9 Febbraio 2023

Finalmente il trio a Sanremo: Morandi, Ranieri, Albano

Tananai unica canzone sanremese. Il picco di ascolti per le vecchie glorie e le novità in sonorità e look della seconda serata del Festival.

9 Febbraio 2023

Finalmente il trio a Sanremo: Morandi, Ranieri, Albano

Tananai unica canzone sanremese. Il picco di ascolti per le vecchie glorie e le novità in sonorità e look della seconda serata del Festival.

9 Febbraio 2023

Finalmente il trio a Sanremo: Morandi, Ranieri, Albano

Tananai unica canzone sanremese. Il picco di ascolti per le vecchie glorie e le novità in sonorità e look della seconda serata del Festival.

La  seconda serata del 73esimo Festival di Sanremo, orfano della presenza trionfante al debutto di Chiara Ferragni, supplisce a questa assenza, calando un tris d’assi Morandi, Ranieri, Albano, che si alternano nei loro cavalli di battaglia davanti a oltre 14 milioni di telespettatori, per poi esibirsi in un intreccio di voci. Nell’era dei rapper e degli autotune, sentire il bel canto di tre ugole d’oro, fa piacere alle orecchie e pure al cuore, perché a me evoca ricordi d’infanzia indelebili.

Riguardo alla nuova figura femminile sul palco, da Chiara Ferragni a Francesca Fagnani, non basta l’iterazione della F con cui iniziano entrambi i cognomi, per garantire un passaggio di staffetta adeguato: qui carisma e simpatia, ahimè latitano, e i commenti sui social fioccano.

Come dire che, dopo Chiara, il diluvio!

Prima canzone degna di nota è di J-Ax, in una sentita e attesa reunion degli Articolo 31 (sono al momento i divi canori più seguito sui social in Italia, 7 milioni di follower) poi il ritorno dopo ventidue anni di Giorgia, vincitrice nel 1995 con “Come saprei”. La cantante romana riconferma il virtuosismo vocale di chi ha una grande voce e la usa magistralmente, ma la canzone francamente, non è un granché, ed il quinto posto a fine serata, è tutto merito di un’ugola che, ha fatto miracoli, ma priva del pezzo giusto, più di questo non fa.

“Cenere” di Lazza, mi è piaciuta, e si farà ascoltare.

Il tributo al momento di riflessione popolare, arriva con la toccante e civica partecipazione dell’attivista italo/iraniana, Pegah Moshir Pour, poi affiancata da Drusilla Foer, che attenziona al terribile regime in Iran.

Accattivante il sound di Rosa Chemical con il suo “Made in Italy” e un contemporaneo “look Urban”: si lascia guardare, oltre che ascoltare.

Un commento sul comico ospite Angelo Duro: mi duole, avendo il ventre molle per chiunque provenga dalla Sicilia, constatare che non mi piace e non mi è mai piaciuto. Per non parlare del gesto di rimanere in mutande sul palco dell’Ariston! Trovo che la sua, non sia trasgressione, ma apologia della trasgressione, non immoralità ma apologia dell’immoralità, e così via all’infinito. Nel rifare il verso a certi miti, stereotipi, tabù, non li butta affatto giù dalla rupe. Anzi.

Sulla classifica, Colapesce Dimartino mi sono piaciuti, e tutto sommato, concordo sul primo posto, come sul secondo di Madame, che migliora pure nel look, fasciata in un total white e stivali sopra il ginocchio. Levante non è Miss Simpatia, ma forse un filo sopra, poteva stare, in più, una bellezza sicula mora che si stravolge la chioma con un colore zabaione improbabile impedisce riconoscibilità.

Su Paola e Chiara, trovo con consolazione, che gli anni passino pure per loro, e “Furore” riecheggia un mix di diversi motivi, affatto originale e bruttina: sono fin troppo sopra.

Questa la classifica della seconda serata:

1-Colapesce Dimartino – Splash

2-Madame – Il bene nel male

3-Tananai – Tango

4-Lazza – Cenere

5-Giorgia – Parole dette male

6-Rosa Chemical – Made in Italy

7-Paola e Chiara – Furore

8-Levante – Vivo

9-Articolo 31 – Un bel viaggio

10-Modà – Lasciami

11-LDA – Se poi domani

12-Will – Stupido

13-Shari – Egoista

14-Sethu – Cause perse

Questa la classifica generale con i voti della sala stampa di Sanremo 2023

1-Marco Mengoni – Due vite

2-Colapesce Dimartino – Splash

3-Madame – Il bene nel male

4-Tananai – Tango

5-Elodie – Due

6-Coma_Cose – L’addio

7-Lazza – Cenere

8-Giorgia – Parole dette male

9-Rosa Chemical – Made in Italy

10-Ultimo – Alba

11-Leo Gassmann – Terzo cuore

12-Mara Sattei – Duemila minuti

13-Colla Zio – Non mi va

14-Paola e Chiara – Furore

15-Cugini di campagna – Lettera 22

16-Levante – Vivo

17-Mr. Rain – Supereroi

18-Articolo 31 – Un bel viaggio

19-Gianluca Grignani – Quando ti manca il fiato

20-Ariete – Mare di guai

21-Modà – Lasciami

22-giaNMARIA – Mostro

23-Olly – Polvere

24-LDA – Se poi domani

25-Will – Stupido

26-Anna Oxa – Sali

27-Shari – Egoista

28-Sethu – Cause perse

Sul piazzamento generale: a parte i Coma_Cose che mi sono piaciuti incondizionatamente, e vorrei al primo posto, stranamente quest’anno, la classifica provvisoria mi trova abbastanza concorde.

Resta il fatto che le canzoni, come sempre, vincono in Rete e nell’ascolto reiterato, dato che non sono molto orecchiabili.

Poi ci sono dei posti in basso come quello di LDA, unico prodotto recente uscito da “Amici” quest’anno in Riviera, che tra il grande padre Gigi D’Alessio e i suoi followers, non ha motivo di cruccio per essere relegato laggiù: si rifarà altrove.

Ultima riflessione: manca quest’anno la vera canzone sanremese, quella che l’interprete canta a gola spiegata e braccia spalancate, mentre il pubblico in sala si alza d’istinto in un’infiammata standing ovation, che infatti non si è verificata.

A mio avviso “Tango” di Tananai (che ha anche un emozionante video dedicato a un amore travolto dalla guerra in Ucraina) è quella che più identifico in tale stereotipo, che non è affatto negativo, ma emblema del lirismo italiano, che varca l’Oceano e ha fatto conoscere Sanremo nel mondo.

Immagine di apertura: seconda serata di Sanremo 2023 -Foto ANSA concessa da Ufficio Stampa RAI a The Way Magazine.

Read in:

Cinzia Alibrandi

Cinzia Alibrandi

Autrice messinese ma milanese di adozione, laureata in Lettere presso l'università "La Sapienza" e diplomata all'"Accademia di arti drammatiche" di Roma. Ha un passato di attrice, specialmente teatrale, con qualche incursione nel cinema. Oggi insegna italiano e storia nel triennio di Architettura del liceo artistico milanese "Boccioni", dove ha ideato, organizzato e curato i "giovedì letterari", aperti sul territorio, per la biblioteca, intervistando autori italiani di spicco nel panorama nazionale. È sei volte edita con 'Anna e i suoi miracoli' - Armando Siciliano editore, 'Petali di Marta' - Ensemble e con 'Torna a casa lettera' - Ensemble, Collana Pongo (di cui è stata inventrice e direttrice editoriale), 'Storie di amori e disamori- dalla A alla Z e ritorno’ - Giulio Perrone Editore, 'La vita é così' - Mondadori/Piemme, scritto con la famosa attrice Dalila Di Lazzaro, e sua biografia, e la biografia scritta con il noto stilista lombardo Martino Midali pubblicata da Cairo ‘La stoffa della mia vita-un intreccio di trama e ordito’, presentata a Milano da Jo Squillo, a Roma da Stefania Sandrelli, a Napoli da Marisa Laurito. Cinzia Alibrandi ha promosso e ha girato in Italia e all'estero (Dublino e Londra) con degli happening legati al lancio dei suoi libri, stabilendo un ponte culturale con noti stilisti (Chiara Boni, Maria Grazia Severi, Martino Midali, Cettina Bucca, Josè Lombardi, Gerardo Orlando, e le siciliane Tina Arena, Milena Bonaccorso, Miluna) ed orafi raffinati (Stroili, Stellina Fabbri, Francois Larnè, Pippo Alvaro). I suoi romanzi hanno la prefazione prestigiosa dell’autore internazionale Andrea G. Pinketts; "Petali di Marta" si avvale della copertina a opera della fotografa di moda Agnes Spaak, sorella dell'attrice Catherine. Ha vinto il 'Premio Sicilia'- sezione Letteratura nel 2014; il Premio 'Orgoglio siciliano' nel 2015 - sezione Letteratura; il Premio Speciale alla Carrera al T.A.R.C. Pagliara 8^ Edizione nel 2019. Ha ideato e ha curato per "Assodigitale"per un biennio una rubrica settimanale molto seguita, "tacco & stacco". È giornalista professionista e collabora in modo fisso con i settimanali ORA, VOI, TUTTO, dove intervista le star, e ha una rubrica fissa in cui scrive di amore e tematiche di coppia nel mensile “LEI STYLE”, e intervista i più grandi pensatori italiani.
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”