Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 26/02/2016

Furla e Dondup, la moda a palazzo

Furla e Dondup, la moda riassunta in due simboli del made in Italy giovane che piace all’estero, scelgono palazzi d’epoca per presentare le collezioni invernali alla Milano Fashion Week.

Furla, brand di successo bolognese, per la collezione scarpe e borse ha “requisito” il Palazzo della Permanente nel cuore del distretto del lusso di Milano. Le sale progettate a fine 800 da Luca Beltrami in stile neoclassico sono state adibite spazio minimal finemente illuminato, per staccare dal total white dell’allestimento. Al centro dell’exhibition il #furlafeeling, come lo ha ribattezzato l’azienda. Cioè quel mix di sdrammatizzazione ed eleganza, in questa collezione abbinata a un trend estremamente trendy. Cosa abbiamo visto: animalier coordinato su scarpe e borse, inserti in plexiglass molto distintivi, pon pon che strizzano l’occhio al mercato giovane.

Furla come casa di moda ha anche avviato con Fondazione Furla dal 2000 un progetto premiante per i giovani artisti che culmina con il Furla Art Award, uno dei più prestigiosi e rilevanti premi dedicati all’arte.

Dondup, brand marchigiano partito dal denim, fa bella mostra di sé invece a Palazzo Durini, una delle dimore storiche medievali milanesi. Con un allestimento che mixa futurismo e retrò, la casa di moda giovane ha “occupato” le affascinanti stanze storiche con luci fucsia, un pool di dj, artisti e modelle ad animare il passaggio di fashion victim e buyers e installazioni di video-sculture come si vedevano negli anni 80. Molto versatile la collezione, che ha fatto gola alle fashion icon Justine Mattera e Barbara Snellenburg. Si va dal ritorno dello scozzese alle applicazioni multimateriali su jeans e pellicciotti. In bella vista i “chiodi” che sembrano essere di nuovo il must del guardaroba anche femminile, purché tempestati di dettagli metal.



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Design of desire - 13/02/2017

Alle origini della grafica italiana alla sinagoga di Reggio Emilia

I loghi di Pirelli e Coop, la Triennale di Milano negli anni 60: l'origine della grafica italiana è [...]

Society - 13/02/2018

Maurizio Vezzoli, la fotografia che racconta l’Italia

Paesaggi da sogno e immagini vive di prelibatezze. L'Italia raccontata dal viaggio dell’obiettivo [...]

Luxury - 01/12/2016

Bollani biciclette, il manubrio raffinato della Targa Oro

Bollani Biciclette ha tradotto in realtà il desiderio di molti stylish bikers in giro per il mondo: [...]

Top