18 Agosto 2023

Antonio Presti: salviamo l’Atelier sul mare

Un hotel che unisce bellezza e arte è stato chiuso dai NAS. Ne parliamo con il suo patron.

18 Agosto 2023

Antonio Presti: salviamo l’Atelier sul mare

Un hotel che unisce bellezza e arte è stato chiuso dai NAS. Ne parliamo con il suo patron.

18 Agosto 2023

Antonio Presti: salviamo l’Atelier sul mare

Un hotel che unisce bellezza e arte è stato chiuso dai NAS. Ne parliamo con il suo patron.

Il mecenate messinese Antonio Presti è un uomo che il mondo ci invidia: da sempre ha usato le sue fortune personali, e l’acutezza dell’ingegno, per il bene comune. A Catania, dove vive, ha operato in quartieri difficili come Librino, mettendo “fiori” dentro i cannoni della violenza. Ed ora, l’ennesimo colpo di scena in una terra ancora difficile: “L’Atelier sul mare”, il suo albergo museo noto nel mondo, a Tusa, nel tratto occidentale della provincia di Messina, in Sicilia, è stato chiuso dai Nas.

Perché succede la chiusura del tuo hotel d’arte “L’Atelier sul mare”?

L’aspetto tecnico è molto discutibile: non esistono, in realtà, gravi difformità, ed i problemi tecnici sono assolutamente risolvibili. In questa stanchezza, che provo fin dagli esordi, delle mie perenni lotte tra cultura e burocrazia, in realtà oggi dico grazie, perché gli ostacoli al mio fare, messo alla prova da tale perenne disturbo, muove e commuove non solo il mio agire, ma ha creato un vortice di sostegno. Bisogna dare voce alla sommossa popolare, unita a quella  degli addetti ai lavori, come pelle sensibile, e protezione, di una comunità viva. Si toglie così, l’anestesia che spesso avvolge una società civile, e le toglie coscienza.

La scrittrice e autrice di questa intervista, Cinzia Alibrandi, con il mecenate Antonio Presti a Catania a Palazzo Stesicoro, dove ha presentato il libro “Petali di Marta”.

Nel tuo caso, stai avendo reazioni fortissime di sostegno.

Come sempre, dal male nasce il bene: da questa esperienza, ho tratto un patrimonio di forza comune, un senso di appartenenza della gente, verso il mio operato, come può essere “L’Atelier sul mare”, che ha rotto gli argini della solitudine, e mi ha fatto sentire forte per l’amore ricevuto. Vale il messaggio che, “se si afferma un bene, è un bene”: in questa tautologia, c’è il senso della mia opera, ed il desiderio di veicolare sempre conoscenza, specie in momenti di dittature dell’ignoranza. 

L’ordine degli architetti di Palermo, è pronto a salvare “L’Atelier sul mare”.

Si sono gentilmente offerti di provvedere a mettere a norma le porte, e quanto i NAS hanno rilevato di irregolare, ed aprire al contempo una campagna di crowdfunding per sostenere le spese. Un movimento spontaneo, capitanato dall’architetto Iano Monaco, è una testimonianza ancora più gradita, perché si dà valore non solo a me come persona, ma ai valori nei quali io mi identifico.

Sei stanco di lottare in una terra amata ma ostile?

Lotto contro l’ingratitudine, che tuttavia, per assurdo, ringrazio. La mia visione, da sempre, è quella della semina, che produce un raccolto chiamato frutto. Ringraziare l’uomo ingrato, apre l’unica via possibile: la strada della bellezza che solca il futuro.

Una delle tue ultime opere è la “Porta delle farfalle” che ha trasformato il cavalcavia di Librino a Catania.

Volevo creare bellezza in un luogo degradato, dove nessuno si fermava a dedicare amore, creando una galleria d’arte a cielo aperto, fruibile per chiunque, e che facesse bene all’anima. Ho pensato, nella diade costante tra bene e male, luce e buio, amore e odio, e così via all’infinito, che fossero i poli positivi a prevalere. Gli artisti sono stati il prezioso tramite che ha illuminato gli occhi dei bambini e delle loro madri, con la visione della luce e della bellezza dell’arte.

Mi dai un messaggio per i giovani?

Svincolarsi dall’algoritmo dei like, che rende schiavi e privi della vera essenza, e percepirsi come potenti guerrieri di luce, con in una mano i libri ed il sapere da essi derivato, e nell’altra, ben stretti, i propri sogni, con cui abbracciare il domani.

Read in:

Cinzia Alibrandi

Cinzia Alibrandi

Autrice messinese ma milanese di adozione, laureata in Lettere presso l'università "La Sapienza" e diplomata all'"Accademia di arti drammatiche" di Roma. Ha un passato di attrice, specialmente teatrale, con qualche incursione nel cinema. Oggi insegna italiano e storia nel triennio di Architettura del liceo artistico milanese "Boccioni", dove ha ideato, organizzato e curato i "giovedì letterari", aperti sul territorio, per la biblioteca, intervistando autori italiani di spicco nel panorama nazionale. È sei volte edita con 'Anna e i suoi miracoli' - Armando Siciliano editore, 'Petali di Marta' - Ensemble e con 'Torna a casa lettera' - Ensemble, Collana Pongo (di cui è stata inventrice e direttrice editoriale), 'Storie di amori e disamori- dalla A alla Z e ritorno’ - Giulio Perrone Editore, 'La vita é così' - Mondadori/Piemme, scritto con la famosa attrice Dalila Di Lazzaro, e sua biografia, e la biografia scritta con il noto stilista lombardo Martino Midali pubblicata da Cairo ‘La stoffa della mia vita-un intreccio di trama e ordito’, presentata a Milano da Jo Squillo, a Roma da Stefania Sandrelli, a Napoli da Marisa Laurito. Cinzia Alibrandi ha promosso e ha girato in Italia e all'estero (Dublino e Londra) con degli happening legati al lancio dei suoi libri, stabilendo un ponte culturale con noti stilisti (Chiara Boni, Maria Grazia Severi, Martino Midali, Cettina Bucca, Josè Lombardi, Gerardo Orlando, e le siciliane Tina Arena, Milena Bonaccorso, Miluna) ed orafi raffinati (Stroili, Stellina Fabbri, Francois Larnè, Pippo Alvaro). I suoi romanzi hanno la prefazione prestigiosa dell’autore internazionale Andrea G. Pinketts; "Petali di Marta" si avvale della copertina a opera della fotografa di moda Agnes Spaak, sorella dell'attrice Catherine. Ha vinto il 'Premio Sicilia'- sezione Letteratura nel 2014; il Premio 'Orgoglio siciliano' nel 2015 - sezione Letteratura; il Premio Speciale alla Carrera al T.A.R.C. Pagliara 8^ Edizione nel 2019. Ha ideato e ha curato per "Assodigitale"per un biennio una rubrica settimanale molto seguita, "tacco & stacco". È giornalista professionista e collabora in modo fisso con i settimanali ORA, VOI, TUTTO, dove intervista le star, e ha una rubrica fissa in cui scrive di amore e tematiche di coppia nel mensile “LEI STYLE”, e intervista i più grandi pensatori italiani.
Ti potrebbe interessare:

Maab Gallery, da Munari a Lieber

Alla Maab Gallery di Milano, nel centralissimo distretto glamour delle 5vie, due artisti di diverso percorso ma uguale appeal si

Nicky Romero Hologram experience

Un evento esclusivo in contemporanea in 30 club italiani. Nicky Romero, ai vertici delle classifiche musicali di riferimento, il dj

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”