Magazine - Fine Living People
Dolci Pensieri

Dolci Pensieri - 28/02/2017

Alla scoperta di Soragna, con sosta alla Stella d’oro

La provincia italiana e le delizie nascoste della grande tradizione culinaria. Toni Brancatisano oggi ci parla di Parma e dintorni.

L’Italia, per me che sono australiana, ha delle cose che ancora fatico a capire, dopo quasi venti anni che abito qui. Una delle cose che mi hanno sempre affascinato è la provincia, intesa come quell’insieme di piccoli paesini che rappresentano il tessuto pulsante della vita italiana, con i loro usi, i cibi, i monumenti, i lavori, il tempo che spesso sembra non passare mai.

Soragna in provincia di Parma

Soragna in provincia di Parma

Adesso abito a Roma, ma ho passato tanti anni vicino Viareggio, in Versilia, e per me che venivo dal paese delle grandi distanze, e da una grande città come Melbourne, è stato quasi un choc dovermi abituare a piccoli paesi e realtà ristrette, anche se sempre interessanti, dato che rappresentano uno spaccato della società.

Qualche anno fa, complice la fiera dell’antiquariato Mercante in Fiera, che si tiene a marzo e ottobre alle fiere di Parma, ho scoperto Soragna, un paesino di circa quattromila abitanti perso nella bassa padana. Soragna pisola, avvolta spesso nella nebbia, circondato da tanti paesini suoi fratelli: Busseto, patria di Giuseppe Verdi, Zibello, la casa del famoso culatello (un salume pregiatissimo fatto con i migliori pezzi del maiale e lasciato maturare nelle nebbie di zona), e poi Fidenza e Salsomaggiore, famosa per le terme.

Sono luoghi sereni, dove la vita scorre tranquilla e operosa, dove si celebra il culto del maiale e del parmigiano reggiano, il tesoro della zona. Ovunque è pieno di caseifici, e gli appassionati possono trovare il parmigiano appena prodotto (quello che è definito “formaggio da tavola” dai locali, in quanto può appellarsi parmigiano solo dopo i dodici mesi di invecchiamento), e poi il mezzano, il 24, il 36, fino al 50 mesi di invecchiamento, fatto col latte delle famose vacche rosse o delle vacche brune. Veramente come stare in una miniera d’oro!

In zona, come detto, mi fermo a Soragna. Lì c’è la Locanda Stella d’Oro, di Marco Dallabona, un ristorante stella Michelin dotato di alcune accoglienti stanze per il viandante che non vuole avventurarsi nelle nebbie dopo un lauto pasto.

Ho sempre mangiato benissimo alla Stella d’Oro: Marco è un oste attento e un cuoco prodigioso. Ti accoglie col culatello della sua selezione, e poi anolini, il savarin con lingua, i ravioli, il risotto al lambrusco, e poi le carni (animelle, maialino, faraona) e perfino i pesci. A volte arrivano in tavola piatti dimenticati, come il musetto di maiale, e la tavola tocca punte sublimi.

Bonus la cantina, enciclopedica, e il bel chiostro dove in estate si cena, sotto un ampio ombrellone.

Ecco, questa è la provincia italiana, quella che mi piace e mi stupisce, e che mi fa sentire a casa. Lo so, è un luogo comune, ma giratela, veramente.

Alla prossima!



Society - 11/12/2018

RCA Recording Studios, dentro i nuovi studi della musica italiana

Da una leggenda a un record: oggi gli RCA Recording Studios appena aperti a Milano sono i primi stud [...]

Design of desire - 18/07/2018

I tappeti minimal di Jan Kath fanno il giro del mondo

Jan Kath sta creando una nuova concezione nel design da tappeto. Un nuovo modo di intendere l'arredo [...]

Fashion - 15/01/2017

Geometrie, dipinti e un tocco di Damien Hirst per Luca Larenza

Luca Larenza per l'autunno inverno 2017/2018 ha citazioni colte sulla sua maglieria, che è già il [...]

Top