una migliore ventilazione lungo le strade circostanti.

Entro il 2050, il numero di persone colpite dall’aumento delle temperature salirà alle stelle dell’800% a 1,6 miliardi e le città ad alta densità subiranno un ampio impatto ambientale, sociale ed economico. Oggi, temperature più elevate significano un maggiore consumo di energia per raffreddare gli edifici. Il clima caldo danneggia la stagionatura del calcestruzzo, diminuendone la resistenza e la durata, e livelli di umidità più elevati degradano e corrodono le apparecchiature. Ciò significa che gli architetti che abbracciano il biofilo devono incorporare strategie di adattamento nei progetti sotto forma di una migliore progettazione degli edifici, che includa una pianificazione del sito sensibile al clima e soluzioni basate sulla natura come la ventilazione naturale e l’inverdimento.

Una migliore ventilazione urbana può fornire raffreddamento attraverso vie di ventilazione, vie d’aria, aree non edificabili e porosità e battute d’arresto dell’edificio; così come metodi alternativi di ombreggiamento e raffreddamento come tettoie e giochi d’acqua come parchi spray o paraspruzzi. L’inverdimento svolge anche un ruolo considerevole nel raffreddamento delle città: tetti e pareti verdi creano un isolamento potenziato che riduce la perdita di energia e il guadagno di calore. Alberi e altra vegetazione urbana, ad esempio, creano ombra e raffreddamento attraverso l’evapotraspirazione.
Le città vengono progettate sempre più con strategie di gestione dell’acqua urbana che imitano i processi naturali del suolo, note come città delle spugne. Questa tecnica funziona per assorbire il deflusso superficiale dell’acqua piovana, che viene poi filtrata naturalmente dal terreno. L’infiltrazione del deflusso consente alle falde acquifere di reintegrarsi e ricevere i corpi idrici da rigenerare, eliminando le fonti di acqua maleodorante e ripristinando gli habitat naturali.

Read in:

English English Italian Italian
Ti potrebbe interessare:

Spontini arriva nel Middle East

Il CEO di Spontini Massimo Innocenti è entrato nei particolari anche dell’accordo annunciato il 17 gennaio scorso tra i produttori

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?