Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 31/10/2018

La maglia fulmine, mito di montagna rilanciata da Falconeri

Il modello presentato a un incontro con la campionessa olimpica Sofia Goggia, il plurimedagliato uomo jet Christof Innerhofer e l’ex-slalomista azzurro Giorgio Rocca.

È il tratto distintivo dell’eccellenza, il marchio di fabbrica di chi leader lo vuol essere, nello sport come nello stile. Un capo unico che porta con sé la tradizione italiana e la gioia di un successo: la maglia Fulmine. È la storia che si intreccia con il mito nel filato più pregiato che porta la firma di Falconeri che, ancora una volta, celebra e punta l’attenzione sullo sci.

Il brand per il terzo anno conferma il suo supporto alla Fisi sostenendo tutte le discipline legate a questo sport e credendo nel talento dei suoi protagonisti.

Anche per questo motivo il brand di cashmere e filati naturali riedita una maglia simbolo di una delle più celebri piste italiane: la 3Tre di Madonna di Campiglio. Il famoso “Canalone Miramonti” rappresenta da sempre per gli appassionati del circo bianco un luogo di culto, il tratto conclusivo delle gare di slalom speciale. E proprio su quella pista nel 2005 si è svolta una delle più celebri manche di Coppa del Mondo che ha visto come assoluto protagonista Giorgio Rocca, oggi tra i brand ambassador del brand.

 

Fin dagli anni Cinquanta, quando la manifestazione sportiva si svolgeva sulla distanza delle tre discipline classiche: lo slalom speciale, lo slalom gigante e la discesa libera, al leader della classifica combinata veniva assegnata la maglia gialla con richiami di rosso e blu, colore d’ispirazione al maillot jaune del leader del Tour de France. Indossarla significava dunque essere il primo e la vittoria dava diritto ad ottenerla per sempre. Negli anni è stata conquistata dai più grandi campioni dello sci alpino come gli austriaci Karl Schranz e Tony Sailer e gli azzurri Paride Milianti e Bruno Alberti.

Oggi Falconeri rielabora la maglia Fulmine lasciando i tratti che l’hanno resa celebre nel tempo come i colori e la scritta 3Tre, ma mettendo il proprio nome nelle bande a contrasto rosso sulle maniche. Il capo verrà presentato nell’ambito di una tavola rotonda che si è svolto il 30 ottobre con i due brand ambassador Falconeri, la campionessa olimpica Sofia Goggia, il plurimedagliato uomo jet Christof Innerhofer e l’ex-slalomista azzurro Giorgio Rocca. Una storia che prosegue nel segno del fulmine.



Leisure - 04/05/2020

Ecco come nacque il Museo di Capodimonte: le memorie di un’architetta

Domani 5 maggio il Museo e Real Bosco di Capodimonte a Napoli compie 73 anni e, per celebrare l'anni [...]

Society - 04/06/2018

L’annuale festa della Repubblica italiana nel Principato di Monaco

In concomitanza con i festeggiamenti in patria per la 72° Festa della Repubblica Italiana, l'Ambasc [...]

Society - 13/10/2016

Dario Fo: “Gli innovatori sono stati sempre rifiutati”

Dario Fo è un innovatore per natura. Da attore, drammaturgo e pittore, oggi che ha 90 anni ed è un [...]

Top