Magazine - Fine Living People
Design of desire

Design of desire - 30/10/2019

Torre Generali vince “Excellence in Concrete Construction Award 2019″

Il prestigioso riconoscimento internazionale torna a Milano dopo la premiazione di Palazzo Italiaa Expo Milano nel 2017.

L’edificio milanese Torre Generali ha vinto un prestigioso premio internazionale in America per la sua architettura. Il premio che viene conferito annualmente e vede per la seconda volta trionfare un progetto italiano. L’ACI “Excellence in Concrete Construction Award” è un riconoscimento internazionale che premia progetti all’avanguardia dal punto di vista dell’innovazione e della tecnologia, con l’obiettivo di ispirare best practice di eccellenza nella comunità globale di progettazione e costruzione in calcestruzzo. Toccò a Palazzo Italia, il Padiglione Italia di Expo 2015 a Milano, nel 2017.

Il premio è stato ritirato da Mauro Eugenio Giuliani di Redesco, la società che ha curato tutto il progetto della torre e che ha permesso che questa forma che trasmesse l’idea di una torsione diventasse realtà.

Torre Generali, disegnata da Zaha Hadid, a CityLife, grazie al progetto strutturale di Redesco, si è aggiudicata il prestigioso premio internazionale dell’ACI –American Concrete Institute al gala di  Cincinnati in Ohio nella categoria “High-Rise Buildings”(grattacieli) a livello mondiale per “la sapienza progettuale e ingegneristica, riconoscendo da un lato l’audacia e le caratteristiche del progetto, dall’altro le metodologie innovative di progettazione che lo hanno reso possibile”.

L’accentuata torsione sull’asse verticale della struttura, che Redesco ha scelto di realizzare principalmente in calcestruzzo e con alcuni elementi in acciaio-calcestruzzo per motivi strutturali, si è rivelata una vera sfida progettuale proprio per l’effetto torsionale che induce importanti tensioni e deformazioni nelle pareti del nucleo. La sofisticata struttura ha richiesto l’implementazione di una metodologia di progettazione così avanzata da meritare il riconoscimento da parte di una prestigiosa istituzione internazionale quale ACI.

“Questo riconoscimento celebra l’ingegneria italiana e la capacità di progettare opere che non hanno eguali dal punto di vista architettonico e tecnologico – ha dichiarato l’Ingegner Marco Beccati, direttore tecnicodi CityLife S.p.A.La Torre Generali è stata una vera sfida e l’abbiamo affrontata forti del nostro consolidato know-how che ha portato alla realizzazione di un edificio che rappresenta una best practice a livello globale per tutti i futuri progetti di questo tipo”.

“Credo si debba riflettere sul fatto che il premio arrivi da una giuria internazionale della più grande associazione mondiale di Ingegneria del calcestruzzo, e sia stato scelto questo progetto milanese tra candidature provenienti da tutto il mondo: finalmente anche questo “made in Italy” ottiene il giusto riconoscimento a livello globale”, ha dichiarato Mauro Eugenio Giuliani, direttore di Redesco.

La candidatura al premio è stata fortemente voluta da CityLife, che come sviluppatore ha creduto in questo progetto coraggioso e ha dato fiducia al “saper fare” dell’Ingegneria Italiana, da Redesco Progetti, la realtà italiana che ha progettato le strutture della Torre dalla fase preliminare al definitivo avanzato, fino alla progettazione strutturale esecutiva e costruttiva e all’assistenza al cantiere.

Redesco (Research –Design –Consulting) è una società di specializzata in Ingegneria Strutturale, il cui primo nucleo è stato fondato nel 1975 a Milano, ed è oggi una delle più importanti società italiane del settore. Redesco ha avuto un ruolo di primo piano nel recente “rinascimento” degli edifici alti in Milano, avendo progettato le strutture di Torre Generali e Torre Libeskind, avendo sviluppato i progetti costruttivi dello sviluppo dell’area ex-Varesine, una alternativa strutturale per la Torre Allianz e numerosi altri progetti complessi. Al momento Redesco è al lavoro su progetti di edifici alti a Milano, Ginevra, Cipro e Malta.

Altri promotori della candidatura sono stati il Collegio Degli Ingegneri ed Architetti di Milano CIAM1563, storico motore culturale e polo di riferimento milanese delle professioni legate al costruire e, infine, da ACI Italy Chapter, “ramo” italiano della più grande ed importante associazione internazionale di ingegneria del calcestruzzo, senza il quale la candidatura non sarebbe stata possibile.

“ACI Italy Chapter è orgogliosa di aver supportato la candidatura e aver visto un progetto italiano essere premiato come vincitore per la seconda volta in tre anni” ha dichiarato Luigi Coppola presidente di ACI-IC.

Un progetto al cui successo ha contribuito Holcim (Italia) con la fornitura di calcestruzzo non solo per la torre Generali e PwC ma anche per la riqualificazione urbana di tutta l’area di CityLife, insieme a CMB, azienda italiana leader nel settore delle costruzioni, che ha realizzato la Torre Generali, misurandosi in una complessa sfida ingegneristicae riuscendoa dimostrare quanto capaci siano le aziende italiane, eccellenze anche in fatto di grandi opere.

LA TORRE – La Torre è l’head quarter del gruppo assicurativo Generali a Milano. Una struttura di 44 piani, 3 interrati, per un totale di 170 m di altezza dal livello della sottostante piazza Tre Torri e con una superficie totale di circa 70.000 mq, in grado di ospitare fino a 3000 persone.

La Torre, disegnata dall’Archistar Zaha Hadid, è concepita come una sequenza di piani che ruotano attorno ad un asse verticale, con un sistema di 18 pilastri inclinati disposti sul perimetro diciascun piano. La facciata della Torre, che copre una superficie di 15.000 mq è stata realizzata con un sistema a doppia pelle, per garantire l’effetto estetico di torsione su quella esterna e la massima efficienza energetica ottenuta dalla pelle interna.

 

CITY LIFE – CityLife è il progetto di riqualificazione dello storico polo urbano della Fiera di Milano. Con 366.000 mq di superficie complessiva è una delle aree di intervento urbanistico più grandi d’Europa e vede le firme prestigiose di architetti del calibro di Zaha Hadid, Arata Isozaki e Daniel Libeskind. CityLife è un mix bilanciato di servizi privati e pubblici, tra cui appartamenti, uffici, un’area commerciale e il terzo parco pubblico più ampio del centro di Milano. Cuore dell’area è l’innovativo Business and Shopping District costituito da tre torri e dalla piazza Tre Torri con negozi di qualità, servizi, ristoranti ed entertainment affacciati sul Parco. Tutta l’area è contraddistinta da una forte attenzione alla sostenibilità e al rispetto dell’ambiente: le Residenze sono certificate in Classe A e prevedono prevalentemente l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili, mentre le tre torri hanno già ottenuto la prestigiosa pre-certificazione LEED™ classificandosi a livello Gold.

Inoltre, è l’area pedonale più grande di Milano, grazie alla scelta di spostare viabilità e parcheggi a livelli interrati. CityLife è una società controllata al 100% da Gruppo Generali.



Society - 07/11/2016

Angèlique Cavallari, il cinema che narra la “mancanza” in mezzo al mare

Il cinema è magia, poesia e introspezione. Lo dimostra Mancanza-Purgatorio, secondo capitolo della [...]

Design of desire - 30/05/2019

Gli specchi Iride di Vito Nesta per Exto

Vito Nesta, designer di fama, ha disegnato per il brand EXTO degli specchi retroilluminati presenta [...]

Leisure - 03/02/2019

“L’ultimo ostacolo” di Paola Turci prosegue nella sua rinascita

Trent'anni fa il Sanremo più importante, quello di denuncia per la guerra e un testo indimenticabil [...]

Top