Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 21/02/2019

Moncler Genius, a NoLo ha portato l’idolo del K Pop

Minhyun fa parte della boyband Nu'Est. Ai Magazzini Raccordati è arrivata pure Millie Bobby Brown di "Stranger Things".

Si iniziano a vedere celebrità e stravaganze di tutti i tipi a NoLo, il quartiere a nord di Loreto e vicino a Stazione Centrale di Milano. Ma per Moncler si è superata ogni meraviglia. Un tratto di strada completamente bloccato, con buona pace dei residenti, per un giorno intero, luci e fuochi lungo 10 tunnel riaperti che manco gli olandesi di Ventura Projects hanno mai sognato così in grande.

E poi scene di divismo quando si è presentato alla sfilata-evento dei piumini anni 80 nientemeno che il divo del K Pop (Korean Pop per i pochi che ancora non sanno), leader dei NU’EST, Minhyun. Il giovane artista 24enne, sconosciuto ai più in Italia, ma amatissimo da stuoli di teen-ager che ieri affollavano l’ingresso di via Ferrante Aporti, è stata la prima celebrità coreana maschile a essere invitata alla Fashion Week milanese. 

Anche Genny Savastano, vero nome Salvatore Esposito, di “Gomorra” da Moncler ai Magazzini Raccordati di Milano (foto – The Way Magazine).

Con un’operazione del genere, la società francese d’origine (1952) e italiana di discendenza (dal 1992) tenta di rifarsi il look in un panorama modaiolo completamente diverso rispetto al boom dei “paninari” anni 80, che proprio a Milano avevano dato lustro internazionale al piumino. Che costoso e soffice, era diventato lo status symbol di una generazione che pensava in maggioranza all’affermazione economica. Oggi che Moncler chiama alla direzione artistica Pierpaolo Piccioli di Valentino, le cose sono diverse. Per far parlare di sé bisogna andare in quartieri inespolorati, incantare l’audience di influencer di tutto il mondo, pagare ospiti di fama mondiale come il coreano Minhyun e Millie Bobby Brown, la giovane protagonista di “Stranger Things” e provare a rientrare nei favori dei teen-ager del 2020.

L’imperativo è sempre quello: bisogna rifarsi il look. Per ora, Moncler, il look lo ha rifatto a una parte di NoLo in agonia da decenni, i magazzini sotto i binari della Stazione Centrale, che grazie a moda e design stanno mostrando segni di rinascita.



Leisure - 10/06/2019

Art Basel, si apre un’edizione di contaminazione

La grande mostra di Basilea riunisce il mondo dell'arte internazionale, con le principali gallerie d [...]

Style Story - 15/04/2019

Il re è nudo e Milano è in forma

Nell'era in cui la simbiosi tra brand e persone è al suo apice, l'era in cui il legame tra brand e [...]

Leisure - 23/11/2020

6 consigli per la beauty routine, a partire dalla crema alla bava di lumaca

Per provvedere al benessere del nostro corpo e per mantenere la pelle giovane e luminosa, è essenz [...]

Top