29 Febbraio 2024

La Roma Couture a Palazzo Ripetta

Tra le collezioni in passerella, Giada Curti, Gian Paolo Zuccarello, Michele Miglionico, Nino Lettieri.

29 Febbraio 2024

La Roma Couture a Palazzo Ripetta

Tra le collezioni in passerella, Giada Curti, Gian Paolo Zuccarello, Michele Miglionico, Nino Lettieri.

29 Febbraio 2024

La Roma Couture a Palazzo Ripetta

Tra le collezioni in passerella, Giada Curti, Gian Paolo Zuccarello, Michele Miglionico, Nino Lettieri.

L’Alta Moda Capitolina torna in passerella con il progetto “Roma Couture” un’iniziativa ideata da Grazia Marino e Antonio Falanga, andata in scena nello storico edificio del XVI° secolo di Palazzo Ripetta. L’evento patrocinato dall’Assessorato ai Grandi Eventi, Sport, Turismo e Moda del Comune di Roma, prodotto da Spazio Margutta, ha come propria mission quella di riportare l’attenzione su un comparto, quello del “fatto a mano” importantissimo per il nostro il Made in Italy.

Michele Miglionico, Gian Paolo Zuccarello, Nino Lettieri, Giada Curti al Roma Couture 2024.
Elisabetta Pellini x Raffaele Squillace
Bartorelli Roma

“Roma Couture” vuole essere un progetto pilota, dedicato a quelle Maison che nel corso degli anni hanno contribuito, con la loro arte e la loro sartorialità, a dare risalto al Calendario di Altaroma. Un tributo alla pura artigianalità, al valore del saper fare, all’importanza dell’unicità e della preziosità per il singolo dettaglio. Il vero lusso non è ostentazione, ma essenza e fascino di un prodotto esclusivo, intento a valorizzare quelle tradizioni che si possono e si devono tramandare alle nuove generazioni.

Quattro i quadri moda presentati nell’esclusiva Sala Bernini, proposti da altrettanti couturier: Giada Curti, Gian Paolo Zuccarello, Michele Miglionico e Nino Lettieri, presenze sartoriali costanti di quella kermesse istituzionale della capitale, nella quale hanno avuto un ruolo primario di promozione le Maison storiche dell’Alta Moda Italiana. Una manifestazione che con il passar del tempo si è evoluta diventando punto di riferimento di ricerca stilistica per moltissimi giovani fashion designer.

Questa prima edizione di “Roma Couture” vuole essere un vero e proprio punto di ripartenza per Roma, per la sua storia e per quello che rappresenta nell’immaginario collettivo degli addetti ai lavori, dichiarano Grazia Marino e Antonio Falanga. L’intento è quello di sostenere con questa ed altre iniziative simili, l’identità della Capitale come culla dell’alta moda nazionale, riuscendo di conseguenza a tutelare le sue preziosissime e fondamentali micro realtà artigiane”.

Le Collezioni Moda in passerella

Giada Curti e le sue radici siciliane diventano la cifra stilistica della Collezione “Giada Gioia mia …” Il cinema italiano degli anni 40 e 50 è una continua fonte di ispirazione, le donne del neorealismo, sensuali e austere come Anna Magnani, sono la musa ispiratrice. “Gioia Mia” è uno stile di vita. Una collezione tra sacro, fede e famiglia. Ambientata a Noto, un tributo ai miei ricordi d’infanzia, al barocco, alla cultura e alla tradizione della mia isola. “Gioia Mia” è incantevole, elegante, delicatamente sensuale, immersa in un racconto senza tempo tra tradizione e modernità. Giochi di colori su taffetà, chiffon e satin. Linee scivolate per le iconiche gonne e volumi couture per gli abiti ricchi di stampe barocchesi mescolano con i colori della pietra calcarea. Questa è la DONNA#giadacurtiresort2024 … una collezione dedicata a mio padre. Testimonial della Collezione in passerella la Top Model Raffaella Modugno.

Gian Paolo Zuccarello. Una Collezione Haute Couture proiettata nel presente, fatta di fiocchi, di glamour, di materie nobili come il taffetas, l’organza e lo chiffon che cingono il punto vita, coprono il seno ed esaltano la silhouette. Un progetto ideale che si nutre di immagini archetipe e suggestioni indelebili. Un processo sartoriale che trasforma idee in creazioni esclusive mediante l’arte nobile del “fatto a mano”. La manualità come valore indelebile, celebrata nel fatidico ed ultimo istante, prima che l’abito voli in passerella. Testimonial della Collezione in passerella la giornalista Rai Maria Teresa Fabbris.

Da sinistra proposte di Giada Curti e Gian Paolo Zuccarello. In apertura Michele Miglionico con la testimonial Monica Marangoni.

Lo stilista Michele Miglionico porta sulla passerella dell’evento “Roma Couture”, un estratto della sua collezione “Madonne Lucane” con nove outfits che guardano alla tradizione raccontando il patrimonio culturale, artistico e antropologico della sua terra di origine, la Basilicata, esaltandone gli elementi del costume lucano, dell’artigianalità, della sacralità e costruendo una connessione con il contemporaneo ispirandosi alle Madonne venerate e portate in processione ed alle sue figure femminili che in questo territorio, luogo magico, pieno di bellezze e contraddizioni, ancora oggi consacrano per devozione gli abiti più belli e preziosi alle statue di culto. Testimonial della Collezione in passerella la giornalista e conduttrice televisiva Monica Marangoni.

A “Roma Couture” per il tributo all’Alta Moda Italiana, Nino Lettieri ha creato una capsule monocromatica di abiti preziosi di alta sartoria ricamati e realizzati da mani sapienti ed esperte.Creazioni di una particolarità ricercata e di grande eleganza, omaggio al compianto Maestro Lorenzo Riva, a cui la Collezione è dedicata. Testimonial della Collezione in passerella l’attrice Nathaly Caldonazzo.

Michele Miglionico
Nino Lettieri

Main Partner dell’evento: Palazzo Ripetta è un hotel 5 stelle locato tra Piazza del Popolo e Piazza di Spagna, nella centrale omonima Via di Ripetta. Ospitato all’interno di un edificio storico del XVI secolo, ristrutturato negli anni 60 su progetto dell’arch. Luigi Walter Moretti, una delle figure più eminenti dell’architettura italiana del XX secolo, l’hotel è il connubio perfetto tra storia, arte e ospitalità italiana. Autentici interni anni ’60, si sposano armoniosamente con l’interior design della ristrutturazione che valorizza il progetto storico, esaltandone i connotati e aggiungendo agli ambienti un tocco inconfondibile ed elementi lusso contemporaneo. 78 camere, 5 sale meeting & eventi a luce naturale, il San Baylon Restaurant, il cocktail bar con cortile interno e un esclusivo rooftop, accolgono oggi in un lusso discreto ed elegante, sostenibile in tutte le sue definizioni e adatto a soddisfare le differenti richieste di una clientela attenta, elitaria e amante dello “star bene”.

Nathaly Caldonazzo testimonial per Nino Lettieri.

Partner tecnici: Raffaele Squillace Noto Beauty Designer, cultore del Fashion Beauty, da molti anni punto di riferimento di importanti brand cosmetic luxury, Maison di Alta Moda nazionali ed internazionali, Celebrity e magazine di settore.  Considerato oggi un’eccellenza del made in Italy sempre attento alla formazione, innovazione e sperimentazione del Beauty System internazionale per la divulgazione dell’arte della bellezza nel mondo.

Serata glamour a palazzo Ripetta con i suoi sontuosi interni. Sul palco la presentatrice Cinzia Malvini, Grazia Marino e Antonio Falanga

Bartorelli Roma. Simone e Luca Bartorelli figli d’arte, nati e cresciuti nel mondo artistico, hanno avuto sin da giovanissimi una particolare passione in comune, quella per l’Hair Style. Grazie alla loro formazione internazionale sono riusciti a sviluppare la capacità di promuovere il loro progetto stilistico a 360°, facendosi strada nel mondo della bellezza della moda, dei marchi di lusso e del cinema. Oltre alla loro sede storica di Passeggiata di Ripetta, nell’imminente primavera si realizzerà un altro fondamentale e rilevante progetto, l’apertura nella prestigiosa Piazza di Spagna, di un nuovo Atelier nel quale ospitare quel mirato jet set cosmopolita, che più che mai ha come meta turistica la città di Roma, capitale mondiale dell’ospitalità luxury.

Read in:

Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”