19 Gennaio 2022

Pitti Uomo 2022: il racconto di Emanuele Cilia

19 Gennaio 2022

Pitti Uomo 2022: il racconto di Emanuele Cilia

19 Gennaio 2022

Pitti Uomo 2022: il racconto di Emanuele Cilia

Pitti Uomo, la patria della moda per uomo. Pochi ci avrebbero scommesso in questa kermesse di gennaio 2022 ma come accade ogni sei mesi, Firenze è tornata a essere il luogo in cui gli uomini più eleganti del mondo si ritrovano per il trionfo della sartoria. Organizzato all’interno della cinquecentesca Fortezza da Basso, Pitti Uomo è la più importante fiera del menswear dove migliaia di buyer, blogger, stylist, giornalisti, influencer e uomini di bell’aspetto si riuniscono per scoprire le ultime novità di stile. 

The Way Magazine quest’anno ha avuto un inviato d’eccezione per esplorare le nuove tendenze: Emanuele Cilia di Numa Selection, un brand siciliano che ha fatto della moda elegante e del taglio sartoriale il proprio DNA.
Cilia racconta: “Pitti Uomo ha le sue radici nella sartoria, quando è scoppiato il boom del menswear è esploso anche questo appuntamento. Per questo mi piace esserci, anche perché nel corso degli anni, Pitti si è evoluto da settimana dedicata a un gruppo ristretto di insider fino a diventare un hub per i marchi internazionali e per i designer del lusso”.

Un outfit meno classico che gioca con i colori, curando sempre i dettagli per Emanuele Cilia a Pitti Uomo 2022 a Firenze. Cappotto pied de poule in pura lana, giacca in lana color pistacchio e jeans a vita alta con doppia pinces.
Il concetto è quello che unisce eleganza e cura di tessuti e dettagli. Per Emanuele Cilia un secondo giorno a Pitti Uomo 2022 in field jacket con interni siciliani. Abito gessato in lana e cashmere, la riga è formata da un filo di lana bianca cucito sopra.

NUMA SELECTION è un marchio italiano di abiti sartoriali, fondato nel 2018 da Emanuele Cilia. che realizza capi made in Sicily con tessuti di alta qualità. Cilia si è fatto notare a Pitti: “Ho fatto la scelta di utilizzare le migliori lane, tessuto dotato di una “memoria interna” che permette alla fibra di ricordare e riprendere la propria forma originale, anche dopo essere stata sottoposta a movimenti, torsioni o schiacciature, rende i capi unici nel suo genere”.

In questa edizione di Pitti, quella del rilancio, quella della voglia di far ripartire il settore moda, Cilia dice che “non c’è stata la solita affluenza del Pitti Uomo pre-pandemia, ma questo ha fatto sì che l’attenziona tornasse sul prodotto, il vero motivo per cui la gente dovrebbe arrivare in fiera. Si capisce che in questo momento il pubblico ha voglia di vestirsi bene”.

Digel è un marchio innovativo e contemporaneo per la moda uomo. Il brand tedesco, che si presenta come “The menswear concept”, a Pitti Uomo 2022 ha portato una collezione virata sul blu. Tanta soddisfazione per questa esposizione da parte dell’international sales director dell’azienda, Cristobal Machhaus.
Urban Outerwear è il campo di azione di Herno, l’azienda del lago Maggiore fondata nel 1948 a Lesa. Herno rappresenta da oltre 70 anni una delle eccellenze del Made in Italy. Tessuti biodegradabili della collezione Globe si rivestono di colori decisi. Per le tecniche di realizzazione, la famiglia proprietaria del brand ha ripescato il Monogram, un vecchio componente che negli anni 70 veniva usato per la valigeria.
Paul & Shark è un marchio italiano. La collezione è distribuita in tutto il mondo in 73 paesi, 458 città e più di 2.000 punti vendita, tra i quali oltre 280 negozi monomarca, situati nelle zon esclusive dello shopping da Milano – Via Montenapoleone, a Parigi – Rue du Faubourg St. Honorè, Hong Kong, Dubai e Dubai Mall e Mosca.
Paul&Shark si è data obiettivi ambiziosi legati alla sostenibilità e per minimizzare l’impatto ambientale dei propri prodotti. I capi visti questo gennaio a Pitti Uomo avevano anche dei recuperi di bottiglie di plastica all’interno dei loro filati.

Da quello che ha osservato Cilia, “la giacca mostra rever più importanti e gli abiti sono morbidi e performanti. Il completo bicolor ripensa il gessato, attenzione ai pantaloni con vestibilità più comoda e in denim. I capispalla, dal giaccone al parka passando per la field jacket, il classico senza tempo”.

E per l’inverno prossimo 2022-23 che colori indosseremo? “In classifica per vincere il cuore dei fashion victim ci sono molti marroni e verdi, come il verde mela”.

Read in:

English English Italian Italian
Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Ti potrebbe interessare:

Ravello tra musica e Slow Food

Ravello è stata rinominata la Cittá della Musica ed è sede del Villa Cimbrone, Villa Rufolo, dell’impressionante Auditorium Oscar Niemeyer

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?