3 Gennaio 2017

Peter Lindbergh e le belle della moda in Olanda

Fino al 12 febbraio 2017 alla Kunsthal di Rotterdam una straordinaria passerella in foto della global fashion firmata dal grande artista tedesco.

3 Gennaio 2017

Peter Lindbergh e le belle della moda in Olanda

Fino al 12 febbraio 2017 alla Kunsthal di Rotterdam una straordinaria passerella in foto della global fashion firmata dal grande artista tedesco.

3 Gennaio 2017

Peter Lindbergh e le belle della moda in Olanda

Fino al 12 febbraio 2017 alla Kunsthal di Rotterdam una straordinaria passerella in foto della global fashion firmata dal grande artista tedesco.

peter lindberghPeter Lindbergh è considerato il realista tra i fotografi di moda della vecchia generazione ancora in attività. I suoi di modelle e di modelli sono allo stesso tempo intramontabili e rivoluzionari, perché hanno ridefinito il concetto di bellezza, introducendo un linguaggio cinematografico nell’ambito del fashion.

Ora che la mostra olandese alla Kunsthal di Rotterdam ne celebra il mito, è tempo anche per noi italiani di riguardare a una grande maestro mondiale con occhi nuovi, con la prospettiva che si riserva ai veri artisti indiscutibili che hanno influenzato un intero settore.

Il fotografo tedesco è ricordato per alcuni fotogrammi iconici che sembrano usciti da un film documentario del tempo. Prendete questo scatto di apertura con Cindy Crawford, Tatjana Patitz, Helena Christensen, Linda Evangelista, Claudia Schiffer, Naomi Campbell, Karen Mulder e Stephanie Seymour. Ci riporta non solo a Brooklyn, nel 1991, quando è stato prodotto per Vogue US. Peter Lindbergh ha il potere con una foto di introdurci al nuovo concetto di divismo femminile di quegli anni, momento in cui dalle dee si passava alle donne di potere, indipendenti nella loro capacità di definirsi protagoniste di un nuovo business rivoluzionario. Peter Lindbergh è oggi quello che aveva già seminato negli anni 80, con la forza e l’autorevolezza di chi ha realizzato e percorso una strada che ha fatto da solco a chi lo ha seguito.

In mostra alla Kunsthal di Rotterdam ci sono circa 220 foto oltre a materiale in precedenza inedito, come le storyboard, le polaroid di preparazione agli shooting, i negativi e le stampe monumentali fatte come display del suo lavoro.

Il suo bianco e nero emerge come leit motiv della sua arte nella retrospettiva ‘A Different Vision on Fashion Photography’ che già nel titolo e nel periodo preso in esame (1978-presente) ci offre un’idea dell’importanza dell’artista.

Ci sono 9 sezioni che dicono già tutto solo immaginandocele: Supermodels, Couturiers, Zeitgeist, Dance, The Darkroom, The Unknown, Silver Screen, Icons più un’esclusiva gallery allestita solo per Rotterdam Gallery, il risultato di uno shooting con la top model olandese Lara Stone e l’emergente Elisa Hupkes al porto della città.

Per info sul museo qui

Per info sull’artista qui

Read in:

Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Christian D’Antonio (Salerno,1974) è direttore responsabile della testata online di lifestyle thewaymagazine.it. Iscritto all’albo dei giornalisti professionisti dal 2004, ha scritto due libri sulla musica pop, partecipato come speaker a eventi e convegni su argomenti di tendenza e luxury. Ha creato con The Way Magazine e il supporto del team di FD Media Group format di incontri pubblici su innovazione e design per la Milano Digital Week e la Milano Design Week. Ha curato per diversi anni eventi pubblici durante la Milano Music Week. È attualmente ospite tv nei talk show di Damiano Gallo di Discovery Italia. Ha curato per il quartiere NoLo a Milano rassegne di moda, arte e spettacolo dal 2017. In qualità di giudice, ha presenziato alle manifestazioni Sannolo Milano, Positive Business Awards, Accademia pizza doc, Cooking is real, Positano fashion day, Milan Legal Week.
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”