Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 18/02/2019

Fastskin di Speedo, uno studio durato 3 anni per un costume da bagno

La ricerca dell'Aqualab per tre anni, 330 nuotatori coinvolti e 560.000 chilometri nuotati: ecco l'innovazione nello swimwear.

Quando si parla di nuoto, e soprattutto di costumi gara, Speedo è da sempre pioniere e leader nello sviluppo di prodotti all’avanguardia e altamente performanti. Per il 2019 l’azienda lancia la nuova gamma Fastskin: costumi e occhialini da competizione frutto di una lunga e costante ricerca. Una nuova gamma sostenuta dalla campagna “Made for this” ovvero “Fatti per questo”: un claim che non si riferisce solo ai nuovi costumi gara, appositamente progettati per garantire le migliori prestazioni, ma anche agli atleti stessi e a tutti i nuotatori.

Speedo lancia la nuova capsule dedicata al mondo racing: due nuovi costumi, Fastskin LZR Pure Intent e Fastskin LZR Pure Valor, e il nuovo occhialino Speedo Pure Focus. Una proposta che è il risultato di un processo di ricerca e sviluppo durato tre anni e che ha coinvolto 330 nuotatori.

Tre anni, 330 nuotatori coinvolti e 560.000 chilometri nuotati: questi i numeri legati alla ricerca condotta da Speedo Aqualab, il centro di Research and Development del brand che ha collaborato con un team di professionisti del settore nuoto, uniti a esperti del mondo tessile, della dinamica dei fluidi e del design, per sviluppare e testare la nuova gamma racing firmata Speedo. Tra questi spiccano i nomi di campioni internazionali quali Caeleb Dressel e Ryan Murphy (USA), Joseph Schooling (Singapore), Emma McKeon (Australia), Mireia Belmonte Garcia (Spagna) e Siobhan-Marie O’Connor (Inghilterra); oltre a loro, club di nuoto premium, nuotatori master e dieci tra i migliori coach di tutto il mondo. Un team d’eccezione che ha lavorato insieme per creare il miglior racing system di sempre, perfetto per tutte le categorie di atleti.

La nuova gamma Fastskin di Speedo è stata inoltre testata utilizzando il software CFD (Computational Fluid Dynamics), lo stesso usato per lo studio dell’aerodinamica delle auto di Formula 1: l’eccellenza tecnologica per raggiungere il miglior risultato di sempre.

La collezione sarà in vendita online dal 4 marzo e nei negozi da maggio 2019.

«Il supporto dei nuotatori e degli addetti ai lavori nelle fasi di ricerca e sviluppo è stato molto importante per noi e ci ha permesso di perfezionare i prodotti sulle loro precise indicazioni – ha dichiarato Rob Hicking, Brand Director di Speedo – e il risultato di questa collaborazione è una nuova generazione di costumi gara, ancora più performanti. Vent’anni di ricerca e innovazione hanno portato Speedo al livello più alto di sempre».

Rob Hicking
aggiunge inoltre: «Il 2020 sarà un anno incredibilmente importante per i nostri atleti e questa nuova gamma è una dichiarazione al mondo del nuoto: Speedo è pronto ad affrontare questa nuova sfida».

Un entusiasmo condiviso anche dagli atleti coinvolti in prima persona nel processo di sviluppo: «Ho potuto partecipare alle fasi di creazione dei costumi gara e vedere tutto il lavoro e la tecnologia che sta alla base di progetti così ambiziosi, – racconta il nuotatore statunitense Caeleb Dressel – e questo è esattamente il motivo per cui ho scelto Speedo: sono i migliori quando si tratta di realizzare costumi innovativi!».

Foto d’apertura, da sinistra a destra: Miriea Belmonte Garcia (ESP), Emma McKeon (AUS), Ariarne Titmus (AUS), Nathan Adrian (USA), Kylie Masse (CAN) , Caeleb Dressel (USA), Pernille Blume (DEN), Ryan Murphy (USA), Siobhan-Marie O’Connor (GBR), Duncan Scott (GBR), Mack Horton (AUS)



Trends - 07/01/2017

Cioccolato e arte, da Brandon Olsen a Gay-Odin

Il trend del cioccolato d'arte e d'autore non accenna a smorzarsi. Inventiva, creatività e ribalta [...]

Society - 05/05/2017

Il Volo in tour: “Presto faremo musica latina”

Il Volo si prepara al tour Notte magica - A Tribute to the Three Tenors, lo spettacolo dal vivo trai [...]

Design of desire - 10/03/2018

A Monaco di Baviera l’incontro tra Simone Crestani e Ingo Maurer

C’è un’attrazione naturale tra la luce e il cristallo. Per questo in occasione dell’edizione [...]

Top