23 Settembre 2022

Ad Anversa riapre il Museo reale di Belle Arti

Dopo 11 anni di rinnovi tanti capolavori tornano al pubblico belga e da tutto il mondo.

23 Settembre 2022

Ad Anversa riapre il Museo reale di Belle Arti

Dopo 11 anni di rinnovi tanti capolavori tornano al pubblico belga e da tutto il mondo.

23 Settembre 2022

Ad Anversa riapre il Museo reale di Belle Arti

Dopo 11 anni di rinnovi tanti capolavori tornano al pubblico belga e da tutto il mondo.

Il 24 settembre il Museo Reale di Belle Arti Anversa (KMSKA) riapre al pubblico, dopo 11 anni, in una nuova veste rinnovata e ristrutturata. 
Con un edificio iconico nel cuore della capitale delle Fiandre in Belgio, una collezione di portata mondiale, un allestimento dinamico e una programmazione audace,
il nuovo KMSKA è pronto ad accogliere il suo pubblico.

Il Presidente del Ministro Jan Jambon: “L’apertura di KMSKA è il momento clou culturale del 2022. I musei sono importanti in una società. Non sono solo la memoria vivente delle generazioni passate, ma sono anche luoghi che rispondono agli sviluppi della società. I ​​musei sono al vetta come fari di fiducia e speranza. In questi tempi incerti, hanno un ruolo sempre più importante da svolgere. Il KMSKA ospita la più grande collezione d’arte delle Fiandre. Finalmente, dopo un lungo tour mondiale, i nostri maestri fiamminghi sono tornati a casa!”
Per 11 anni il KMSKA è stato chiuso al pubblico. Durante quel periodo, l’edificio storico fu ristrutturato e fu aggiunto un nuovo volume bianco puro. La nuova aggiunta è un tamponamento nei patii storici. Questo crea il 40% di spazio espositivo aggiuntivo. Dikkie Scipione di KAAN Architecten ha creato due mondi in un unico edificio. Già prima della sua apertura, il museo come edificio stava già vincendo premi.
“Negli ultimi anni, il governo fiammingo ha investito oltre 100 milioni di euro nel restauro e nell’ampliamento del KMSKA. In cambio, otteniamo non meno di 21.000 m2 di spazio museale. Rispetto a progetti di costruzione museale simili all’estero, questo è un progetto economico “Tuttavia, 100 milioni di euro sono ancora molti soldi. Appoggio pienamente la decisione mia e dei miei predecessori di continuare a investire in questo edificio, in questo luogo e in questa collezione”, afferma Jan Jambon.
Luk Lemmens, presidente KMSKA vzw: “Il KMSKA è estremamente soddisfatto di questa nuova infrastruttura che offre molte opportunità. In futuro, tuttavia, continueremo ad affrontare notevoli sfide finanziarie. Negli ultimi anni abbiamo spesso considerato il modello di business insieme al consiglio di amministrazione. Abbiamo ambizioni internazionali. E le ambizioni costano. Il governo è in una posizione difficile e lo capiamo. Posizionandoci come veri imprenditori culturali, abbiamo trovato molto sostegno da parte delle imprese. KMSKA è la prima istituzione culturale nelle Fiandre a ottenere un risultato così buono in questo campo”.


Collezione in visione ad Anversa
Con 8.400 pezzi, la collezione di KMSKA è la più grande e preziosa delle Fiandre. La collezione è il risultato dei gusti eclettici di collezionisti e registi di epoche diverse. L’opera più antica risale all’inizio del XIV secolo. Sebbene la KMSKA possieda opere d’arte principalmente dal Belgio e dai Paesi Bassi meridionali, ha anche un buon numero di capolavori internazionali di qualità eccezionale.
Carmen Willems, direttore generale del Museo Reale di Anversa, dice: “Abbiamo deciso con decisione di presentare la collezione in due grandi periodi. Mostriamo gli antichi maestri nella parte storica, i moderni nel nuovo volume. Al

punto cardine è situato l’artista James Ensor. Abbiamo la più grande collezione di Ensor al mondo. Gli verrà assegnata un’intera ala”.
Luk Lemmens, presidente di KMSKA vzw: “Il KMSKA è ancora troppo spesso associato solo ad antichi maestri. Grazie allo spazio guadagnato, la nostra fantastica collezione di arte moderna ottiene il posto che merita. Inoltre, ora possiamo esporre opere di James Ensor e Antwerp artista Rik Wouters. Possediamo anche la più grande collezione di Wouters in tutto il mondo.”
Una casa aperta
Il nuovo museo vuole essere un luogo di incontro in cui tutti si sentano i benvenuti. Anche la soglia del nuovo museo di Anversa è stata letteralmente abbassata al piano terra, dove abbiamo creato un ulteriore ingresso. Il museo è fortemente impegnato nell’inclusione e nella partecipazione. Tutti gli aspetti del suo funzionamento e della sua programmazione mostrano che la multivoce è stata considerata a fondo.

Read in:

English English Italian Italian
Ti potrebbe interessare:

C’è del buon Brasile negli Asuma

Si può fare musica brasiliana d’autore innovando. E soprattutto essendo italiani, perché come sappiamo la creatività di uno stile è

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?