Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 22/03/2017

La Haute Future Fashion Academy lancia l’alta moda dei giovani

Si chiama Opium ed è la collezione di alta moda autunno/inverno 2017/2018 dei nuovi talenti della scuola milanese. Un esperimento di creatività a tutto tondo molto riuscito.

Haute Future Fashion Academy è un’innovativa realtà formativa di alto livello nel settore High End Luxury Fashion e Concept Design, l’unica scuola italiana specializzata di Haute Couture.

Da Milano, il luogo di formazione dei direttori creativi del domani, promuove la manualità e la creatività in ogni sua manifestazione. E di ricerca si è trattato recentemente, quando l’accademia ha messo in atto il know-how dei giovani stilisti che hanno portato nella Milano Fashion Week un display delle loro conoscenze con la sfilata Opium.

Abbiamo visto il setting e il vero spettacolo che questi abiti usciti dalle aule della Haute Future Fashion Academy sanno creare. Il fare moda significa soprattutto assecondare i sogni, quelli degli acquirenti, e quelli fantasiosi dei ragazzi che devono esprimersi con la ricerca artistica senza limiti. Per questo la collezione d’alta moda per l’inverno prossimo è dedicata alla città dei sogni, Milano, che come vedete dalle foto scattate nel magnifico Palazzo Visconti, è immaginata come una “signora” ammaliatrice, maestra di eleganza e musa sopraffina di creatività”.

Per la prima volta l’essenza di una città racchiusa in una collezione genera vigore e dolcezza, determinazione e accoglienza, eleganza e raffinatezza. Si evince dallo stile lo strutturato del Gotico, attraversa il nostalgico dell’Art Nouveau e l’armonia dei conflitti dell’Art Deco e Futurismo. La chiave di lettura è la fusione tra oriente e occidente, e per questo Milano costituisce un perfetto punto di vista. Nei 36 outfit di altissima qualità artigianale, abbiamo visto ricami a mano, originalità che hanno impegnato per 4 mesi 24 persone nella realizzazione di autentiche espressioni artistiche.

Per l’evento, anche la musica è stata pensata e realizzata per andare in accordo al mood della moda presentata. L’ha composta e suonata Philip Abussi, un talento della nostra musica contemporanea che da sound designer aperto a tutte le possibili veicolazioni delle sue creazioni ora ha lanciato un EP proprio dal nome Opium. Anita Falcetta descrive così il sonoro della sfilata: “Rapiti dalla fragranza sonora delle nuances orientali, dalla Mesopotamia all’Egitto, dall’India alla Cina, la musica ci conduce in luoghi lontani, accarezza i preziosi tessuti fluttuanti nell’aria, ne accompagna il movimento”.

Il target di questi abiti che vedete, è dichiarato dagli studenti così: Red Carpet, High Society Events, A-List Celebrities, Really Understanding Persons. I materiali privilegiati sono la seta, lo chiffon, il raso, la duchesse e l’organza con effetto riflettente, cangiante e splendente. Pietre naturali e ricami d’autore fatti a mano. I colori primari, il rosso e il gold e il black diamond sono i più utilizzati.

Un momento della sfilata tenutasi lo scorso mese nel corso di Milano Fashion Week a Palazzo Visconti.

Un momento della sfilata Opium tenutasi lo scorso mese nel corso di Milano Fashion Week a Palazzo Visconti.

La sfilata è stata la metafora perfetta della più alta creatività Made in Italy e maestria del Made in Italy, frutto dei corsi che la HFFA attiva nel suo campus di via Santa Marta a Milano, nel cuore dell’elegante distretto delle 5vie. Una visita alla location ha un valore in sé: sorge tra le mura dello storico Istituto SIAM, Società di Incoraggiamento Arti e Mestieri, il più antico centro di formazione in Italia, custodisce la celebre Biblioteca Carlo Cattaneo, che raccoglie più di 6500 testi e manoscritti risalenti al Settecento.

Gli abiti in foto sono creati dagli studenti    di    Master    in    Art    Direction    for    Fashion    Design    &    Haute   Couture:    Arianna    Cortese,    Nina    Fedorova,    Isabella    Vasconcelos,    Carina    Sary,    Rebecca    Scott,    Tato    Oragvelidze,    Ameta    Maulidiya



Society - 05/12/2019

Il sogno del Natale, un villaggio lappone all’Ippodromo di Milano

La Lapponia è una regione fredda e nevosa a nord della Finlandia, ma quest’anno un intero villagg [...]

Fashion - 23/02/2017

Via della Spiga, donne e bellezze Timeless

Timeless è il progetto fotografico affidato da una rivista italiana di moda a un grande della fotog [...]

Society - 07/11/2016

Campari guarda all’arte: la Gallery e le Residenze sono un esempio di riqualificazione

Campari è uno dei brand-simbolo dell'italianità nel mondo e da qualche tempo ha deciso di aprire l [...]

Top