Magazine - Fine Living People
Gallery

Questo slideshow richiede JavaScript.


Gallery - 01/09/2017

La gioia dei 40enni: i Duran Duran appaiono a Treviso

La band inglese ha anche incontrato il sindaco di Venezia. In 20mila al concerto evento del Paper Gods Tour nell'Home Festival.

Hanno suonato per 20mila fans impazziti arrivati da tutta Italia e anche dall’Europa. L’Home Festival di Treviso nella giornata del 31 agosto ha avuto come protagonisti i Duran Duran, celebre band britannica prossima al quarantennale di carriera.

John Taylor e Nick Rhodes hanno fondato il “marchio” Duran Duran proprio nel 1978, e si stanno preparando a festeggiare l’avvenimento in grande stile, anche con un musical appositamente prodotto per l’occasione. Ma prima di dare inizio al rito collettivo del self-tribute, la band di Birmingham è tornata in Italia per quella che è risultata essere la data più affollata del loro Paper Gods Tour che già l’anno scorso era passato da qui.

I brani del disco Paper Gods (2015) hanno avuto una inaspettata lunga vita e i quattro inglesi capitanati da un Simon Le Bon vistosamente rimesso in forma hanno sfidato i casual listeners con brani mai suonati (Face For Today). E sfoderando ovviamente i classici, da Save a Prayer a Wild Boys e Notorious.

Ogni volta che i Duran arrivano in Italia si mobilitano le più alte cariche della nostra nazione, tanta è la presa che hanno sul pubblico nostrano. All’Hotel Gritti, riferiscono fonti locali, si sono incontrati con il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro che è nel mezzo di una campagna di sensibilizzazione con le star dal titolo #enjoyrespectvenice.

La festa di Treviso è stata una gioia per migliaia di quarantenni che accorrono a ogni apparizione del “mito Duran”, erroneamente bollato come effimero negli anni 80. Ed è stata anche una celebrazione dal tempismo perfetto, visto che la data di oggi con un’icona rock degli anni 90, Liam Gallagher, è stata cancellata per danni alle strutture del festival per il maltempo.

Si riprende domani con Steve Agnello, J-Ax e Fedez e The Giornalisti per poi arrivare al finale più indie con Le Luci della Centrale Elettrica, Mannarino, The Libertines, Levante e Afterhours domenica 3 settembre.

Top