Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 14/02/2019

Piquadro, pelletteria di classe che funziona

Design e qualità. La produzione che gradualmente rientra in Italia e le acquisizioni dalla Francia. La storia di successo italiano.

Piquadro, The Brige e Lancel sono ormai sinonimi della qualità e della pelletteria di classe che dalla matrice italiana ha abbracciato negli ultimi mesi anche la classe francese. Il gruppo ha infatti acquistato il parigino Lancel (dagli svizzeri di Richemont Group) e ora è diventato un vero polo di settore, dall’alta qualità.

Da Granaglione, sui colli bolognesi, la favola di questa impresa che oggi fa sognare il mondo con i suoi accessori di stile e accompagna i viaggi di milioni di manager nel mondo, è una storia italiana di successo e di continuo rinnovamento.

Il mercato risponde bene: il fatturato del gruppo nei primi 9 mesi del 2018 è salito di oltre il 50%. Marco Palmieri, fondatore, presidente e amministratore delegato del gruppo Piquadro, ha di recente annunciato che la produzione della valigeria resterà in Cina, mentre è in atto un’azione di re-shoring, quindi di spostamento in Italia della produzione, specialmente per merito di The Bridge. L’insegna toscana infatti assumerà anche la produzione del francese Lancel e questo riposizionamento occupazionale in Italia darà anche un “segnale sociale”, secondo il management del gruppo.

MATERIALI – Piquadro prosegue la secolare tradizione italiana nella lavorazione della pelle, interpretandola in chiave moderna ed originale. Nei prodotti Piquadro i valori identificativi del marchio, design, comfort e tecnologia, si fondono con il sapore della lavorazione artigianale, la qualità dei pellami pregiati e la cura per i dettagli. Le pelli, esclusivamente italiane, vengono selezionate con cura de tecnici esperti, con una preferenza per il distretto conciario toscano, la cui antica tradizione ne fa il più noto e prestigioso al mondo. Accuratamente trattata per esaltarne la texture e prevenirne l’usura, si abbinano a tessuti tecnologici di ultima generazione per dare origine a prodotti dall’estetica riconoscibile ed essenziale. Piquadro sottopone i propri prodotti a rigorosi controlli al fine di garantire una qualità eccellente ed evitare i rischi alla salute dovuti all’uso di materiali impropri. In un avanzato laboratorio test macchine specializzate mettono alla prova sia i prodotti, sia le materie prime per verificarne resistenza, integrità strutturale, idrorepellenza e non-tossicità.

Piquadro, che è official Travel tech partner di AC Milan, è presente sul mercato col proprio marco dal 1998. Dal 2000, nel Quadrilatero della moda di Milano, è aperto il primo monomarca del brand.

Tutti i prodotti Piquadro sono il frutto di un’attenta progettazione. Diversi sono i brevetti depositati dalla Società, a riconoscimento delle numerose novità tecnico-funzionali implementate. Anche il più piccolo particolare viene studiato e disegnato da un team intero di designer che conoscono e interpretano i valori del marchio. Lo sviluppo di soluzioni sempre nuove e la ricerca dell’inedito nel design e nella tecnologia è il risultato di un costante lavoro di studio sui materiali e sulle tendenze, spesso in collaborazione con le più importanti scuole di Design in Italia e all’estero. La creatività giovanile è per Piquadro un’importante fonte di ispirazione. L’attenzione verso i nuovi talenti si concretizza per la promozione di concorsi che danno modo ai giovani designer di lavorare su casi concreti dimostrando le proprie potenzialità.



Luxury - 08/03/2017

Nuova Porsche 911 GT3, anche in pista il lusso del comfort

Il Salone Internazionale dell’auto di Ginevra è in pieno svolgimento e domani aprirà le porte al [...]

Leisure - 20/03/2018

Reverso Festival, chi ha ucciso l’Italo Disco?

L'Italo Disco è studiata all'estero come fenomeno peculiare dell'evoluzione italiana del pop. Negli [...]

Travel - 03/03/2017

Con il Progetto per la Bellezza Brunello Cucinelli ha salvato la valle di Solomeo

Il Progetto per la Bellezza di Brunello Cucinelli ci ricorda di quanto bene la moda italiana possa f [...]

Top