28 Maggio 2018

Per l’estate, l’eleganza sporty nei cappelli di Yuri Ahn

La nuova collezione della stilista coreana è un’ode alla bella stagione che si ritrova nei molteplici fiori che sbocciano sugli accessori.

28 Maggio 2018

Per l’estate, l’eleganza sporty nei cappelli di Yuri Ahn

La nuova collezione della stilista coreana è un’ode alla bella stagione che si ritrova nei molteplici fiori che sbocciano sugli accessori.

28 Maggio 2018

Per l’estate, l’eleganza sporty nei cappelli di Yuri Ahn

La nuova collezione della stilista coreana è un’ode alla bella stagione che si ritrova nei molteplici fiori che sbocciano sugli accessori.

Particolari preziosi e fiori. Queste le linee guida della collezione spring-summer 2018 del brand milanese Yuri Ahn – firmata dall’omonima designer coreana – che realizza accessori di lusso grazie alla maestria di artigiani italiani.

Il marchio, forte dell’esordio della collezione invernale, reinterpreta i classici berretti americani in una new way insolita, rendendo ogni modello sofisticato e unico.

Accessori classici si impreziosiscono di patch, velette e jewelery application. Ogni modello è realizzato per poter essere indossato in qualsiasi modo. Nessuna regola: puro estro e personale reinterpretazione. I cappelli si trasformano da  capo sporty a capo di lusso.

La primavera di Yuri Ahn è un’esplosione di applicazioni di macro fiori in chiffon, perle e foglie dorate che danno vita a un universo unico, onirico e sofisticato, fatto di forti contrasti.

Incantano i baschi dai toni delicati, con velette e patch che riportano immediatamente all’estate grazie a palme, gelati e fiori ricamati. Il cappello diventa iperchic e dà vita a capi dall’“eleganza rivoluzionaria”.

La nuova collezione Yuri Ahn è un’ode alla bella stagione che si ritrova nei molteplici fiori che sbocciano sugli accessori. Tocchi bucolici decorano i cappelli con note delicate e palette di colori chiari. Corone di rose esplodono sulle visiere dei berretti insieme a perle e velette, dando vita all’inaspettato intreccio tra accessori sporty e dettagli poetici e sensuali.

“La nuova collezione rappresenta tutto ciò che amo – racconta la designer Yuri Ahn –.I dettagli di ogni singolo capo sono frutto di una scelta ben precisa, ragionata e studiata per creare l’accessorio perfetto, che ognuno di noi può indossare in libertà. Le mie creazioni vogliono rendere ogni donna  unica e meravigliosa.”

 

Completa la proposta del brand la serie di hairbands delle collezioni Haute Couture e Sposa.  Piccoli capolavori artigianali, fatti di farfalle, fiori e foglie dorate, libellule e perle, diademi contemporanei pensati per coronare di unicità i capi delle donne.

L’enfasi creativa di Yuri Ahn dà vita ad accessori timeless che sono veri e propri gioielli. Indossarne uno vuol dire amare la ricercatezza, l’attenzione al dettaglio e il ‘fatto a mano’.

Vuol dire amare l’unicità. Caratteristica di ogni creazione del marchio fondato a Milano dalla It girl, fashion blogger e stilista. La creativa ha scelto la città della moda italiana da 20 anni, dopo aver frequentato il prestigioso istituto Marangoni. Ha lavorato con i più grandi nomi della moda: Helmut Lang, Roberto Cavalli, Adriano Goldschmied, Extè e Dolce & Gabbana. Accanto al ruolo di stilista ha affiancato anche quello di fashion editor, illustrator and digital content creative. Un mix di professionalità che ha permesso alla designer di acquisire una formazione a 360 gradi. Il suo brand è distribuito da 88Showroom (Milano).

Read in:

Picture of admin

admin

Siamo una testata giornalistica di lifestyle maschile e femminile. Ci rivolgiamo a persone interessate alle novità anche di lusso, non solo di prodotto ma anche di tendenza e lifestyle. La nostra mission: celebrare l’ambizione puntando all’eleganza dei potenziali lettori “Millennial” (età 18-34).
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”