31 Gennaio 2024

Milano Unica: Made in Italy e AI al centro della cerimonia inaugurale

Inaugura a Fiera Milano Rho la 38ª edizione della fiera del tessile e accessori.

31 Gennaio 2024

Milano Unica: Made in Italy e AI al centro della cerimonia inaugurale

Inaugura a Fiera Milano Rho la 38ª edizione della fiera del tessile e accessori.

31 Gennaio 2024

Milano Unica: Made in Italy e AI al centro della cerimonia inaugurale

Inaugura a Fiera Milano Rho la 38ª edizione della fiera del tessile e accessori.

“Benvenuti nel luogo fieristico più sostenibile d’europa che autoproduce la propria energia e che ha reso sostenibile tutti i processi certificati.
Benvenuti a tutti gli imprenditori che attraverso la loro tradizione ed il loro saper fare generano tessuti che sono il simbolo della creatività italiana che si diffonde da sempre di tutto il mondo”

Con questa frase Roberto Foresti, vice direttore generale di Milano fiera, ha dato il benvenuto alla 38ª edizione di Milano Unica che ha aperto le porte il 30 gennaio 2024 presso Fiera Milano Rho, focalizzandosi sul tema dell’Intelligenza Artificiale (AI) e le prospettive e sfide future per il settore tessile e degli accessori.

Una fiera crescente e sostenibile

La manifestazione, in programma dal 30 gennaio al 1° febbraio, accoglie per l’edizione 2024 una selezione di 609 espositori, tra cui 415 aziende italiane, 93 straniere e 101 aziende nelle aree speciali. Questo riflette una crescita organica in termini di percezione, qualità delle proposte e servizi innovativi, attribuibile all’impegno delle aziende partecipanti. L’area MU Tendenze Sostenibilità, evidenzia l’approccio sostenibile dell’evento, presentando solo campioni sostenibili per la Primavera/Estate 2025. I prodotti esposti sono contrassegnati dai pilastri valoriali di sostenibilità, come Climate Action, Chemical Safety, Biodiversity Conservation, Circular Economy e Social Justice.

Un focus importante quest’anno è dedicato alle collezioni femminili di fascia premium e luxury, evidenziando l’evoluzione della manifestazione per rispondere alle esigenze del mercato.

“È stata una parte importante invece incrementare la parte donna, vi ricordate questa fiera è conosciuta per le collezioni uomo, abbiamo insistito molto nella tendenze e nel parlare con le aziende che facevano solo donna o anche donna, e come si vede c’è stato un piccolo lavoro sotto il profilo donna e vorremmo continuare questa relazione. ” Alessandro Barberis Canonico, presidente di Milano Unica

L’Osservatorio Giapponese, presente da 10 anni, celebra la sua presenza con una serata dedicata all’innovazione e all’artigianato.

L’importanza del Made in Italy e dell’AI a Milano Unica

“L’anno del Made in Italy” Adolfo Urso, Ministro delle Imprese e del Made in Italy

Il Ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, ha sottolineato l’importanza del Made in Italy per quest’anno e la necessità di bilanciare l’uso dell’Intelligenza Artificiale per ottimizzare i processi produttivi senza compromettere l’abilità artistica dei direttori creativi. Ha enfatizzato il ruolo dell’AI come strumento di supporto, preservando il talento creativo distintivo del Made in Italy.

La cerimonia inaugurale ha anche incluso interventi di esperti come Marco Montemagno, Nicola Gatti e Ottavio Fogliata, moderati da Enrico Pagliarini di Radio24, che hanno approfonditamente analizzato l’impatto dell’AI nel settore.

Marco Montemagno, Nicola Gatti e Ottavio Fogliata, moderati da Enrico Pagliarini

Testo e foto di Chiara Baratti

Read in:

Ti potrebbe interessare:

Cinquant’anni di Ville Vesuviane: la mostra dalla collezione di Ernesto Esposito

Ernesto Esposito ha una collezione privata di oltre 900 opere di varia fattura e composizione databili tra il XX e XXI secolo. Andy Warhol, Joseph Beuys, Alex Katz, Ed Ruscha, Ilya Kabakov, Jannis Kounellis, Richard Prince. Egli ama definirsi un collezionista e non un mercante; un creativo, anzi un “disegnatore creativo” e non si definisce un artista; l’arte contemporanea riflette le sue idee e creazioni, ispira ed amplia in nuovi progetti. Ma, sottolinea, l’arte rispecchia un momento storico, lo fotografa, il design invece non propriamente, è una sorta di finzione, lo si può riproporre anche rivisitandolo. Suor Orsola Benincasa Di rilievo, l’intervento dei docenti e degli studenti del Corso di laurea in restauro dell’Università Suor Orsola Benincasa, rettore Lucio d’Alessandro, diretti e coordinati dal direttore del Dipartimento di Scienze umanistiche Paola Villano e dal presidente del corso di laurea in restauro Pasquale Rossi. La mostra, in collaborazione della Fondazione Ernesto Esposito e noh art ha il sostegno della Regione Campania ed il patrocinio del Comune di Ercolano ed è aperta al pubblico dal 7 maggio al 14 novembre 2021.

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”