Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 29/10/2019

A Genova scienzati e artisti analizzati geneticamente

Peter Greenaway stasera, e poi tanti appuntamenti sul clima, genetica, medicina, food e architettura.

Qual è il filtro che ci permette di cogliere il bello? In che modo percepiamo l’arte, in tutte le sue forme? Un suggestivo percorso per immagini, al Museo di Arte Contemporanea di Villa Croce, a Genova, ci guida alla scoperta delle opere della collezione d’arte del CERN di Ginevra.

L’esperimento espositivo fa parte del programma del Festival della Scienza nel capoluogo ligure che si tiene per 10 giorni fino al 4 novembre.

La mostra in questione (a cura dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare) si tiene al Museo di Arte Contemporanea di Villa Croce (Via Jacopo Ruffini, 3 – Genova) e parla di come i capolavori, realizzati da celebri artisti internazionali, catturano e fermano nel tempo i temi scientifici più affascinanti della nostra epoca. Ma c’è di più. Il viaggio continua tra le opere prodotte dagli studenti di alcuni licei liguri che, ispirati dalle scoperte narrate dai ricercatori INFN, CNR-SPIN,CNR-IMEM, IIT e dei dipartimenti di Fisica e Chimica dell’Università di Genova, hanno deciso di farne un ritratto. È evidente, dunque, che arte e scienza si avvalgono della creatività e, che, alla base, vi sia un ulteriore comune denominatore: l’intuizione, imprescindibile peculiarità di artisti e scienziati.

 
ALTRI APPUNTAMENTI –  Intimamente legato alla città di Genova e alla regione Liguria, il Festival è una manifestazione con un intrinseco carattere internazionale. Gli incontri con grandi ospiti nazionali e internazionali impreziosiscono ogni anno le giornate dedicate alla scienza, dando vita a collaborazioni durature con personalità e istituzioni di tutto il mondo.
Oggi c’è il regista Peter Greenaway che nello spettacolo The Missing Nail svela i segreti dell’Ultima Cena di Leonardo da Vinci (martedì 29 ottobre, ore 21, Sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale).

Un’edizione del festival nel segno degli Elementi, e dei Paesi Bassi, il paese ospite. Il programma del Festival della Scienza 2019 a Genova, con epicentro a Palazzo Ducale, coinvolge poi 315 scienziati e personalità provenienti dall’Italia e dal mondo. Elementi, parola simbolo, non è stata scelta a caso: l’occasione speciale è l’Anno Internazionale della Tavola Periodica degli Elementi, proclamato per il 150esimo anniversario dalla formulazione del sistema di classificazione di Mendeleev. Il Festival celebra anche i 500 anni dalla morte di Leonardo e i 50 anni dallo sbarco sulla Luna.

Tanti i temi trattati all’insegna di contaminazioni, interdisciplinarietà, commistione di saperi e discipline: ambiente, life sciences, climate change, chimica, matematica, astrofisica, cosmologia, genetica, medicina, intelligenza artificiale, big data e nutraceutica, ma anche food, linguistica, arte, architettura, archeologia, realtà virtuale, fumetti e gaming.



Leisure - 11/10/2019

Francesco Renga dal vivo: “Il concerto deve essere una festa”

Parte stasera dal Teatro degli Arcimboldi di Milano il nuovo tour di Francesco Renga. Ben 50 date in [...]

Leisure - 01/06/2018

Al via Radicity, i paesaggisti di tutta Italia abbelliscono il borgo di Eboli

Si ricomincia a lavorare alla rigenerazione urbana a Eboli, in provincia di Salerno. Con un evento d [...]

Leisure - 16/10/2020

Arti e mestieri: a Siena torna il Mercato nel Campo

A Siena, si sa, grande enfasi e protezione "identitaria" è attribuita ai mestieri del tempo che fu [...]

Top