Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 23/01/2019

Tagliatore, la moda uomo recupera le origini

Un nuovo concetto di rebranding della label pugliese che lancia 4T, Four Leaf Clover, il pattern proprio.

Con 450 punti vendita multibrand in Italia e 350 all’estero, con business in Giappone, Germania, Austria, Svizzera, Olanda, il marchio di moda pugliese Tagliatore è una delle forze del made in Italy in questo momento.

Quest’ultima edizione di Pitti Immagine 2019 ha visto il lancio del progetto 4T Four-Leaf Clover, Tessuti, Tagli, Tradizione e Territorio: il brand Tagliatore pensa al futuro con uno sguardo al passato lanciando un importante progetto di restyling di loghi ed etichette.

Il direttore creativo Pino Lerario è il nuovo e brillante esponente della tradizione sartoriale che prende spunto dal laboratorio artigiano del nonno che produceva scarpe, che si chiamava proprio Tagliatore.

4T Four-Leaf Clover è il nuovo pattern geometrico disegnato da Pino Lerario, che, incrociando per quattro volte la lettera T, simbolo della label, forma un quadrifoglio stilistico destinato a diventare iconico.
Un elogio visivo e tattile che contaminerà metal pin, etichette, ricami e le suole delle calzature.
Elegante, raffinato e no time attitude.
4T Four-Leaf Clover celebra la percezione del brand Tagliatore in pieno equilibrio tra tradizione e Territorio, Tagli e Tessuti. Tradizione famigliare quella di Tagliatore, che si rifà alla mente creativa di Pino, l’uomo da cui è arrivato tutto.
tutti questi anni l’azienda Lerario, ha finalizzato i suoi obiettivi nel sostenere e incrementare, attraverso competenze e manodopera specializzata, una filiera produttiva tutta italiana dal grande carattere distintivo. Valorizzando un settore, quello manifatturiero, che proprio nel Made in Italy pone le premesse per una espansione sui mercati mondiali, che sempre più richiedono qualità intesa anche come gusto ed innovazione. Mentre la maggior parte delle aziende manifatturiere italiane hanno delocalizzato la produzione in paesi dal basso costo della mano d’opera, l’azienda Lerario ha preferito procedere col capospalla maschile a una sontuosa celebrazione di tessuti e di tagli, che per il prossimo inverno è ancora declinato in vari modi. Ci sono influenze british, inserti di contemporaneità ma sempre trionfa il timeless in questa moda che è intrisa di italianità.


Leisure - 08/09/2016

Al Manzoni di Milano Shakespeare in danza con dj

La danza sbarca sulla scena del Teatro Manzoni a Milano con uno spettacolo che porta una [...]

Society - 02/11/2016

Echil: “Io, narratore di This City vivo per l’hip hop”

Echil è sorprendentemente serio quando gli si parla di hip hop. "Faccio tutto per la musica, non è [...]

Fashion - 17/06/2019

Milano Moda Uomo, cosa sta succedendo in queste sfilate 2019

Cosa sta emergendo da questa tornata di sfilate a Milano per l'uomo estivo 2020? Soprattutto giovani [...]

Top