24 Marzo 2019

Lo yoga acrobatico per le strade di Milano

A differenza dello yoga tradizionale, invita i praticanti a lavorare insieme, fuori dal proprio tappetino, favorendo lo spirito di gruppo.

24 Marzo 2019

Lo yoga acrobatico per le strade di Milano

A differenza dello yoga tradizionale, invita i praticanti a lavorare insieme, fuori dal proprio tappetino, favorendo lo spirito di gruppo.

24 Marzo 2019

Lo yoga acrobatico per le strade di Milano

A differenza dello yoga tradizionale, invita i praticanti a lavorare insieme, fuori dal proprio tappetino, favorendo lo spirito di gruppo.

L’AcroYoga nasce dal felice incontro tra lo Yoga, il Thai Massage e l’Acrobatica. Queste tre discipline, combinate tra loro, danno vita ad una serie di esercizi che oltre a fare bene sono anche belli da vedere.La caratteristica principale è che si fa all’aperto e coinvolge il gruppo: viene meno il tappetino solista e la concentrazione su se stessi solamente.

Onlise si trova anche una dispensa gratuita su come iniziare ad avvicinarsi a questa disciplina. Tra gli insegnanti ci sono anche quelli che seguono diverse metodologie. Lo stile Anukalana, ad esempio, è considerato un approccio morbido all’acrobatica che permette di continuare a fare yoga mentre si vola, usa tecniche particolari per evitare la fatica e facilita l’apprendimento con soluzioni innovative e divertenti.

Gli AcroNolers sono un gruppo di acroyoga, che ha la propria base operativa nel quartiere milanese di NoLo, dal quale prende il nome.

In linea con l’anima più yogica dell’acroyoga, gli AcroNolers (di cui vediamo in questa gallery foto di Stefano Bianchi e Alberto Aliverti) sperimentano l’apertura verso gli altri, lo stimolo ad andare oltre i propri limiti e la condivisione, partecipando ad eventi e inscenando incursioni street in diverse zone della città.

Intorno agli AcroNolers si sviluppa il progetto “L’Acroyoga incontra l’Arte”, in cui due mondi apparentemente distanti trovano un punto di contatto, in una commistione tra arte e figure acrobatiche. Geometrie di corpi interpretate da artisti esponenti di discipline diverse, momenti catturati dalla visione artistica che li coniuga in linguaggi diversi, li stravolge, li trasfigura e li reinventa.

Ma gli AcroNolers sono anche consueti a partecipare ad eventi di quartiere (quali I Cortili di via Padova, il PUC Festival) e ad apparizioni improvvise sotto forma di flashmob in luoghi inconsueti o quotidiani di NoLo, lungo un percorso fatto di performance, situazioni, ambientazioni diverse.

Gli AcroNolers sono insegnanti di yoga e semplici praticanti, che hanno trovato in questa disciplina una forma espressiva profonda e coinvolgente.

Il gruppo degli AcroNolers è costituito da Chiara Bertolaja, Giselle Fernandez, Massimo Merisio, Teresa Pillan, Silvia Speziali e Andrea Teruzzi. Nell’acroyoga ognuno ha un proprio ruolo ben definito: la base è il sostegno e rappresenta la stabilità, il flyer è sostenuto dalla base e “vola” cioè entra in varie posizioni yoga in appoggio su mani e piedi della base, fidandosi completamente del proprio compagno. Per questo nel linguaggio comune degli acroyogi invece che per una birra ci si dà appuntamento per “volare”.

Una crew affiatata quella degli Acronolers, spettacolare, sorprendente, che cattura l’attenzione ovunque si esibisca, trasmettendo equilibrio, leggerezza e condivisione.

Photogallery di Stefano Bianchi e Alberto Aliverti.

 

Per informazioni: Silvia Speziali silviayogami@gmail.com

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
admin

admin

Siamo una testata giornalistica di lifestyle maschile e femminile. Ci rivolgiamo a persone interessate alle novità anche di lusso, non solo di prodotto ma anche di tendenza e lifestyle. La nostra mission: celebrare l’ambizione puntando all’eleganza dei potenziali lettori “Millennial” (età 18-34).
Ti potrebbe interessare:

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?