Magazine - Fine Living People
Eventi

Eventi - 07/11/2017

AnimaDonna di José Molina

AnimaDonna

L’inno al multiforme femminile dell’artista madrileno José Molina

Alla Hernandez Art Gallery di via Copernico 8 a Milano,
per la prima volta la più completa rassegna di opere della collezione omonima dedicata alla donna

Dall’8 novembre al 6 dicembre

Inaugurazione stasera martedì 7 novembre 2017 ore 19.00


Tutto il multiforme universo del femminile, la sua potenza creatrice e distruttrice al contempo, costantemente in bilico tra terra e cielo. Un omaggio all’essenza del femmineo più che alla donna.

La Hernandez Art Gallery di via Copernico a Milano ospita dall’ 8 novembre al 6 dicembre AnimaDonna, la più completa selezione di opere della collezione omonima firmata dall’artista madrileno José Molina. Una selezione accurata di disegni a matita grassa in cui spiccano alcuni olii e opere a tecnica mista a impreziosire una galleria che racconta e al contempo omaggia, esalta e innalza le qualità del femminile, dalla potenza vitale alla forza demiurgica genitrice, dalla cura materna all’abnegazione che, talvolta, diventa sacrificio di sé.

In tutto sono una trentina le opere che saranno esposte al pubblico, scelte tra quelle realizzate dall’artista e suddivise idealmente in 18 capitoli. Un lavoro monumentale, interdisciplinare di cui la Hernandez Art Gallery esporrà un assaggio in un mese, novembre, che celebra la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne (sabato 25). Pittore, scrittore, scultore e antropologo, i mille volti di José Molina. “AnimaDonna”  – sintetizza l’artista – nasce dall’esigenza di indagare il mondo femminile mettendolo in connessione con il periodo storico che stiamo vivendo. E’ lo sguardo di chi vuole esplorare l’essenza delle qualità femminili che esistono in ognuno di noi, uomini e donne”.

La mostra, che sarà inaugurata giovedì 7 novembre alle ore 19.00,  comprende omaggi a donne importanti della storia, sante e martiri ma non solo, che hanno dato il loro contributo alla storia frutto di accurate ricerche dell’artista, ma anche a simboli della vita primigenia che anima la donna, con opere monumentali come Lucy, immagine guida dell’esposizione.
E poi c’è tutto il tema della natura, mirabilmente espresso in forma e contenuto con tecnica mista che mutua elementi rubati alla terra come legno, sassi, muschio, rami ed erba. Ma se il femminile è impossibile da imprigionare, lo è anche l’opera, tanto che Molina gioca a graffiare, lavorare e plasmare cornici potenti, in una ideale continuità creativa e materica.

“Di fronte al mondo femminile ci si ritrova inevitabilmente a contemplarne tutta la ricchezza – spiega Molina – Per questo ho frammentato la capacità di espressione in molte tecniche e stili diversi: olio, acquarello, matita, serigrafia, incisione, elementi scultorei che rappresentano al contempo il forte legame tra donna e natura. Questo collegamento non è solo una suggestione, ma un invito concreto a rispettare la terra, a ritrovare dentro di noi il femminile”.



Top