Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 29/05/2020

La moda araba rivisitata fa la fortuna del designer Mohamed Saud

Design unico e voglia di innovare rimanendo nei capi tradizionali. "Voglio abbattere le barriere nel mondo fashion".

Le torri di vetro che svettano nella capitale dell’Arabia Saudita sono un’indicazione della soft transformation di Riad. La città principale del regno saudita, che si contende con Gedda il titolo di faro culturale dell’immensa nazione, ha anche una vivace vita giovanile che la moda di Mohamed Saud interpreta pienamente. Lo stilista che abbiamo scoperto grazie a un editorial su “Cool Arabia” è proprio quello che si dice cool in termini di fresco e innovativo.

Mohamed Saud, 37 anni, stilista di Riad. Con la sua moda “aggiorna” i vestiti tipici tradizionali con forme e accostamenti davvero innovativi.

 

Sfida i vincoli della tradizione senza metterli in discussione, li aggiorna soltanto con un senso estetico di consumato taglio sartoriale da ammirare.

Un segno dei tempi anche questo. La guida turistica Lonely Planet ha da poco annunciato che la città principale del regno ha permesso l’esibizione in pubblico di una cantante donna, sintomo che, prima della pandemia, era tornato un certo spirito liberale nel regno. Altro segnale era stato dato con l’annuncio due anni fa del debutto della prima settimana della moda nel regno arabo. Il British Fashion Council collabora con l’Arab Fashion Council per la Riad Fashion Week, sulla falsariga di quella che si è fatta a Dubai negli ultimi anni. Ad aderire i creativi della regione non sono pochi: si contano 22 marchi che operano nella regione.

Mohamed Saud ha soli 37 anni e si è contaminato con l’Occidente solo guardandolo da casa. Eppure ha una mano che si potrebbe benissimo accostare ai grandi. “Posso descrivere il mio lavoro come una proposta unica che può incunearsi tra moda classica e moderna – dice Mohamed presentandosi – . Per me che sto cercando di farmi strada nella moda con il mio stile di rottura dei confini, è importante essere distintivo. Spero che il mondo si riprenderà presto dalla pandemia in modo da poter cogliere tutte le opportunità”.

Mohamed Saud ha fatto indossare le sue creazioni per questo servizio al modello arabo Rakan Alhamdan.

“Sono stato coinvolto nella progettazione e dalla moda dal 2011, tuttavia, ho iniziato a lavorare professionalmente sulla mia linea di vestiti nel 2016 – ci racconta ringraziandoci dell’opportunità di presentarlo a un pubblico occidentale – vivo nella città che è la capitale del Regno dell’Arabia Saudita.
Per me che non ho studiato design della moda è un bel traguardo riuscire a fare questo lavoro in proprio. Ho imparato molto seguendo il mio hobby e iniziando a progettare capi per me stesso e poi per gli amici, il che mi ha permesso di sviluppare le mie capacità e il mio talento nel disegno. La pratica ha aumentato la mia esperienza”.

Mohamed, che dice di essere ambizioso e di ammirare John Galliano e Vivienne Westwood, ha le idee precise sul ruolo dello stilista nel 2020: “Il design della moda è un’arte, quindi gli stilisti sono come gli altri artisti che hanno gusti e impronte diverse che si basano sulla propria cultura, eredità e altri background che hanno alle spalle. Per quanto mi riguarda, cerco sempre di creare rompendo i confini della moda e del design con diversi stili e caratteri di lavoro”.

La particolarità di vivere e lavorare a Riad, una città al centro di millenarie tradizioni, si fa sentire nel suo lavoro: “Ho disegnato molti costumi tradizionali in uno stile moderno. Certo, c’è un legame tra il mio lavoro e l’eredità araba, poiché adoro usare ricami e grafica araba, così come i fili d’oro e d’argento che si possono sempre vedere e trovare nella moda tradizionale araba. Non ho un cliente tipo, disegno sempre un solo pezzo per ogni capo e spesso il mio lavoro è concentrato per alcuni clienti che sono alla ricerca di mode distintive ed eleganti. Quindi credo che i miei clienti siano alla ricerca un prodotto unico e di qualità principalmente”.

Autodidatta, di successo e ancora voglioso di apprendere come si lavora e vive all’estero: “Non ho mai visitato nessuna delle capitali della moda più importanti del mondo, ma sto programmando di farlo presto. Tuttavia, seguo sempre tutte le novità e anche quelle legate alla moda. Il mio desiderio futuro è creare la mia casa di moda da portare a livello globale. Uno dei più grandi successi che ho ottenuto finora è la lealtà dei miei clienti e questa è una grande sfida per me, mi piace mantenerli e aver rinnovata la loro fiducia”.

————————————-ENGLISH VERSION ——————————————————
I have been involved in designing and fashion since 2011; however, I started to work professionally on fashion in 2016.
I live in Riyadh city which is the capital city of the Kingdom of Saudi Arabia.
For me, I did not study fashion design. I learned a lot about as it is my hobby, and I was designing for myself and then for friends, which allowed me to develop my skills and talent on designing. Practicing has increased my experience in the fashion design.
fashion design is an art, so fashion designers are like other artists who have different tastes and imprints that based on thier own culture, heritage and other background they have. For me, I always try to creative by breaking boundaries in fashion and design with different type and character of work.
I have designed many traditional costumes in a modern style. Of course, there is a link between my work and Arab heritage, as I love using embroidery and Arabic graphics, as well as the strings of gold and silver that always you can see and find in Arab heritage fashion.
There is no average clients, but I always only have one piece of each design, as my work for certain clients who are looking for distinctive and elegant fashions. So I believe that my customers who are looking for unique and quality work over anything else.
I never visited any of the world’s leading fashion capitals yet, but I am planning to do that soon.
However, I always follow all news and evens that related to fashion.
My future wish is to create my own fashion house that it would globally well-known.
One of the greatest achievements that I have gained is the loyalty of my customers and this is a big challenge to keep them with their trusts.
I can describe my work as unique work that can mix between classic and modern fashion and design.
For me, I am trying to support  the fashion street with my style of breaking boundaries in fashion. And I hope the world is going to recover soon from coronavirus pandemic.


Fashion - 09/03/2020

Mario Costantino Triolo: abiti da sera ispirati a due Grace

Un omaggio a Grace Jones e Grace Kelly, icone uniche nel loro genere, una legata al mito degli anni [...]

Society - 27/03/2020

Mr. Brainwash, Lorenzo Marini e Lady Be: opere d’arte al tempo del Coronavirus

L'arte al passo coi tempi non tarda a mandarci stimoli "di ritorno". Per immortalare le sensazioni c [...]

Leisure - 19/07/2018

Non si può togliere Terence Trent D’Arby da Sananda Maitreya

Quando dalla cartuccia estrae colpi come "Sign Your Name" e "Delicate" è innegabile che Terence Tre [...]

Top